1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. mxk

    mxk Nuovo Iscritto

    Buongiorno.
    Sono proprietario insieme a mio fratello di un appartamento: 8/9 sono miei e 1/9 è di mio fratello.
    Vorrei "ritirare" la piccola porzione di mio fratello e vendere l'immobile.
    Per evitare di pagare tasse io e mio fratello pensavamo ad un accordo economico tra di noi e di agire con un atto di donazione.

    Il mio notaio dice che la donazione potrebbe crearmi problemi perchè eventuali clienti interessati all'appartamento potrebbero essere disincentivati all'acquisto. Questo perchè alla morte di mio fratello (che ora è celibe, ha 20 anni, senza prole) i suoi figli potrebbero rivalersi sugli acquirenti dell'appartamento dimostrando che tale donazione li avrebbe danneggiati.

    A me sembra una grande cavolata, voi cosa ne pensate? :shock::shock:

    NB: Il valore commerciale diqusto bilocale è di circa €70'000.

    ciao e grazie

    Aggiunto dopo 1 :

    NB2. sono diffidente perchè il notaio in questione ha già dimostrato più volte di essere un pirla...
     
  2. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Quello che dice il Notaio è ovviamente giusto. Pensa che una banca non eroga, facilmente, un mutuo su un immobile che abbia nella sua storia di proprietà, una donazione. Perchè? Perchè le donazioni sono mal regolamentate e facilmente impugnabili rendendo, di fatto, un bene "rifugio" come una casa, un centro di contenziosi.
    Se tu hai un buon rapporto con tuo fratello, firmate un accordo scritto tra "gentiluomini" in cui identificate l'importo con cui intendi liquidarlo e quindi, quando addiverrai alla vendita, presenzierà anche lui nella firma dell'atto di vendita.
     
  3. mxk

    mxk Nuovo Iscritto

    ogni giorno imparo qualcosa di nuovo...
    grazie mille per la consulenza!
     
  4. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    ha ragione giacomelli. vendete di comune accordo e poi regolate le cose tra voi.
     
  5. mtr

    mtr Membro Attivo

    Non essendo avvocato non mi addentro nei pareri esposti.
    Quale Tecnico, ho assistito dei clienti -per la mia parte ovviamente- i quali erano in simile situazione. Hanno risolto con un atto di aquiescenza, firmato da uno dei soggetti che aveva ricevuto una parte del bene in donazione, appunto.
     
    A alex1956 piace questo elemento.
  6. mxk

    mxk Nuovo Iscritto

    grazie a tutti per le risposte.

    mtr scusa, non ho capito bene cosa è successo.:confuso:
     
  7. mtr

    mtr Membro Attivo

    Quattro fratelli.
    Uno di questi riceve la propria quota di proprietà dal genitore, per poterla contestualmente vendere al secondo, il quale riceve anche lui la propria quota dal genitore.
    Successivamente il terzo figlio riceve anche lui la propria quota e infine il quarto.
    Quindi 3 fratelli comproprietari -con quote differenti- del bene, e uno infine completamente estraneo.
    Quest'ultimo ha firmato una dichiarazione di acquiescenza così da eliminare ogni e qualsivoglia ipotetica futura pretesa da parte sua o dei suoi discendenti.
    Spero di avere chiarito.
     
  8. mxk

    mxk Nuovo Iscritto

    :-d chiarissimo, grazie
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina