1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. gattaccia

    gattaccia Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    buongiorno
    dubbio sull'atto pubblico di accettazione tacita dell'eredità, trascritta dal notaio: vale come comunicazione formale degli eredi all'Agenzia delle Entrate?

    dato che con la dichiarazione di successione NON si comunica all'AdE chi siano gli eredi, invece con l'accettazione tacita trascritta dal notaio?
    può "sostituire" efficacemente la raccomandata, o comunque può essere considerata un modo incontrovertibile di conoscenza da parte dell'Ade di chi sono gli eredi?


    grazie
     
  2. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    Con la dichiarazione di successione vengono comunicati gli eredi, non le quote
     
  3. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    E' una contraddizione in termini o è tacita o è una dichiarazione di accettazione d'eredità.
    La dichiarazione di successione deve riportare l'elenco degli eredi ed il grado di parentela. La stessa deve essere presentata all'EdE - Agenzia del Territorio con la domanda di voltura dove deve essere riportata la ditta subentrante con le quote dei diritti degli intestati.
     
  4. gattaccia

    gattaccia Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    intendevo l'accettazione tacita fatta dal notaio in occasione della vendita di un bene immobile ereditato: è un atto pubblico registato dal notaio
    dato che la dichiarazione di successione non identifica gli eredi ma i chiamati all'eredità, e quindi non vale come comunicazione formale dei nomi degli eredi all'AdE, mi chiedevo se invece l'accettazione tacita di cui sopra vale
     
  5. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Anche l'accettazione fatta dal notaio è una dichiarazione di parte. Ti chiedo: è stata fatta una ricerca per ricostruire l'albero genealogico e riscontrare chi sono gli eredi legittimi?
     
  6. gattaccia

    gattaccia Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    sì tutto a posto
    gli eredi sono legittimi e hanno accettato tacitamente con la vendita, però l'accettazione tacita è comunque un atto pubblico opponibile ai terzi, quindi mi domandavo se vale anche come comunicazione delle generalità degli eredi all'AdE
     
  7. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    No.
    L'art. 65 del D.P.R. n. 600/1973 recita:
    Gli eredi rispondono in solido delle obbligazioni tributarie il cui presupposto si è verificato anteriormente alla morte del dante causa. Gli eredi del contribuente devono comunicare all'ufficio delle imposte del domicilio fiscale del dante causa le proprie generalità e il proprio domicilio fiscale. La comunicazione può essere presentata direttamente all'ufficio o trasmessa mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento, nel qual caso si intende fatta nel giorno di spedizione.
    [...]
    La notifica degli atti intestati al dante causa può essere effettuata agli eredi impersonalmente e collettivamente nell'ultimo domicilio dello stesso ed è efficace nei confronti degli eredi che, almeno trenta giorni prima, non abbiano effettuato la comunicazione di cui al secondo comma.

    Quindi, solamente se vi sia stata la comunicazione in questione e siano decorsi almeno trenta giorni dalla stessa, è consentito agli eredi contestare, sotto il profilo dell’erronea individuazione del luogo di esecuzione, la notifica eseguita nell’ultimo domicilio del defunto invece che presso il loro domicilio personale.
    Secondo la giurisprudenza, la comunicazione deve peraltro rispettare le formalità prescritte dalla norma, non potendo riconoscersi medesima valenza a fonti di conoscenza "indiretta" – come, per citare un altro esempio, le indicazioni contenute nella dichiarazione dei redditi – che, pertanto, non sono ritenute equivalenti alla specifica comunicazione prevista dalla norma.
     
  8. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Se avete fatto un atto di vendita di un immobile ereditato, certamente, dovete avere presentato una dichiarazione di successione, quanto meno dell'immobile oggetto del rogito.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina