• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Lara19

Membro Junior
Proprietario Casa
Salve a tutti, ho un grossissimo problema, lo scorso anno ho locato un appartamento 4+4 contratto tutto regolare (premetto che fino ad allora l'appartamento è stato abitato sempre da me per 15 anni); qualche gg fa mi sono recata dall'inquilino (una famiglia senegalese, padre madre e 4 figli che mi avevano presentato come bravissime persone; devo dire che lo sono e pagano regolarmente) per ricevere l'affitto mensile, mi è scappato l'occhio e ho contestato una parte di muro rovinato scrostato e ammuffito, ma questo è NIENTE in confronto, a quel punto gli ho chiesto di visitare le stanze (non l'avevo mai fatto per rispettare la loro privacy) e ho fatto la tragica scoperta; TUTTE le INTERE pareti perimetrali e alcune ainterne sono NERE ammuffite!!! (mi stupisco pure che l'inquilino non mi abbia mai detto nulla!!!!) E' mai possibile???? Ho abitato per 15 anni con mio figlio e non ho mai visto muffa!!! Ora qui il problema è serio perché ritengo impossibile che in meno di 1 anno possa essere successo tutto questo... Ora ho chiesto di rimettere in ordine il tutto anche perché è altamente nocivo per la loro salute.
Quindi chiedo a qualche esperto qui nel forum: posso risolvere il contratto per incuria da parte del conduttore?
Sono passati solo 11 mesi e non oso pensare come potrei trovare i locali tra 7 anni!!!
Non ci dormo più la notte...
Datemi consiglio su come mandarli via...non è possibile conciare un'abitazione in questo stato.​
Sicuramente è dovuto a panni stesi di tutta la famiglia all'interno...​
Se chiamassi l'ASL dicendo che non è possibile che bambini vivano in quelle condizioni, ne pagherei io le conseguenze?​
Ormai quell'appartamento è da risanare completamente, vorrei chiedere loro dandogli qlc mese di andarsene, giustificandogli appunto che l'appartamento è da rimettere a posto e in quelle condizioni non possono stare. Ho bisogno urgente di consiglio su come comportarmi per salvare il mio appartamento.​
Grazie per la risposta.
Lara​
 

mapeit

Membro Senior
Proprietario Casa
E' difficile dare un consiglio in situazioni come queste. In teoria l'inquilino è costituito custode della cosa locata e deve adoperarsi nel manutenerla in buone condizioni con la diligenza del "buon padre di famiglia". Questa formula, arcaica ma ancora valida, viene di solito inserita in tutti i contratti e il suo mancato rispetto costituisce una violazione alle norme contrattuali, tale da poter costituire il presupposto per una rescissione del contratto.
Questa è la teoria, poi la pratica è ben diversa. In Italia, ammesso che tu sostenga le spese per intentare una causa all'inquilino e che si arrivi in giudizio, è difficile trovare un giudice che gli intimi lo sfratto per una parete ammuffita. Senza contare che dovresti produrre prove fotografiche, testimonianze o altro materiale atto a convincere il giudice che la situazione è proprio quella di un'inammissibile incuria.
Pertanto una causa in tal senso avrebbe esito incerto.
L'altra strada, ovvero quella di chiamare in causa l'ASL, è percorribile ma comporta il rischio che qualora non venga verificata una situazione nociva per la salute tu ti possa anche prendere una denuncia per molestie dall'inquilino. Ovvio che se la ASL dovesse verificare una situazione nociva per la salute potrebbe ingiungere congiuntamente ad inquilino e proprietario di porvi rimedio.
Quindi ti ritroveresti con il danno e la beffa !
Forse è meglio cercare chi ti ha presentato la "brava gente" e farlo intervenire per mediare convincendoli a sistemare le pareti e ad adottare altri metodi di asciugatura della biancheria (finestre aperte) per evitare di creare umidità e muffa.
 

Lara19

Membro Junior
Proprietario Casa
Innanzitutto grazie Mapeit per la risposta.
Quindi senza una causa non posso fare nulla?
Cosi nel frattempo qst non paga più l'affitto, mi accusa che è l'appartamento ad essere difettoso e via discorrendo... Tutti tutelati, tranne noi proprietari!!!

Cmq, forse non mi sono spiegata bene;
il punto è che non è 1 sola parete ammuffita, sono TUTTE le pareti soffitti compresi (120 mq ca di appartamento) NON si è salvato un locale che è uno!!!! Soprattutto nella zona perimetrale e la casa non è totalmente a nord; da un lato sorge il sole e da quello opposto tramonta, quindi è ben esposta perché il sole batte tutto il giorno.
Io le prove fotografiche (veramente raccapriccianti) me le sono procurate (anche se mi han detto che non potevo vedere i locali e lui poteva rifiutarsi) dicendogli che fotografavo per mostrare all'ingegniere il problema...(in realtà me le sono procurate per avere delle prove) il cognato che in quel momento era presente mi ha risposto che adesso gli inverni sono più lunghi e quindi ecco il motivo. Improvvisamente dopo 15 anni succede qst???
Sostiene di aver sempreaperto le finestre e tenuto il riscaldamento a 22° (a lui il metano lo regalano perché 900 euro in 1 anno in 120 mq in 6 a me sembra molto poco) e l'ho offeso pensando fosse una bugia. Ora dice che sistemerà, come non lo so, ma il problema si ripresenterà. Sto cercando di non litigare per evitare di inasprire la situazione.
Non capisco perché non mi ha mai detto nulla, me ne sono dovuta accorgere io; anche qst mi insospettisce...

P.S. ho visto gli altri appartamenti dello stabile e nessuno ha muffa!!!
 

mapeit

Membro Senior
Proprietario Casa
Unica strada è uno sfratto per morosità. Se non pagano l'affitto è l'unica strada e la più veloce. Poi saranno loro eventualmente ad opporsi.
Senza una causa è ovvio che non puoi fare nulla, non esiste la "giustizia fai da te".
 

StLegaleDeValeriRoma

Membro Assiduo
Professionista
premetto che gli obblighi in capo al conduttore e la sua diligenza ex art. 1587-1588 C.C. non sono come leggo una teoria :shock: ma norme cogenti come sa chi conosce e applica il diritto locatizio confrontandosi con i giudici in aula..... se la situazione è come la descrive, con il rischio anche di danni a terzi derivanti dall'incuria del conduttore, farà bene a far valutare se vi sono gli estremi per agire in giudizio ed ottenere la risoluzione del contratto anche se i canoni vengono versati... ma il suo avvocato dovrà valutare per tabulas e ben istruire il procedimento, nessuna domanda svolta in causa è accoglibile a priori come molti membri di propit vorrebbero, e lei ovviamente dovrà anticipare le spese della procedura .... a buon intenditor.... e senza perdere altro tempo per non aggravare il danno al suo immobile.:fico:
 

Lara19

Membro Junior
Proprietario Casa
Purtroppo hai ragione...
Per ora "purtroppo" (dico purtroppo perché se pagano non posso proprio mandarli via) pagano l'affitto, oltretutto lasciato basso per non impiccare le persone.
Questo è il ringraziamento per la mia (troppa) correttezza.
Ora manderò una raccomandata intimando di ripristinare i locali a norma di igiene come quando gli erano ststi consegnati entro una data da me stabilita, poi si vedrà. Intanto attendo il 27 che ho app. con l'avv. e mostro le foto dell'appartamento.
Grazie Mapei per la risposta.
Ciao,
Lara
 

Lara19

Membro Junior
Proprietario Casa
Grazie mille per la risposta avvocato De Valeri, trovavo infatti assurdo che non ci fosse assolutamente nessun'altra strada percorribile se non quella dello sfratto per morosità.
Faccio presente che i signori sono proprietari di un bilocale del quale stanno pagando un muto, questo però l'hanno affittato a dei parenti e loro hanno preso in affitto il mio perché in sei stanno più comodi.
Perciò, non li metterei in mezzo alla strada, bensì potrebbero benissimo tornare nel loro (e devastarlo a loro piacimento...)
La sua risposta mi rincuora un pochino, anche se il tempo che passerà non sarà breve; l'importante ora è evitare un altro inverno...
Lara
 

lazialia79

Membro Attivo
Proprietario Casa
Faccio presente che i signori sono proprietari di un bilocale del quale stanno pagando un muto, questo però l'hanno affittato a dei parenti e loro hanno preso in affitto il mio perché in sei stanno più comodi.
Lara
Beh questo gioca a tuo favore: penso che il giudice sarebbe molto più favorevole ad accogliere una richiesta di sfratto con inquilino che ha una casa di proprietà!! Ma forse prima ti conviene comunque cercare di "convincere" bonariamente a sistemare il danno e soprattutto a prevenirlo. Anche io mai vista muffa, gli ex inquilini cucinavano tutto il tempo tappati in casa senza fare entrare uno spiffero d'aria e senza aprire la cappa!! E immagina cosa è venuto fuori, anche se non grave come lo descrivi tu, deve essere una costante, quando le cose non sono tue te ne freghi...
 

Lara19

Membro Junior
Proprietario Casa
Ciao zialia79;
purtroppo il mio problema è molto grave, mi sono trovata davanti ad uno spettacolo veramente raccapricciante non c'è una parete salva dalla muffa, 120 mq di appartamento ammuffiti, dal nero, al giallo, al marroncino al verde muschio....osceno!!! E mi chiedo come facciano a viverci... Ma il peggio è stato quando ho chiesto: ma come mai tutta questa muffa, perché non me l'avete detto? La risposta è stata: mah, si ho visto, non lo so...
Propendo per l'ipotesi che abbiano steso, steso, steso e steso panni in casa a go go, però se è vero che teneva mediamente 22° non mi spiego il fenomeno; considerando che essendo di 3 piani la palazzina, il mio appartamento sta nel mezzo...quindi più caldo del piano terra e dell'ultimo...
Spero vivamente che il Giudice tenga presente che è proprietario...e a dire il vero mi sono lasciata "lusingare" proprio dal fatto che avessero un piccolo appartamento di proprietà...
Mai pensando che non si curassero minimamente di tenere un minimo di norma igienica di base...
L.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
@Lara19, a distanza di 7 anni ormai il problema dovrebbe essere stato superato. Comunque per chi legge, consiglio di rivolgersi al un tecnico competente che in sede di sopralluogo verifichi la natura e la posizione prevalente dell'umidità. Generalmente si manifesta prevalentemente in corrispondenza dei ponti termici, strutture in cemento armato perimetrali dell'edificio e comunque sulle murature a contatto con le pareti a nord. Sarebbe interessante verificare se le cerniere delle finestre operano senza ostacoli, perché la loro inattività si nota dalla difficoltà alla rotazione provocata dall'ossido. Anche gli infissi in legno dovrebbero manifestare un notevole deterioramento dovuto alla penetrazione dell'umidità. Del sopralluogo dovrebbe redigere una perizia giurata da consegnare ad un legale che consiglierà l'iter più adatto.
Infine, è molto probabile che l'immobile in questione si trovi al nord, quindi in zona dove l'inverno raggiunge temperature molto basse che per dei senegalesi non deve essere proprio il clima ideale.
 

gattaccia

Membro Assiduo
Proprietario Casa
farei verificare anche se hanno collegato la cappa della cucina con il tubo esalazione vapori
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Circa 50 anni fa accompagnai mio padre, geometra, a fare un sopralluogo in un immobile che presentava gli stessi problemi lamentati in questo caso. Il proprietario, cliente, era anziano ed aveva una compagna molto più giovane di lui con la quale aveva avuto dei figli all'epoca molto piccoli, di pochi anni, sempre malaticci. Eravamo nel periodo invernale ed il cliente non riusciva a spiegarsi la presenza di muffa diffusa in tutto l'appartamento.
Quando siamo entrati nell'appartamento un tanfo di caldo umido, ma molto umido, ci ha assaliti. Per noi che venivamo dall'esterno era impossibile respirare. Comunque facciamo il sopralluogo nelle varie stanza, dove l'aria era estremamente pesante. La prima domanda che è stata posta è stata: "Ma le finestre le aprite per arieggiare e cambiare l'aria?" alla risposta affermativa è stato chiesto di aprire qualche finestra per vedere le condizioni della parete esterna. Non ci crederai, ma tanto era il tempo che le finestre non venivano aperte, che apparivano sigillate. A quel punto è saltato fuori il problema: loro non aprivano perché erano convinti che i figli fossero malaticci a causa degli sbalzi di temperatura che dovevano sopportare quando aprivano per cambiare l'aria.
Purtroppo era un problema di ignoranza.
 

vittorievic

Membro Attivo
Proprietario Casa
Se chiamassi l'ASL dicendo che non è possibile che bambini vivano in quelle condizioni, ne pagherei io le conseguenze?
se dovesse uscire il tecnico dell' ASL e vede lo scenario da te descritto toglie l'abitabilità all'appartamento. Non essendo più abitabile puoi interrompere il contratto d'affitto lasci loro due max tre mesi di tempo per trovarsi un'altra casa, gli trattieni la caparra per compensare le spese per sanificare l'appartamento. Se loro invece capiscono che devono cambiare stile di vita e tu vuoi provare questo loro cambiamento puoi rischiare di tenerli dentro. Ovviamente a loro spese dovranno far ripulire ed imbiancare i muri di tutta la casa da una impresa scelta da te.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
L'abitabilità viene concessa dal sindaco
La sussistenza delle condizioni di sicurezza, igiene, salubrità, risparmio energetico degli edifici e degli impianti negli stessi installati, valutate secondo quanto dispone la normativa vigente, nonché la conformità dell'opera al progetto presentato e la sua agibilità sono attestati mediante segnalazione certificata.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho comprato una casa e nel giardino si trova un palo del Enel "morto", nel senso che nessun cavo elettrico è attaccato e secondo me nessun cavo era mai stato attaccato, il precedente proprietario non lo dava fastidio, ed io vorrei togliero ,
vorrei un consiglio a chi devo contattare per rimuoverlo,
al comune o al enel
grazie
Salve ho in comproprietà una strada privata i miei dirimpettai hanno l'accesso pedonale di servizio possono entrarci anche in macchina tengo a precisare che hanno il passo carrabile è l'ingresso principale con numero civico su altra strada
Alto