1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag:
  1. Elegance

    Elegance Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Dopo una ricerca sul forum, ho trovato una probabile risposta ad un dubbio che mi assilla.

    Il buon Nemesis in merito ad un impianto ante 1990 ha citato la seguente legge :

    Gli impianti elettrici nelle unita' immobiliari ad uso abitativo
    realizzati prima del 13 marzo 1990 si considerano adeguati se dotati
    di sezionamento e protezione contro le sovracorrenti posti
    all'origine dell'impianto, di protezione contro i contatti diretti,
    di protezione contro i contatti indiretti o protezione con
    interruttore differenziale avente corrente differenziale nominale non
    superiore a 30 mA.

    Se non traduco male quello che leggo sopra, significa che se e' presente un salvavita nel locale contatori condominiale, per ogni singolo appartamento ( contatore enel + quadro elettrico con salvavita), non serve installarne un altro nell'appartamento stesso. In sostanza sarei in regola con una situazione di questo tipo, oppure dovrei comunque installare un salvavita nel quadro elettrico all'interno dell'appartamento ?

    Grazie a tutti
     
  2. Dimaraz

    Dimaraz Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Ne basta uno.
     
  3. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Se uno decide di adeguare l'impianto alla norme vigenti, trovo certamente più logico e comodo ubicare l'interruttore differenziale in corrispondenza dell'ingresso dell'impianto nell'unità immobiliare. E' logica la convenienza: in caso di distacco è comodamente raggiungibile per riattivare la connessione. Ovviamente se esistesse già a valle del contatore, nei pressi del gruppo di misura, sarebbe sufficiente e valido ma certamente meno agevole intervenire in caso di necessità.
     
  4. FUENTES

    FUENTES Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Oltre al differenziale da 30mA, credo serva anche un interruttore magnetotermico ( di amperaggio adeguato) da installare dopo il gruppo contatore ENEL.
    Ovviamente il tutto deve essere verificato e certificato da un tecnico abilitato che rilascia la certificazione.
     
    A basty piace questo elemento.
  5. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Sarebbe utile, ma dubito che venga rilasciata una dichiarazione di conformità solo per aver inserito un magnetotermico.
     
  6. FUENTES

    FUENTES Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Ovvio, infatti verranno successivamente eseguiti dei test sull'impianto reale , come cortocircuiti e dispersioni di corrente su vari punti dell'impianto
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina

  1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies.
    Chiudi