• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Adamo56

Nuovo Iscritto
Buona sera, vi espongo brevemente.
Ho stipulato un contratto preliminare di compravendita nel settembre 2011 con la clausola "il rogito verrà stipulato entro e non oltre il 15/05/2012", data non rispettata per lavori non ancora terminati, da maggio a settembre 2012 i lavori si sono proprio interrotti al punto che ho contattato l'agenzia mediatrice per capire quali fossero i tempi e mi dissero che per Dicembre 2012 i lavori sarebbero terminati. Tutti i lavori che mi avevano detto avrebbero fatto (ma non hanno scritto nel contratto) vorrebbero farli pagare a me. Quindi queste migliorie chieste le ho dovute eliminare e ho dovuto litigare parecchie volte. Nonostante ciò, nell'arco dei mesi successivi da Settembre a Dicembre non è stato fatto praticamente alcun lavoro. I parcheggi sono da fare, i sanitari non ci sono, l'impianto elettrico è da terminare, gli allacci acqua luce e gas non sono stati fatti ed io non sono più contento sia del trattamento che della casa... All'interno della casa vi sono buchi da dove entrano i topi e defecano. Alla stipula del contratto di compravendita ho versato anche una caparra di 25.000 euro e sono depresso per tutti i sacrifici che sto facendo. Vorrei chiedere l'annullamento del contratto e riavere la caparra indietro. E' possibile che 6 mesi di ritardo che diventeranno almeno 12 non rendano "essenziale" la data stabilita del rogito e della consegna? Posso intervenire tramite avvocato inviando, come ho visto in altri post, una lettera di diffida adempimento dal notaio dopo i 15 giorni? Servirà per renderli inadempienti? Non voglio avere il doppio della caparra indietro, voglio solo riavere la mia caparra di 25.000 euro e soprattutto non voglio più avere a che fare con quella casa. Secondo voi posso fare qualcosa? Grazie a chi mi risponde.
 

mapeit

Membro Senior
Proprietario Casa
Direi che hai tutti gli elementi per rivolgerti ad un legale e far annullare il contratto per inadempimento della parte venditrice con restituzione del doppio della caparra.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Le richieste non devono essere pubblicate nel box. Questo box può essere utilizzato per indicare una frase di accompagnamento ai messaggi.
buonasera..allo stato attuale abito con mia madre ..sono disoccuppata.
Quando mia madre sarà defunta questa casa dovrò dividerla con mio fratello.
Mio fratello percepisce una pensione di invalidità e ha un amministratore di sostegno.
Nel corso di questi anni mia madre ha accumulato debiti e quindi in caso di successione si ripercuoterà sugli eredi.
io posso decidere di pensarci se accettare l'eredità?quanto tempo?
Alto