1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. martino954

    martino954 Nuovo Iscritto

    Comunicazione odierna dell'amministratore a tutti i condomini
    "Mi giunge richiesta da alcuni condomini che sarebbe opportuno anticipare, come deliberato nell'assemblea del 28-10-2010, l'installazione del nuovo impianto citofonico. Ho quindi raccolto due preventivi.... A fronte di adeguati consensi provvederò all'appalto."
    Delibera citata del 28-10-2010-dal registro dei verbali:
    "Punto sesto: varie ed eventuali:
    viene deliberato quanto segue:
    - proporre all'ordine del giorno della prossima assemblea il preventivo per nuovo impianto citofonico"
    Che ne dite? E' stato saltato il passaggio dell'approvazione del lavoro dei citofoni? sembra che ne venga data per scontata l'approvazione e si chiede di scegliere il fornitore (più di 2.200 euro, IVA esclusa, non è un bruscoletto da diveidere tra sei condomini!). Secondo me:
    Non si tratta di lavoro necessario ed urgente, l'amministratore deve chiedere:
    1. l'approvazione del lavoro (am proposito:che maggioranza ci vuole? è una spesa voluttuaria, essendo una casa di tre piani con tutti gli appartamenti che si affacciano al cancellino di accesso, ora controllato dal citofono);
    2. poi richiedere la scelta del fornitore.
    Il passaggio 1 inglobato nel passaggio 2 è fonte di errori nella scelta del condomino che può considerare obbligatorio il lavoro e fare solo la scelta del fornitore lasciando a questo punto all'amministratore la decisione che il lavoro si deve fare.
    Questo comportamento l'amministratore lo ha già tentato una volta quando voleva rifare il tetto e chiedeva ai condomini che preventivo scegliere: in quella occasione io chiesi: e la delbera che si deve rifare il tetto chi l'ha fatta?
    e non se ne fece nulla.
    Io ho mandato una mail all'amministratore chiedendo della delibera mancante, ma domani vado dall'avvocato, tanto lui no risponde mai e chiedo che riveda la sua decisione.
    Sono un dannato rompiscatole o sono nel giusto, secondo voi?
    Cordiali saluti
    Martino
     
  2. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    Le spese straordinarie devono essere deliberate dall' assemblea.
    Solo le delibere di assemblea approvate autorizzano l' amministratore a chiedere di pagare le spese condominiali.

    Le consiglio di scrivere una raccomandata all' amministratore, intimando di rispettare quanto deliberato dall' assemblea, e specificandogli di non firmare alcun contratto di appalto, poichè, non essendo stato autorizzato, attualmente non ha il potere di firmare alcun contratto a nome e per conto del condominio.
     
    A Marco Costa, arianna26 e mavi di noia piace questo elemento.
  3. StLegaleDeValeriRoma

    StLegaleDeValeriRoma Membro Assiduo

    Professionista
    Giusto quanto suggerisce l'esperto, più che intimare qualcosa è il caso di diffidare l'amministratore al rispetto della procedura prevista dal codice in materia di delibere assembleari prima di procedere al conferimento dell'appalto.
    Quale condomino può farlo.
    Avv. Luigi De Valeri:daccordo::daccordo:
     
    A arianna26 piace questo elemento.
  4. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    sono i lavori che vanno approvati non basta la generica volontà di chiedere preventivi.
     
  5. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    quello che avete approvato in assemblea era di mettere all'ordine del giorno l'eventuale sostituzione dell'impianto citofonico, non la delibera di sostituzione dell'impianto ciao adimecasa:daccordo:
     
  6. mtr

    mtr Membro Attivo

    Concordo pienamente con l'Avvocato.

    E accipicchia... ne abbiamo abbastanza di amministratori che seguono principalmente il proprio interesse e al diavolo i condomini!!!
    Altro che rompiscatole!
    Purtroppo vedo spesso applicare la 'norma' che colui che fa sentire la propria voce è 'un rompiscatole'.
    Certo, rompe le uova nel paniere di chi se le vuole gestire a propria utilità.
    Vai dritto per la tua strada, protesta e fai valere i tuoi legittimi diritti.
     
  7. martino954

    martino954 Nuovo Iscritto

    Ringrazio e scrivo subito una raccomandata all'amministratore per evidenziare che senza relativa delibera dell'assemblea non può appaltare il lavoro. Una ultima domanda:
    se dovesse convocare una assemblea per richiedere la sostituzione dell'impianto citofonico (perfettamente funzionante per tutti i condomini) con un impianto di videocitofono, basterebbe la maggioranza semplice dei condomini o essendo una spesa di manutenzione, secondo me, voluttuaria, ci vuole una maggioranza qualificata?
    Grazie ancora
    Martino
     
  8. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    L’ installazione di un impianto citofonico non può considerarsi innovazione da approvarsi con le maggioranze prescritte dall’art. 1120 c.c., ma una pura e semplice miglioria di un impianto comune (LOVATI, MONEGAT).
    Non è considerata innovazione, secondo unanime opinione, la trasformazione del citofono in videocitofono o l’applicazione di cellule fotoelettriche ai cancelli dei passi carrai, in quanto tali opere «non comportano un’alterazione sostanziale o funzionale della cosa comune (i cancelli preesistenti o l’impianto di citofono già installato nell’edificio), ma tendono semplicemente a renderne più agevole l’utilizzazione e pertanto la delibera di approvazione potrà essere assunta a maggioranza (LOVATI, MONEGAT).
     
  9. rosalbagi

    rosalbagi Nuovo Iscritto

    Ciao, sono nuova nel forum, ho un quesito da porre: sono proprietaria di un immobile locato in un mini condominio di 9 appartamenti che ha in comune acqua, luce scale e pulizia scale- no giardini perchè sono uso esclusivo - è stato gestito in questi cinque anni dal costruttore che non ci ha mai chiesto nulla. Ora a Dicembre 2010 vengo a sapere dal mio inquilino che è stata autoconvocata un'assemblea per la nomina di un amministratore, la convocazione è stata lasciata al mio inquilino così come la successiva richiesta di assemblea per approvare il consuntivo spese. Ora mi chiedo: è corretto il comportamento dell'amministratore che non ha recapitato al mio domicilio ma bensì a quello dell'inquilino le convocazioni? Io non ho potuto partecipare anche volendo perchè recapitatemi dall'inquilina fuori tempo (che non ha colpa perchè non poteva sapere il contenuto della busta). Nell'assemblea per approvare il consuntivo spese erano presenti solo due condomini, due avevano delegato a una estranea al condominio (che ha fatto pure da Presidente) e all'amministratore, non si raggiungeva il minimo di 500 millesimi previsti dal regolamento di condominio allegato al rogito notarile. Inoltre il regolamento di condominio impone l'obbligo di convocazione a mezzo RR o fax o e-mail, dice che l'esercizio finanziario termina il 31 Maggio di ogni anno mentre hanno approvato un consuntivo spese che parte da Febbraio 2011 con emissione di rate da pagare la prima a Febbraio. Ho chiesto all'Amministratore di rifare l'assemblea perchè nulla, per difetto nella modalità di convocazione e mi risponde che se voglio impugnare sono libera e ci vediamo in tribunale... Per la chiusura esercizio mi dice che il costruttore non l'ha mai tenuto un esercizio.... Di fatto non c'è più la luce nel vialetto condominiale, e il condominio versa in uno stato di sporcizia paurosa.
    Ora il costruttore ci presenterà il conto per questi cinque anni e mi suggerisce di impugnare la delibera condominiale perchè nulla.
    Io, da sola, posso ottenere qualcosa impugnando la nullità dell'assemblea per difetto nella modalità di convocazione, mancanza raggiungimento millesimi, persona estranea al condominio come Presidente e esercizio partito prima della chiusura prevista nel regolamento di condominio che questo Amministratore non vuole riconoscere? La mia paura è che l'inquilina non mi paghi le spese come già dettomi se non vede nulla di concreto soprattutto per la pulizia e inoltre non vorrei pagare le rate a questo Amministratore "sulla carta" e poi assistere a conflitti con il costruttore. Cosa devo fare? grazie per i consigli.
     
  10. robypaz

    robypaz Nuovo Iscritto

    per Martino : ricordati che anche tu , in caso decidiate di cambiare il citofono,come condomino puoi presentare dei preventivi
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina