• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

ralf

Nuovo Iscritto
Ciao un quesito fiscale . Il fornitore di un condominio per i lavori fatti ha emesso una ricevuta fiscale senza evidenziare l'imponibile.E' regolare? Come ci si regola con la ritenuta d'acconto del 4%? Grazie
 

Ennio Alessandro Rossi

Membro dello Staff
Professionista
A parere di chi scrive la ritenua và appicata sull'intero corrispettivo lordo e non sull'imponibile scorporato dall'IVA come potrebbe sembrare
in un primo momento . Ad ogni caso se cosi' si fà non si sbaglia in quanto:
1-Il fisco viene avvantaggiato rispetto ad una interpretazione che vorrebbe applicata la ritenuta sull'imponibile scorporato ( al limite incassa di piu' e nel piu' sta il meno)
2-Il percipiente non perde nulla perchè in ogni caso dal saldo delle imposte che dovrebbe versare in sede di dichiarazione dei redditi
dedurrà quanto lui ritenuto a titolo di acconto ( se avete ritenuto 20 dedurrà 20; se ritenuto 22 dedurrà 22)
cordialità
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto