1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. tyubaz

    tyubaz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    ...un dipendente delle ferrovie o di qualsiasi altro ente, può durante gli orari liberi, fare il barista o altro , quindi avere 2 pensioni e due stipendi?:occhi_al_cielo: alla casta politica è permesso.....!|!!!!!!!
     
  2. beppebre

    beppebre Membro Attivo

    Alla classe politica, che non è scesa dal cielo, lo hanno permesso e continuano a permetterlo i cittadini italiani. I politici italiani sono uguali, ma proprio uguali, agli altri cittadini italiani. Solo un po' più furbi.
     
  3. tyubaz

    tyubaz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    ...ma se la legge è seria....i furbi se li inciula....per bene...o sbaglio?....quindi son leggi solo per i disgraziati come noi!!!!
     
  4. effemme8

    effemme8 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    vuoi dire che se fai il turno di giorno da ferroviere (che oramai non è più dipendente-stato) NON potresti fare il guardiano di notte....purchè tu sia sveglio durante il turno di ferroviere ?

    mi sembra strano.....
     
  5. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    E' necessario conoscere cosa prevede il contratto di lavoro per la qualifica ricoperta dal Ferroviere, ricordo che anni fa, mi raccontava un amico, per espletare un altro lavoro esterno all'ente era necessario il permesso scritto del diretto superiore.
    Quello che mi sembra impossibile è che nel futuro questo lavoratore, semprechè siano possibili i due lavori, possa ottenere due pensioni.
     
  6. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    su questo ci puoi giurare. Una volta essendo iscritto a due enti pensionistici differenti (INPS Enpals) poteva scappare qualche anno di sovrapposizione ma poi veniva ugualmente alla luce. Alcuni dipendenti statali, non tutti, che svolgevano orari di lavoro ridotti(per esempio i medici delle USL) potevano, dietro nullaosta del ente da cui dipendevano, chiedere l'autorizzazione a svolgere un secondo lavoro. Non credo che ad un macchinista delle ferrovie sia concesso di lavorare nei periodi previsti per il riposo.
     
  7. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    In questo sono d'accordo, comunque quello che so per certo era stato concesso ad un macchinista di svolgere l'incarico di amministratore del proprio condominio, e per le relative imposte aveva la gestione separata.
     
  8. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Forse intendevi per i relativi contributi pensionistici...le imposte le pagava normalmente all'erario...
    Nell'ambito del privato non è comunque vietato avere due lavori (in regola), purchè il lavoratore abbia le capacità fisiche e mentali per svolgerli diligentemente entrambi. Saluti.
     
    A condobip piace questo elemento.
  9. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    si, mi sono impapinato nella descrizione, dato si parlava di doppia pensione con Luigi Criscuolo.
    Grazie della precisazione :ok:
     
    A essezeta67 piace questo elemento.
  10. tyubaz

    tyubaz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    ci son capoccioni che fanno i Presidenti in contemporanea con altre 5 o 6 presidenze o sindaci che fanno altri lavori in altre sedi....come fanno?????:shock:
     
  11. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    In contemporanea non è possibile, perchè umanamente parlando il dono dell'ubiquità non è possibile, ma se le riunioni a cui partecipano sono compatibili è possibile, anche per chi ha un doppio lavoro, per esempio uno che ha l'orario ridotto da una parte al mattino (p.es. 4 ore al giorno), nel pomeriggio può svolgere un altra occupazione, purchè siano dovute le relative imposte all'Erario come giustamente ha detto essezeta67
     
  12. tyubaz

    tyubaz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    ....si...vabbè....ma per me ci marciano....non credo sti .....miracolati della casta....siano tutti nell'ordine delle regole.....manco se li vedo....ci credo!!!!se tu sei sindaco a scannapolli....non puoi fare il direttore amministrativo in ufficio pubblico in altra sede a 50 km....cosi è per un sindaco che conosco io....!!!
     
  13. luciano1949

    luciano1949 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Boh.... mi sembra impossibile per un comune mortale avere due lavori per avere poi due pensioni, partiamo dal presupposto che ognuno ha un libretto di lavoro, e i contributi per la pensione si pagano attraverso il datore di lavoro, quindi da una assunzione che sia in regola, appunto, con la documentazione tradizionale.
    Il secondo lavoro dovrebbe essere retribuito con una ritenuta d'acconto che non prevede, credo, un ulteriore versamento di contributi.
    Mentre è possibile pagare dei versamenti per avere poi in seguito una pensione privata, o un vitalizio, ma ogni giorno in questo paese cambiano modalità e leggi che magari si da la possibilità ai furbetti di avere appunto due lavori "regolari" senza nessun divieto.
    se così fosse.........
     
  14. tyubaz

    tyubaz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    ....a Lucià...ma sei del '49 come me...o c'hai 49 anni?...ma i giornali non li leggi?....prendi quel porkone di Amato....quante pensioni ha?....informati!!!! e come lui il governo ne è pieno....
     
  15. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Il libretto di lavoro è stato soppresso nel decennio scorso....Per il secondo lavoro dovrebbe essere come dici se il primo coprisse la retribuzione di un tempo pieno ma se i due lavori sono part time, per entrambi si devono versare i contributi. Saluti.
     
  16. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Semplice, non è richiesto il tempo pieno.
    Una persona può anche avere contemporaneamente due distinti lavori a tempo indeterminato a condizione che l'ammontare delle ore non superi quello previsto dalle legge ( 2 part-time sono perfettamente legittimi).
    Un lavoratore può anche svolgere un lavoro a tempo pieno e contemporaneamente far parte di una decina di Consigli di Ammonistrazione.
     
  17. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    La materia dell’orario di lavoro è regolata, oggi, dal D.lgs 66/2003 e successive modificazioni.
    In particolare, rileva l’art. 4 del cit. Decreto che disciplina l’orario massimo di lavoro.
    La durata massima settimanale dell’orario di lavoro, infatti, è stabilita in linea di principio dai contratti collettivi di lavoro. In ogni caso, non può superare la media di 48 ore ogni 7 giorni. Tale media deve essere calcolata con riferimento ad un periodo di quattro mesi (fermo restando che i contratti collettivi possono elevare il limite di cui al comma 3 fino a sei mesi ovvero fino a dodici mesi a fronte di ragioni obiettive, tecniche o inerenti all'organizzazione del lavoro, specificate negli stessi contratti).

    Ci sono delle eccezioni che derogano questo limite sino ad un massimo di h 52 settimanali ma per non più di 6 mesi.
    Pertanto con rapporto di lavoro a tempo indeterminato ma part time di 30 ore settimanali è possibile un rapporto di lavoro con apertura P.IVA o altre tipologie contrattuali però la durata massima dell'orario di lavoro complessivamente inteso, non può superare la media di ore 48 ogni 7 gg.(settimana), più alcune specifiche relative al contratto di appartenenza.
     
  18. tyubaz

    tyubaz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    ...mah....allora è tutto regolare...me sembra strano....!!!!
     
  19. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    sbagliato
    Tutte le attività lavorative sono soggette al pagamento di contributi, magari in forma separata, ma i contributi li devi pagare sempre.
    Ne sa qualcosa mia sorella che avendo fatto domanda ed essendo andata in pensione, decise di rimanere come consulente part time per un paio di anni nella medesima azienda. Oggi, dopo cinque anni che ha cessato il suo rapporto, sta pagando all' INPS a rate 9000 euro tra mancati versamenti, multe e more. Il suo commercialista, scomparso qualche hanno fa, le aveva detto: "tu sei già pensionata non devi versare i contributi per la pensione". A mia sorella, quando avrà finito di pagare, le verrà riconosciuto un aumento mensile di 13 euro lordi.
     
  20. tyubaz

    tyubaz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    ....solo i politici son privilegiati.....al popolo calci in kulo e....tasse!!!!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina