1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. mcmary

    mcmary Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Vi chiedo cortesemente consigli su questa situazione:
    Il padre, defunto, ha redatto in vita un testamento olografo nel quale lasciava alla moglie l'usufrutto sulla casa di abitazione, ad un figlio una quota X delle proprietà, all'altro figlio i rimanenti beni, di entità maggiore.
    Questo testamento, mancando di legittima verso la madre, credo non sia valido.
    Come va interpretato a questo punto? come non esistesse e si applicano le quote legittime o si deve intendere che al figlio "preferito" va la "disponibile" e in che misura? In caso di rinuncia della madre?
    Spero di essere stata chiara e vi ringrazio se avrete tempo per rispondermi.
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    È valido. Se uno (qualsiasi) dei legittimari è stato leso nella sua quota di legittima, potrà agire in riduzione, entro il termine prescrizionale decennale, per essere reintegrato nella sua quota.
    Il legittimario leso può comunque rinunciare a esercitare tale azione, espressamente ma anche tacitamente. In quest'ultimo caso, la sua rinuncia deve concretizzarsi in un comportamento concludente, inequivoco e incompatibile con la volontà di far valere il diritto alla reintegrazione della quota di riserva.
     
    Ultima modifica: 10 Marzo 2016
    A quiproquo e casanostra piace questo messaggio.
  3. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Più che della "legittima" alla madre (potrebbe anche essere concorde)...il figlio che ha avuto la "nuda proprietà" e un valore nominale già inferiore (a tue parole) potrà far valere le sue ragioni ove la differenza superasse la quota di disponibile.
     
  4. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Confermo gli interventi di chi mi ha preceduto ed aggiungo che la quota disponibile nel caso specifico fosse di 3/9. Sui restanti 6/9, 2/9 spettano a ciascun erede: moglie e due figli. Ovviamente, la quota si riferisce al valore del diritto reale ricevuto, quindi dell'usufrutto assegnato alla vedova. Non rispettando queste quote di legittima ciascun erede può intervenire in riduzione.
     
  5. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    No. Ex art. 542, comma 2 c.c., ciascuno dei tre coeredi ha una quota di riserva di 1/4. Di conseguenza, la quota disponibile per il testatore è di 1/4.
     
  6. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Confermo l'errore. Nel caso specifico la quota disponibile è 1/4 ed a ciascuno degli eredi del caso specifico spettano 1/4.
     
    A quiproquo piace questo elemento.
  7. mcmary

    mcmary Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina