1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Tizi70

    Tizi70 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Salve, avrei bisogno di informazioni riguardanti la donazione di un terreno non edificabile. Abito nella casa di proprieta' di mia mamma assieme a quest'ultima. Attorno alla casa, di sopra e da un lato vi e' questo terreno di circa 250 mq di proprieta' di mia zia, sorella di mia mamma. Preciso che da oltre 30 anni mia mamma abita li' e coltiviamo il terreno una parte ad orto e alberi da frutta. A mia zia non interessa il terreno e' quindi propensa a fare una donazione a me in quanto unica figlia e quindi unica erede di mia madre. Volevo sapere le modalita' per la donazione e i relativi costi per la pratica e se eventualmente e' valida la legge dell'usucapione. Grazie per le vostre risposte.
     
  2. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    la cosa più semplice è una vendita, il valore di un terreno non edificabile di 250 mq è bassissimo, si pagherebbe il minimo dell'imposta di registro e non avrai nessun tipo di problema
     
    A Tizi70 piace questo elemento.
  3. Tizi70

    Tizi70 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Grazie per la risposta. Quindi dovrei farmi fare la valutazione del terreno e poi andare sempre da notaio e fare un atto di vendita, ho capito giusto?
     
  4. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    esatto!
    visto che è una transazione sostanzialmente amichevole il valore può essere minimo, i tributi quindi ridottissimi, l'atto va comunque stipulato e anche la donazione ha dei costi, anche se ci fosse una differenza di costo sarebbe minima e il trasferimento tramite vendita assolutamente da preferire
     
    A Tizi70 piace questo elemento.
  5. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ma se tua zia non ha eredi e sei tu l'unica erede perchè preoccuparsi? in caso contrario quello che dichiarare di vendere e comprare dovrà essere avvalorato dalla effettiva movimentazione di denaro la cosidetta tracciabilità della operazione:fiore:
     
  6. Tizi70

    Tizi70 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Mia zia ha 2 figlie come eredi x questo non vorrei avere problemi in futuro. Possiede una casetta li' vicino da ristrutturare completamente ma e' un ricordo di famiglia x cui non vuole venderla mentre il terreno e proprio tutto attorno alla casa di proprieta' di mia mamma. Se un giorno le mie cugine vogliono vendere tutto io mi ritroverei in una casa senza giardino con estranei che mi circondano...
     
  7. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    compralo, la donazione nel tuo caso non è assolutamente da fare, vero che deve esserci la tracciabilità ma la cifra potrebbe essere quasi simbolica e troverete sicuramente la soluzione
     
    A Elisabetta48 e Tizi70 piace questo messaggio.
  8. Tizi70

    Tizi70 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Grazie del consiglio Griz. Allora quando andiamo da un notaio dobbiamo chiedere di fare un atto di vendita quindi e quali documenti devo portare? La stima del terreno da chi viene valutata?
     
  9. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ecco visto? ci sono degli eredi che un domani potrebbero accampare pretese pertanto come già detto l'unica e l'acquisto con l'effettiva movimentazione dei soldi.:fiore:
     
    A Tizi70 piace questo elemento.
  10. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    il notaio ti saprà consigliare, eventualmente un tecnico potrà darti una dritta su un valore di mercato per terreni di quel tipo, non è necessaria una stima vera e propria, valori indicativi puoi trovarli anche sul sito dell'Agenzia del Territorio di competenza.
    Comunque per istruire l'atto fondamentalmente serve il titolo di proprietà attuale e il Certificato di destinazione Urbanistica del terreno, il resto sono visure catastali ed ipotecarie che il notaio trova in rete
     
  11. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    non devi dichiarare il valore di mercato ma iI Reddito dominicale dei terreni, disciplinati dagli Artt. 27 – 35 D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, ovvero quelli derivanti dai terreni situati nel territorio dello Stato che sono o devono essere iscritti, con attribuzione di rendita, nel catasto. La cifra dunque sarà ancor più bassa. e non avrai seccature da parte dell'agenzia delle entrate.
     
    A Tizi70 piace questo elemento.
  12. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    giusto quanto scrive arciera però un valore troppo basso potrebbe indurre i futuri eredi a impugnare l'atto come una vendita finta, quindi il valore in atto sarà meglio sia un valore attendibile di mercato, le tasse le pagharai sul valore derivato dal reddito dominicale, comunque vedrai che i valori saranno talmente bassi che non ci saranno problemi
     
    A Tizi70 piace questo elemento.
  13. maria55

    maria55 Membro Attivo

    Professionista
    Volevo chiedere alla nostra amica se è figlia unica ?
     
  14. Tizi70

    Tizi70 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Si' io sono figlia unica.
     
  15. maria55

    maria55 Membro Attivo

    Professionista
    Se tu sei figlia unica e tua zia ha dei figli la soluzione è la compravendita.
    Assolutamente no la donazione, e per un valore che possa tenerti al riparo da accertamenti fiscali.
     
  16. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    non capisco tutte queste paure sugli accertamenti fiscali. se uno dichiara quanto è scritto sulle rendite terreni e catastali non ha alcun problema con il fisco, nè con altrui rivendicazioni immaginabili
     
  17. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Preliminarmente c'è da osservare che le cugine non hanno diritto alla quota di legittima, quindi la zia del suo, ne può fare quello che vuole. Poi, il valore del terreno se è agricolo lo puoi determinare in modo automatico moltiplicando il reddito dominicale:
    R.D. x 1,25 x 110 = valore minimo da dichiarare nell'atto.
    Visto che il valore sarà irrisorio, la zia potrà dichiarare, che l'atto lo stipula per regolarizzare uno stato di diritto, sopravvenuto con l'usucapione ultraventennale. Tale atto si rende necessario per procedere alla variazione dell'unità immobiliare (abitazione) con la fusione e l'ampliamento del cortile. In alternativa, sarebbe possibile che tua zia facesse un testamento olografo nel quale dichiara di lasciarti il terreno, riconoscendo che lo possiedi da oltre vent'anni. Con la pubblicazione del testamento e la successione, quando sarà il momento, tutto si regolarizza. Questa soluzione forse sarà più onerosa.
     
    A rita dedè piace questo elemento.
  18. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    accidenti! fortunata che il tuo caso sia stato considerato così appropriatamente. Semplicemente perfetto. tutto mi concorda
     
    A rita dedè piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina