• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Franci63

Membro Senior
Proprietario Casa
Ho un dubbio, e spero che i tecnici presenti sul forum sapranno aiutarmi a capire.
Ho visto il condono che mio padre ha chiesto e ottenuto nell'86, per rendere abitabile una presunta soffitta di 65 mq, in origine grande locale unico più lavanderia.
Tale soffitta si trova al settimo piano , collegata da scala interna all'appartamento con terrazzo al sesto piano di un immobile anni 60 in semi centro a Milano; aveva fin dall'origine pavimenti in marmo, impianti e riscaldamento, quattro balconi più un terrazzino, e ha il tetto che in sezione è a semicerchio ( non so come spiegarmi meglio, sembra la forma di un hangar).
Adesso è ufficialmente due locali più bagno, nonostante nel punto più alto l'altezza sia 2,30.
E' tutto normale , o l'altezza è troppo bassa, nonostante il condono ottenuto ?
Mi spiegate, gentilmente ?
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Come è stato condonato quel locale? Unità immobiliare a se stante o in ampliamento del piano inferiore? E quali ambienti sono stati indicati con quale destinazione?
Con la 47/85 potevi dichiarare abitabile anche un vano che non aveva i requisiti minimi, tant'è che, sebbene abbia ottenuto il nulla osta, non otterrà mai l'agibilità per la mancanza dei requisiti igienico-sanitari.
 

Franci63

Membro Senior
Proprietario Casa
Grazie @Gianco , spiego meglio.
Dall’origine appartamento sesto piano, con scala interna che collega al piano settimo , dove c’era soffitta e lavanderia.
Ora, da concessione in sanatoria, il piano attimo risulta composto da due camere e bagno ( ovviamente è stato creato un piccolo corridoio che porta alle due camere, con un muro che le separa, tutto condonato).
Altezza massima 2,30, sulla concessione c’è scritto agibile e abitabile, come due camere e bagno (come risulta adesso anche in Catasto).

Sembra tutto ok, il mio dubbio era proprio l’altezza .
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Urbanisticamente è regolare, mentre non lo è dal lato igienico-sanitario. Purtroppo i controsensi da noi, nel nostro Paese, dove, sovente, chi legifera lo fa con assoluta incompetenza, si sprecano. La legge sul condono edilizio, L. 47/85, ha sanato l'abuso edilizio dell'immobile, quindi è abitabile. Se però dovessi richiedere il riconoscimento dell'abitabilità non ti potrà essere rilasciato perché, inderogabilmente, dal lato sanitario il vano di altezza e/o superficie inferiore a quella minima, inderogabile, non è salubre, quindi non ne può essere rilasciata l'abitabilità con visto dell'Ufficiale Sanitario.
 

griz

Membro Storico
Professionista
diciamo che fino a che lo stato viene mantenuto così, vale quello che avete condonato, se dovessi ristrutturare i locali al sottotetto non sarebbero più abitabili. Stessa cosa capitata a me: appartamento esistente da sempre, censito nel 1939, parte dei locali altezza m 2,60, impossibile modificare in quanto piano intermedio e le proprietà sopra e sotto sono di altri, la proprietà voleva vendere e essendo meritevole di lavori, chi acquistava voleva ristrutturare, all'UT hanno risposto che presentando una pratica edilizia avrebbero contestato l'uso bloccandola. Cioè: fino a che lo usi così e fai le manutenzioni ordinarie, nessuno potrà obiettare, se vuoi modificare la distribuzione dei locali, non sarà più abitabile
 

Franci63

Membro Senior
Proprietario Casa
Se però dovessi richiedere il riconoscimento dell'abitabilità non ti potrà essere rilasciato perché, inderogabilmente, dal lato sanitario il vano di altezza e/o superficie inferiore a quella minima, inderogabile, non è salubre, quindi non ne può essere rilasciata l'abitabilità con visto dell'Ufficiale Sanitario.
Questo ha un senso, ed era quello che pensavo anch'io: ma ti confermo che sui documenti timbrati dal Comune è scritto che ora la parte di immobile al settimo piano è agibile ed abitabile , come due camere e bagno...
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Quindi, i locali interessati se sottoposti a nuovi interventi urbanistici non potrebbero ottenere l'autorizzazione perché sanati godendo delle eccezione previste nella 47/85.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

di cancellare la data di nascita
desidero vedere i messaggi
Alto