• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

ol.s

Nuovo Iscritto
Buongiorno!
Scrivo per conto di un conoscente poco avvezzo all'uso della tecnologia.
Lui vive in un appartamento diviso a metà (due appartamentini).
L'allaccio del gas è unico per entrambi, entrambe le cucine ne usufruiscono.
Però solo una metà dell'appartamento usa riscaldamento a gas, mentre l'altra è a elletricità.
In parole povere : quale sarebbe la metodologia migliore per determinare i costi per l'uso del gas per cucinare nella appartamentino dove tutto il resto va ad elletricità?

Grazie in anticipo!Anzi grazie di questo bellissimo sito e di tutti consigli utili che mi avete dato fin ora!
 

Franci63

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Mettere un contatore per ogni immobile, se , come dovrebbe essere , è stato fatto correttamente il frazionamento dell’immobile originariamente unico.
 

ol.s

Nuovo Iscritto
ah si certo!il fatto è che il frazionamento non è stato fatto!i due app sono per uso famigliare e hanno scelto di tenere solo un contatore.Ma i famigliari che vi abitano vorrebbero la possibilità di dividere le spese il più equamente possibile.
 

possessore

Membro Senior
Proprietario Casa
Tenere un solo contatore fa risparmiare sui costi fissi e contrattuali, ma se l'uso "a valle" è diverso da una famiglia all'altra, va verificato con un tecnico se c'è la possibilità di mettere un misuratore a valle in modo che ogni appartamento sappia esattamente quanti metri cubi di gas ha consumato.
 

griz

Membro Storico
Professionista
considerata la situazione "amichevole" si potrebbe anche decidere che il consumo invernale venga parametrato a quello estivo e la differenza pagata solo da chi in inverno usa il riscaldamento, se sono 2 appartamentini i consumi non saranno particolarmante rilevanti e gli eventuali errori di questa differenza stimata non saranno importanti
 

casanostra

Membro Assiduo
Proprietario Casa
La soluzione migliore è quella di Possessore, mettere un contatore a defalco sul tubo di adduzione gas del secondo appartamento non dovrebbe essere difficile, dopodiché, una volta calcolati i consumi, è relativamente facile calcolare i due importi.
 

griz

Membro Storico
Professionista
sicuramente installare un contatore è formalmente ineccepibile ma il costo dell'installazione varrà molti mc di gas, si tratterà di valutare bene i costi/benefici
 

luciano1949

Membro Attivo
Proprietario Casa
L'allaccio del gas è unico per entrambi, entrambe le cucine ne usufruiscono.
Però solo una metà dell'appartamento usa riscaldamento a gas, mentre l'altra è a elletricità.
Installare un contatore supplementare non è poi così difficile e costoso, un idraulico può benissimo farlo in poco tempo e senza problemi con un costo meno di quello che si pensa, si tratta solo di capire se quello che usa l'elettricità per riscaldare la usa anche per l'acqua sanitaria, se usa il gas solo per la cucina basta che si installi un contatore fra il tubo che porta il gas e il raccordo con il flessibile che alimenta il fornello, se invece l'acqua dei sanitari viene scaldata da una caldaia comune allora si fa più complicato, ma con il buon senso si risolve tutto, interpellate un idraulico "serio" e se è fattibile il contatore costa dai 30 ai 60€ e la manod'opera è di circa una mezzora, e due raccordi da 5€.... e con questo finisce la possibilità di future discussioni sui consumi.
 

moralista

Membro Senior
Professionista
Il problema sarebbe per il secondo contatore messo da privato fare le letture dei consumi a defalco della fattura
 

casanostra

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Fare le letture non è difficile, una volta in possesso di queste un ottimo metodo e il classico conto della serva:
costo singolo mc = importo bolletta/mc totali riportati in bolletta
Spesa contatore A=( lettura contatore A-lettura contatore b)*costo singolo mc.
Spesa contatore B=lettura contatore B*costo singolo mc.
 

luciano1949

Membro Attivo
Proprietario Casa
Questo post sembra improntato su una forma di correttezza più che litigiosità, quindi anche se i due contatori segnassero dei valori non "omogenei", mi riferisco alle varie tarature che considerano abbiano discrepanze al di sotto dello 0,3%, (ovvero i due contatori non misureranno mai lo stesso Mc di gas allo stesso valore) queste differenze sarebbero compensate già oggi dividendosi le spese fisse, quindi è meglio mettere un contatore "privato", piuttosto che dividere la fornitura, poi come ha spiegato @casanostra i conti sono talmente semplici che non si andrà certo a discutere sui centesimi... (se ci saranno), vi resta di consultare un idraulico che vi consiglierà dove mettere il secondo contatore in base a come è collegata anche l'acqua sanitaria, ( se collegata alla caldaia invernale o meno, ad esempio) oppure se il secondo "inquilino" ha un piccolo boiler elettrico) solo uno che conosce il mestiere vi potrà dare indicazioni opportune, :fico:
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Disapprovo ciò che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto di dirlo.
Buonasera. Avrei una domanda. Sono nuda proprietaria di una casa di cui mia madre detiene l'usufrutto ma che mia madre non utilizza in quanto é in campagna. É rimasta vuota x dieci anni ed ora che mi sono separata ho portato la residenza. É ugualmente dovuto l'IMU che in questi anni ha pagato mia madre visto che non ha ricevuto bollettino come gli altri anni?
Alto