1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Kodi

    Kodi Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Salve,
    sono in possesso di un terreno che al momento dell'acquisto (piu di 15 anni fa) era agricolo e poi in seguito a disposizioni del comune, è divenuto edificabile. Non è ancora stata fatta nessuna rivalutazione.
    Volendo donare questo terreno ai figli, devo fare la rivaluzione con perizia asseverata (visto che i termini sono stati riaperti con la legge di stabilità 2017) pagando l'aliquota agevolata dell'8% entro giugno del 2017 prima della donazione per non avere problemi con l'agenzia delle entrate?
    O posso donarlo al valore iscritto nell'atto d'acquisto che pero non rispecchia il valore attuale del terreno visto il cambio da agricolo a edificabile?

    Una volta fatta la perizia e pagato l'8% l'agenzia potrebbe farmi un accertamento e contestarmi quel valore stabilito dal geometra con la perizia?
    Grazie
     
  2. Kodi

    Kodi Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Nessuno sa dirmi nulla?
    Ho fatto la stessa domanda nelle settimane scorse in altri forum ma non ho mai ricevuto risposta.
    Sono io che pongo male il quesito o non c'è porprio una risposta alla mia situazione?
    Grazie
     
  3. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Mi è capitato più volte di fare la perizia per degli atti di compravendita. Credo che sia la stessa cosa. Faresti meglio a chiedere al notaio. Certamente, se verserai l'8% risparmierai il 12%, credo.
     
  4. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    non so di preciso ma per le compravendite la tassazione è sulla plusvalenza che realizzi, donando non realizzi plusvalenze, saranno dovute delle imposte però non credo vadano sul valore di mercato
     
  5. Kodi

    Kodi Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Grazie per le risposte.

    Risparmierei il 15 come minimo visto che il primo scaglione IRPEF è al 23% e il risparmio sarebbe notevole.
    Vero che non realizzo plusvalenze ma nell'atto deve essere comunque messo un valore di donazione che non credo possa essere quello presente sull'atto di acquisto.
    Ho trovato alcune sentenze che condannano la donazione pre-vendita proprio perche alcuni donavano prima al valore di mercato e poi vendevano allo stesso valore eludendo la plusvalenza.
    Io pensavo di fare questa rivalutazione anche per evitare eventuali problemi al figlio un domani qualora volesse vendere il terreno.
     
  6. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    conviene sentire il notaio che stipulerà e concordare una strategia
     
  7. Kodi

    Kodi Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Grazie per le risposte.

    Approfitto del topic per chiedere un'altra informazione:
    Se un genitore vuole donare (mantenendo l'usufrutto) la propria abitazione a 3 figli in parti uguali come si calcolano le imposte ipotecarie e catastali considerando che solo per 2 figli si possono applicare le agevolazioni prima casa?
    400 euro per la donazione ai 2 figli e il 3% per il figlio che ha residenza differente o vale come per la successione dove basta che vi sia 1 figlio che puo beneficiare delle agevolazioni prima casa per pagare solo 400 euro?

    Grazie
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina