1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. ugo60

    ugo60 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Sono proprietario di un'abitazione a cui nel 2013 ho fatto eseguire dei lavori all'interno, con rifacimento impianti idrico e termico. Il geometra presentò la Cial al Comune ed apportò le variazioni al Catasto corrispondenti alla realtà. Siccome non abbiamo completato certi lavoretti minori, abbiamo lasciato tutto come nel 2014. Dal 2014, appunto, non ho avuto contatti col geometra essendo rimasto con lui che appena per me possibile l'avrei richiamato. Lui non si fa sentire, nè io posso ancora completare i lavori pertanto evito di chiamarlo: facciamo qualcosa di sbagliato ? La Cial ha una durata ? Si proroga ? Chi controlla ? Ci sono spese burocratiche ? Grazie a chi ha esperienza sul tema e chi vuole darmi i consigli giusti.
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    La CILA (Comunicazione inizio lavori asseverata) ha una validità di tre anni dalla presentazione.
    Una variante può essere eseguita presentando una comunicazione di inizio lavori integrativa, prima della fine dei lavori.
     
    A ugo60 piace questo elemento.
  3. ugo60

    ugo60 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Fine giugno quindi scadrebbero i tre anni, se resta tutto sospeso (magari un'altr'anno) in attesa di tempi migliori, chi controlla al Comune ?
     
  4. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Ricordati che eventuali variazioni vanno denunciate in catasto entro un mese dalla fine dei lavori, quindi dopo tre anni ed un mese dalla data della CILA.
     
    A ugo60 piace questo elemento.
  5. ugo60

    ugo60 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Si, quanto al Catasto il geometra ha aggiornato il catasto alla situazione reale attuale. Però quando saranno terminati i lavori, spero massimo un'altr'anno dopo i tre della CILA, se ci sarà qualche nuova modifica provvederà certamente ad adeguare il catasto perchè in questo ho visto il tecnico è scrupoloso (anche perchè ogni volta, si paga).
     
  6. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    @ugo60, ma se i lavori non sono ancora terminati perché il geometra ha presentato la variazione in catasto, se poi proseguirà i lavori oltre i termini per poi riproporre una nuova variazione? Visto che i lavori sforeranno i termini, sperando che nessuno se ne accorga, potrebbe o avrebbe potuto attendere di terminare la definizione degli ambienti e quindi presentare l'accatastamento definitivo. La fine dei lavori se presentata in ritardo comporterà una sanzione di poche decine di euro. Costerà meno che ripresentare una nuova DOCFA.
    Mi sembra che il geometra ne stia approfittando.
     
  7. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    La CILA è una dichiarazione... di inizio lavori. Non sembra che sia prevista in tutti i casi anche una comunicazione di fine lavori.
     
    Ultima modifica: 16 Maggio 2016
    A ugo60 piace questo elemento.
  8. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    @Nemesis, ho verificato. Hai ragione, non è richiesta la denuncia di fine lavori. Ciò nonostante per il catasto il termine è di un mese dal termine dell'opera. Come si può capire è improbabile che questa omissione possa essere contestata. Come volevasi dimostrare nel nostro Paese non si ha mai la certezza del diritto.
     
  9. ugo60

    ugo60 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Quindi i tre anni sono, diciamo così, virtuali non prevedendo un fine lavori ! Certamente i lavori non possono prorogarsi ... all'infinito. Grazie
     
  10. ugo60

    ugo60 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    No, in pratica i grossi lavori di vera e propria divisione e destinazione interna sono ormai finiti, almeno nella parte abitata. Esiste una parte, un paio di vani con bagno, da ristrutturare, attualmente collegata con una porta interna alla parte finita ed abitata, ma si sta tentando di venderla a parte (ha un portoncino a parte, autonomo) con un'agenzia, per cui la Cila potrebbe servire poi per separare l'attuale unica unità immobiliare. Solo in quel caso si dovrà aggiornare il Catasto, altrimenti il bivani risulterebbe già una seconda casa. Spero d'essermi spiegato.
     
  11. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Certamente, perché tu possa venderne una porzione, corrispondente ad una unità immobiliare, comprendente almeno una cucina, un servizio igienico ed una stanza, deve essere presentato in comune con la CILA ed al catasto con la variazione per frazionamento.
     
    A ugo60 piace questo elemento.
  12. ugo60

    ugo60 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Quindi, anche se vengono superati i 36 mesi della CILA sarà tutto in regola se comunque il bilocale viene poi staccato nella CILA di chiusura, oltre ovviamente a sistemare il catasto. Cosa credo ovvia, anche perchè altrimenti non si potrà stipulare l'atto dal notaio. Grazie
     
  13. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    La CILA sarà unica, semmai darai la comunicazione di fine lavori.
     
  14. ugo60

    ugo60 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Ed in quel caso, quindi, definire il distacco del bilocale.
     
  15. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    La Cial è stata rilasciata prima o dopo del 22/06/2013????
    Se è stata presentata prima, il Decreto del Fare legge 98/2013 comma 3 permette la proroga di max due anni decorrenti dalla scadenza prevista per la Cial, tramite semplice comunicazione (su appositi moduli che trovi anche in internet), da presentare in Comune prima della scadenza naturale della Cial, a costo zero.....
    se invece è stata presentata dopo il 22/06/2013 non rientra nell'agevolazione....
     
    A ugo60 piace questo elemento.
  16. ugo60

    ugo60 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Ho visto la data del protocollo che è 23/7/2013 pertanto non è possibile usufruire della proroga biennale, ma allora si va incontro a sanzioni se non si chiude la Cial nei 36 mesi ?
     
  17. ugo60

    ugo60 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    ... oppure restano comunque valide le considerazioni di prima ? Grazie.
     
  18. docalex78

    docalex78 Nuovo Iscritto

    Professionista
    Salve, è la prima volta che scrivo in questo forum quindi spero di non essere inopportuno.

    Una domanda: dove è scritto che la CILA dura tre anni? Se non sbaglio nel TUE non vengono posti limiti alla durata di tale comunicazione.

    Ho sempre trovato assurda questa cosa e mi farebbe piacere avere finalmente dei riferimenti chiari in merito
     
  19. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    I titoli edilizi “tipici” come SCIA e PdC hanno efficacia tre anni, come stabilito dal TUE DPR 380/01.
     
  20. docalex78

    docalex78 Nuovo Iscritto

    Professionista
    Quello non lo metto in dubbio ma la CILA rientra nell'edilizia libera e non viene assimilata ai titoli edilizi tipici, tanto che rientra nel Capo I e non nel Capo 2 (PC) o nel Capo 3 (SCIA).

    Inoltre come giustamente ha scritto per i titoli classici è chiaramente espressa la durata mentre per la CILA no.

    A mio avviso la legge lascia un buco abbastanza pericoloso in questo senso demandando al "buon senso" dei tecnici la chiusura delle pratiche edilizie in tempi congrui.
     
    A basty piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina