1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. pavlik02

    pavlik02 Nuovo Iscritto

    Salve a tutti, abito in un condominio costituito da 13 abitazioni, questo condominio è strutturato da due blocchi abitativi collegati da una rampa di scale aperta che porta ad alcune entrate di appartamenti, tutti gli appartamenti hanno l'entrata propria, i blocchi abitativi sono suddivisi rispettivamente in 4 e 9 appartamenti.
    Detto ciò, non so se è di aiuto, inizio la mia questione: la settimana scorsa si è tenuta la riunione di condominio e si doveva decidere l'elezione del nuovo amministratore, il ruolo dell'amministratore è stato sempre svolto da un condomino eletto a turno con scadenza annuale.
    Quest'anno si è scelto di eleggere me e la questione è: si può fare l'amministratore di condominio in maniera così semplice? I compiti finora sono stati quelli di riscuotere le quote quadrimestrali dei condomini e pagare le bollette ma se ci sono cose più impegnative che faccio??? Ci sono delle particolarità da sapere?

    Grazie per le risposte che darete.
     
  2. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    Per i non addetti ai lavori, si può scrivere che la figura dell' amministratore di condominio, in Italia, si può paragonare, per analogia, a quella del parafulmine.

    In altre parole, l' amministratore resta responsabile di tutto ciò che l' assemblea non ha deliberato di affidare a professionisti competenti nel loro ruolo di attività.

    Ciò, ovviamente, vale per gli amministratori riconosciuti come tali perchè iscritti all' agenzia delle entrate.

    Nel tuo caso, se non ti sei iscritto all' agenzia delle entrate, tu "fungi" da amministratore ma, giuridicamente, non ne ricopri il ruolo.
     
  3. pavlik02

    pavlik02 Nuovo Iscritto

    Leggendo qua e la ho trovato che a fine anno l'amministratore deve fare il rendiconto delle spese, si può fare in maniera semplice facendo l'elenco delle entrate/uscite e poi si fa firmare il verbale? E se qualcuno a fine anno non paga le quote si deve riportare pure quello o c'è la privacy anche in questo?
    Grazie.
     
  4. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    Se il condominio non è costituito, sei libero di comportarti come ritieni opportuno.

    Tutto si basa sulla fiducia.

    Gli accordi non valgono giuridicamente, e chi funge da amministratore non può farne valere i poteri che la legge attribuisce a questa funzione giuridica per intimare i condòmini a pagare le spese, che poi non sono state deliberate da alcuna assemblea.

    In pratica vige una situazione di completa anarchia, che può essere compensata solo da una forte vicinanza affettiva.

    Finchè vi volete bene, tutto andrà bene.

    Se qualcuno si arrabbia saranno guai seri per tutti.
     
  5. pavlik02

    pavlik02 Nuovo Iscritto

    Per il momento si va abbastanza d'accordo, a parte qualche caso...
    Il condominio è costituito, abbiamo un regolamento condominiale con le norme di ripartizione delle spese, termii di pagamento, responsabilità, rendiconto e le norme comuni di comportamento ecc. con le fime di tutti i condomini, quindi se qualcuno non paga potrei sollecitare tramite lettera da un avvocato o basta una raccomandata a/r?
    Grazie.
     
  6. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    Se il condominio è costituito, e tu sei l' amministratore, allora il rendiconto consuntivo approvato dall' assemblea secondo le procedure previste dalla legge costituisce titolo per adire le azioni legali per recuperare il credito.

    Ti consiglio, prima di attivare l' avvocato, di tentare tutte le strade possibili per risolvere il problema in modo bonario (le strade possibili sono gli sms, le telefonate, le raccomandate, le trattative per estinguere il debito a rate).
     
  7. pinomaga

    pinomaga Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Anche io faccio l'amministratore di condominio da 23 anni nella mia palazzina di 21 unità abitative ma non sono iscritto all'albo e lo faccio gratuitamente perchè voglio che tutti i problemi che nascono debbano essere risolti nella maniera più semplice, veloce, economica e quant'altro. Di amministratori esterni seri, a mio avviso, ce ne sono pochissimi; la stragrande maggioranza pensa solo a caricarti spese di cancelleria esorbitanti, fare a malapena una riunione all'anno e soprattutto a guadagnarci in percentuale sui lavori dati in appalto a terzi. Devi farti un pò di esperienza piano piano e man mano che ti si presentano i problemi. Ad esempio, sai che un condominio deve avere il suo codice fiscale? Sai che ogni anno devi presentare il mod. 770 (ritenute di acconto sulle fatture delle pulizie scale, ascensore, etc.)? Il mod. 770 va presentato telematicamente, quindi sei in grado di compilarlo e presentarlo? Sai che la legge prevede per lavori di spesa rilevanti (rifacimento lastrico solare, rifacimento pareti esterne dello stabile, etc.) un compenso per l'amministratore tra il 2 e il 4% della spesa globale? Sai che quando paghi una fattura (tranne per l'ENEL) devi effettuare la ritenuta d'acconto del 4% e versarla il mese successivo entro e non oltre il giorno 15 tramite il modello F24? Con questo non voglio spaventarti ma se ritieni che sia complicato per te, declina l'incarico e fallo fare ad un altro condomino; ti suggerisco di acquistare a pochi euro (dalla Buffetti o in libreria) un libretto sul condominio che ti suggerirà e instraderà su come gestire al meglio le procedure e le atività condominiali. Ce ne sono tantissimi tra cui puoi scegliere e poi, in alternativa, scrivi sul forum quando hai un problema. Faremo a gara per risponderti. Un saluto da Pinomaga.
     
    A Antonio Azzaretto e pavlik02 piace questo messaggio.
  8. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    A che serve l' amministratore?

    Ti sei mai posto questa domanda con disinteresse e seriamente?

    A che serve questa persona che arriva ogni anno in assemblea e ti chiede di essere nominato per procurarti "tutto" ciò che ti serve?

    Ti sei mai chiesto se ti conviene "davvero" delegare "tutto" senza controllo?

    Sia l' amministrazione, sia la gestione tecnica, sia il controllo interno, sia la scelta dei "tuoi" fornitori, sia la scelta del "tuo" fiscalista per gli obblighi tributari del "tuo" condomìnio, sia la scelta del "tuo" avvocato per le questioni legali, sia la gestione di ogni tipo di lamentela o "bisogno" che possa diventare "necessario"?

    Non credi che sia un pochettino "eccessivo" dare una delega in bianco di questo tipo al primo "soggetto" che si proponga come "amministratore"?

    Non credi che ci sia bisogno di "capire meglio" cosa c' è dentro questa scatola chiamata "amministratore" che può essere piccola come un angolo di una cucina, o grande come uno studio di tre piani con decine di dipendenti?

    Se ti serve la frutta, il pane, la carne e i quaderni, tu, vai dal fruttivendolo, dal panettiere, dal macellaio e dal cartolaio.

    Oppure vai al centro commerciale dove sai di poter trovare tutto e fare "buoni affari", perchè alla fine puoi controllare il totale che paghi sullo scontrino fiscale e, quindi, sai se spendi troppo, o spendi bene.

    L' amministratore, invece, non ti "vende" nulla direttamente, ma sta in mezzo con la sua scrivania tra te (e i tuoi soci condòmini), e i fornitori e i tecnici che ti servono.

    Tu non sei "libero" di trattare direttamente con i tuoi fornitori e i tuoi professionisti: Per tutto sei obbligato a scontrarti con l' amministratore che "pensa per te"!

    Perchè?

    A che serve l' amministratore?

    Proviamo a farci delle domande:


    L' amministratore serve a fare i conti per il condomìnio?

    No!

    Per fare i conti del condomìnio ti serve un ragioniere.

    E' meglio che questa persona sia preparata, e faccia solo questo lavoro.

    E' meglio che questa persona la scelga il condomìnio: Altrimenti la sceglierà l' amministratore, e farà gli interessi dell' amministratore.


    L' amministratore serve a controllare i servizi svolti per il condomìnio?

    No!

    Per controllare i servizi svolti per l' ente condomìnio hai bisogno di una persona, o di diverse persone preparate per questo lavoro.

    E' meglio che il controllo venga svolto da personale indipendente rispetto all' amministratore, oppure interessato alla buona gestione (Il Consiglio di Condomìnio o il Portiere).


    L' amministratore serve a "condurre" le assemblee?

    No!

    Per condurre le assemblee è necessario nominare un presidente che sappia il fatto suo e un segretario.

    La "formalità" delle riunioni è importante, perchè il rispetto delle regole è garanzia di trasparenza.

    E' opportuno che i condòmini, o perlomeno alcuni condòmini rappresentativi, imparino le buone regole da seguire per il corretto svolgimento delle assemblee, e, se necessario, le insegnino all' Amministratore che partecipa alla riunione in caso egli "se ne dimentichi".


    L' amministratore serve a "condurre" le gare di appalto?

    No!

    Per condurre le gare di appalto è necessario nominare una persona che le organizzi e che segua le "regole" necessarie per scegliere le aziende in modo trasparente e vantaggioso per la Comunità Residenziale.

    Questa persona può anche essere l' amministratore: Comunque è il rispetto delle "regole" della gara il requisito essenziale per scegliere una buona azienda.

    Il professionista che organizza la gara di appalto può essere benissimo un "tecnico" appositamente nominato per questo servizio.


    L' amministratore serve a scegliere i fornitori migliori per il condòminio?

    No!

    I fornitori migliori per il condomìnio si scelgono con procedure trasparenti.

    E' molto importante stabilire dei "metodi di ricerca" e dei "metodi di controllo" efficaci efficienti e neutrali.

    E' meglio che l' amministratore non si occupi di scegliere i fornitori per conto dei condòmini, ma che applichi delle buone procedure INSIEME ai condòmini al fine di scegliere i migliori fornitori.

    Se nel condominio abitano dei condòmini preparati dal punto di vista tecnico, è ancora meglio che si occupino loro di applicare delle buone procedure insieme al resto dei condòmini per scegliere i migliori fornitori.


    L' amministratore serve a predisporre le dichiarazioni fiscali per conto dell' Ente Condomìnio?

    No!

    Per predisporre le dichiarazioni fiscali del condomìnio serve un fiscalista.

    Vi consiglio di cercare un fiscalista di vostra fiducia che segua il condomìnio, e, magari, che vi faccia un prezzo di favore per seguire anche le "vostre" dichiarazioni fiscali (ossia i modelli 730).


    Ma allora: A che serve l' amministratore?

    L' amministratore serve, poichè è il legale rappresentante dell' Ente Condomìnio.

    Le funzioni che compètono all' amministratore sono le seguenti:

    Link: Funzioni del legale rappresentante-amministratore

    Inoltre, l' amministratore:

    • Deve avere la competenza di controllare la correttezza formale dei documenti intestati all' Ente Condomìnio alla data della sua nomina.

      Deve avere una capacità di relazione sufficiente per essere un punto di riferimento autorevole per i condòmini.

      Deve applicare procedure trasparenti, neutrali e condivise con i Condòmini per arrivare a soluzioni e scelte vantaggiose ed economicamente convenienti per la Comunità Residenziale.
     
    A mitti e sebyds piace questo messaggio.
  9. pinomaga

    pinomaga Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Caro Azzaretto se quei no perentori a tutte quelle domande fanno capire che l'amministratore non è la persona responsabile per quelle attività, non vedo perchè debba essere una persona che "Deve avere una capacità di relazione sufficiente per essere un punto di riferimento autorevole per i condòmini"; è sufficiente nominare un capo scala anno per anno. Visto che bisogna pagare un tecnico per gli appalti, un ragioniere per la contabilità condominiale, un fiscalista per le dichiarazioni e aggiungi l'onorario per l'amministratore (che a quanto dici fà poco e niente) ma quanto viene a costare mensilmente la quota condominiale solo per queste voci?
    Quello che tu dici è pura teoria perchè nella pratica, soprattutto quando l'amministratore è esterno, ci si affida "totalmente" a lui nel bene e nel male, perchè nessuno vuole avere rogne di alcun tipo.
    Io nel mio condominio ho parlato chiaro dal primo giorno: le diatribe tra condomini vanno risolte tra loro, le norme condominiali (ognuno ha il regolamento) vanno rispettate in toto perchè è sintomo di buona educazione e senso civico.
    Chissà perchè quando parlo con tanta altra gente tutti si lamentano dell'amministratore esterno. Non credo siano pazzi.
     
  10. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    La teoria è importante per capire la pratica.

    Per capire bene la situazione, bisogna immaginare il condominio come se fosse un piccolo stato.

    L' amministratore, finora, ha svolto senza controllo la funzione di presidente del consiglio, corte dei conti, esattore dei tributi, ragioneria di stato, finanche presidente della repubblica, e consiglio di stato per quanto attiene l' interpretazione delle norme giuridiche e dei regolamenti.

    Inoltre il parlamento (ossia l' assemblea di condominio), si riunisce mediamente una volta all' anno e deve approvare tutto insieme (sia la gestione delle risorse, sia i conti).

    Mi sembra che l' amministratore abbia tutto il potere che Berlusconi sogna di avere su noi italiani.

    Tu stesso, nel tuo piccolo, mi scrivi che "Io nel mio condominio ho parlato chiaro dal primo giorno: le diatribe tra condomini vanno risolte tra loro, le norme condominiali (ognuno ha il regolamento) vanno rispettate in toto perchè è sintomo di buona educazione e senso civico"

    Ossia hai parlato da "governante" che sa quello che vuole, chiede potere e fiducia, e in cambio promette buona amministrazione.

    In Italia le cose vanno male proprio a causa di questo atteggiamento tipico italiano, di arroccarsi dietro all' autorità per farsi le regole che si vogliono rispettare.

    Per questo motivo le cose nel nostro paese stanno precipitando!

    Per questo motivo le cose in molti enti condominio sono organizzate al fine di far ingrassare le tasche degli amministratori.

    Io e te (io come amministratore "esterno", tu come amministratore "interno"), possiamo gridare fino a toglierci la voce, e promettere sulla testa dei nostri figli (...come "lui"!!) che non prendiamo tangenti e siamo onesti.

    Ma perchè i nostri amministrati dovrebbero crederci sulla parola?
     
  11. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    Spesso, guardando i Condòmini che si presentano in assemblea, mi torna in mente la storiella su un tizio che bussa alla porta di suo figlio:

    "Gennaro", dice "Svegliati!"
    Gennaro risponde: "Non voglio alzarmi papà".
    Il padre urla: "Alzati, devi andare a scuola".
    Gennaro dice: "Non voglio andare a scuola".
    "E perchè no?" Chiede il padre.
    "Ci sono tre ragioni", risponde Gennaro:
    "Prima di tutto è una noia; secondo, i ragazzi mi prendono in giro; terzo, io odio la scuola".
    E il padre dice:
    "Bene, adesso ti dirò io tre ragioni per cui devi andare a scuola:
    Primo perchè è tuo dovere; secondo, perchè hai quarantacinque anni, e terzo, perchè sei il preside".




    Svegliatevi, svegliatevi, siete adulti. Siete troppo grandi per dormire.

    Svegliatevi!

    Se non vi prendete "voi" le vostre responsabilità, qualcuno le prenderà al posto vostro e si prenderà cura dei "suoi" interessi.

    ......."L' amministratore ci pensa!", ecco quì la chiave di accesso alla gestione "malandrina" della casa!

    "A cosa pensa?"....mi chiedo....."Smetta di pensare! Parliamone insieme, e, insieme, decidiamo quali servizi vogliamo e come vogliamo ottenerli!".

    ....Perchè tutto non si può avere! E' opportuno chiarire questo concetto per evitare di andare in cerca di amministratori "salvatori della patria".

    E' necessario riuscire a "vedere" oltre la figura che chiamiamo amministratore di condominio!

    Per riuscire a "vedere" la realtà, è sufficiente guardare "oltre" il signore che arriva ogni anno per chiedere di essere "riconfermato" con il vostro voto in assemblea.

    Se andate a visitare gli studi che si occupano di gestione immobiliare, vedrete professionisti e fornitori di ogni ramo: Tecnico, amministrativo, fiscale, assicurativo.....che forniscono "servizi" per conto dello studio amministrativo.....cioè LUI ordina i servizi, e VOI....pagate!

    .....Una vera pacchia, ma non per voi!!!

    Voi, senza saperlo, "pagate" fornitori che non avete scelto, che lavorano come "partners" dell' amministratore.

    Più esattamente si può scrivere che l' amministratore assume il ruolo di "procacciatore di affari" per i "suoi" fornitori!

    .....scusate se sono ripetitivo: Gli "affari" i fornitori li fanno con gli amministratori! Non li fanno con "voi", anche se, in pratica, siete "voi" i "clienti" a tutti gli effetti, visto che "pagate" tutti i servizi tramite le rate condominiali.

    Chi è tutta questa gente che lavora per voi?

    Che ne sapete se i "vostri" fornitori lavorano bene o lavorano male?

    Perchè ci deve essere questa enorme confusione di responsabilità e di compiti, che "obbliga" chi vi rappresenta (il vostro amministratore) a organizzare una rete di rapporti commerciali che lo "supporti" nel suo lavoro?

    La risposta è semplice: Perchè voi non ci avete pensato! Non avete trovato professionisti e tecnici di vostra fiducia! Non vi siete preoccupati di "dirigere" l' amministratore, e lo avete lasciato "libero" di gestire i vostri interessi.

    Viva la libertà!

    .....ma vi chiedo umilmente:

    "Cosa farà una libera volpe, chiusa in un libero pollaio, in mezzo a tante libere galline?"

    Mi sta tornando in mente la scena dei condòmini che si recano in assemblea, spesso senza avere la minima consapevolezza dei problemi in discussione.

    Ma voglio dirvi che non è colpa vostra......Se le cose nel vostro condominio vanno male non è colpa vostra, ma di un sistema di regole sbagliato!

    Non ci credete?

    Va bene! Facciamo un piccolo test:

    Voglio diventare l' amministratore di casa tua!

    .....dunque,

    I soldi che mi servono me li dai in anticipo a rate.

    Se non me li dai, ti obbligo a pagare minacciandoti con lettere raccomandate, e poi promuovo anche azioni legali nei tuoi confronti.

    Se devi fare la spesa mi telefoni e mi dici cosa ti serve....e poi non ti preoccupare: Ci penso io ad andare al supermercato e dal panettiere e ti porto la spesa.

    Se devi dipingere le pareti o aggiustare i mobili, mi telefoni...e non ti preoccupare: Ci penso io a trovare i fornitori giusti per te, te li mando a casa e pensano a tutto loro.

    ....e così via per ogni tipo di servizio.........la carta igienica? Ci penso io! La tintoria? Sono quì per questo....etc...etc....

    Alla fine dell' anno, ma anche dopo, a volte anche mesi dopo, ti mando a casa il rendiconto di tutto quello che ho speso......ma senza regole:

    I conti li faccio come mi pare!

    Se ho speso di più di quanto mi hai già anticipato, i soldi che non mi hai pagato in anticipo me li dai a conguaglio: Anche se i fornitori che hanno lavorato per te li ho scelti io; i lavori da fare li ho decisi io; il controllo del lavoro svolto l' ho eseguito io; le regole per stabilire la qualità dei lavori svolti le ho decise io.

    Se invece ho speso di meno (Ipotesi improbabile, ma, comunque, possibile), i soldi avanzati NON te li restituisco: Li conservo a credito, e li "storno" dai soldi che mi darai "in anticipo" il prossimo anno.

    L' unico "diritto" che ti resta è quello di "approvare" o di "non approvare" il rendiconto che ti faccio, e di "accordarmi" la fiducia per l' anno successivo.

    Tu lo faresti un contratto così? .....beh, neanche io!

    Aggiunto dopo 19 minuti :

    E' ricercando l' impossibile che l' uomo ha sempre realizzato il possibile.
    Coloro che si sono saggiamente limitati a ciò che appariva loro come possibile non sono mai avanzati di un solo passo.

    Michail Bakunin

    ....benvenuti alla rivoluzione!

     
  12. pavlik02

    pavlik02 Nuovo Iscritto

    Si il codice fiscale ce lo abbiamo, del modello 770 non ne sapevo nulla e se è così tutte le spese dell'anno scorso della ditta di pulizie non sono state dichiarate dall'amministratore passato...si rischia qualcosa? Per le spese rilevanti non lo sapevo ma forse il compenso si avrà se sei iscritto all'albo e di sicuro andrà ad influire sul reddito complessivo dell'amministratore...il modello f24 va pagato anche per l'acqua?
    Sono d'accordo, prima di procedere in maniera formale mi sono già attivato verbalmente e tramite lettera informale, non vorrei sembrare un agente di riscossione tributi...
    Ti devo far notare che da sempre tutti i componenti del condominio partecipano per quello che possono alle "attività" quali assicurazione dello stabile, spurgo fogne, cercare ditte pulizie, tutto è alla luce del sole, o anche di cambiare semplicemente le lampade di illuminazione perchè ci rendiamo conto che tutto quello che hai illustrato e/o ammonito
    (...)
    LUI ordina i servizi, e VOI....pagate!
    (...)
    l' amministratore assume il ruolo di "procacciatore di affari" per i "suoi" fornitori!
    (...)
    Che ne sapete se i "vostri" fornitori lavorano bene o lavorano male?
    La risposta è semplice: Perchè voi non ci avete pensato! Non avete trovato professionisti e tecnici di vostra fiducia! Non vi siete preoccupati di "dirigere" l' amministratore, e lo avete lasciato "libero" di gestire i vostri interessi.
    (...)
    Viva la libertà!
    (...)
    Ma voglio dirvi che non è colpa vostra......Se le cose nel vostro condominio vanno male non è colpa vostra, ma di un sistema di regole sbagliato!
    (...)
    I conti li faccio come mi pare!
    (...)
    L' unico "diritto" che ti resta è quello di "approvare" o di "non approvare" il rendiconto che ti faccio, e di "accordarmi" la fiducia per l' anno successivo.
    (...)
    Tu lo faresti un contratto così? .....beh, neanche io!
    (...)

    sarebbe una spesa faraonica che nessuno di noi si può permettere e che con la partecipazione anche minima di tutti (escluso i furbetti) si può andare avanti.
    Ora tornando alla discussione vera e propria, ho iniziato questo dibattito per essere informato delle possibili competenze e relativi diritti e/o doveri sia di un amministratore condominiale che dei condomini non per sventolare una propaganda pseudo socio-politica...chissà poi per quale motivo tu debba incitare alla rivoluzione...di che cosa scusa? Dei condomini o del parafulmine?
     
  13. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    Ho un progetto: Creare un network di comunità residenziali che si scambiano valore sociale ed economico; creare un modello di gestione condominiale uniforme, a cui tutti possano confrontarsi; creare delle procedure per promuovere gli amministratori più onesti, competenti e professionali.

    Per raggiungere questi obiettivi è necessario un punto di confronto riconosciuto in cui si possa mettere in discussione la gestione amministrativa di ogni condominio, per poterla controllare e migliorare.
     
    A mitti piace questo elemento.
  14. StLegaleDeValeriRoma

    StLegaleDeValeriRoma Membro Assiduo

    Professionista
    Ottima idea quella di Azzaretto ma attendiamo la riforma del condominio che dovrebbe essere legge a breve.
    A Roma dove mi occupo anche di controversie condominiali gli amministratori che assisto hanno cominciato a non perdere tempo ad attendere i condomini morosi e a procedere con i decreti ingiuntivi ... poi basta notificarli e questi chiamano subito lo studio per pagare trovando subito i soldi che prima chissà perchè non c'erano ... miracoli della giustizia !!!
    Avv. Luigi De Valeri:daccordo::daccordo:
     
  15. RivelazioneDonna

    RivelazioneDonna Nuovo Iscritto

    La lettura dell'articolo 1129 e segg. del codice civile può aiutarci a capire molto bene l'importanza di un amministratore nell'ambito di un condominio. Personalmente vi consiglio di inserire la parola chiave: *********** nel motore di ricerca in google per accedere ad una banca dati di informazioni utili. :ok:
     
  16. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    Sto studiando il disegno di legge approvato alla Camera, e passato al Senato.
    Ma sarei molto sorpreso se diventasse legge.
    I nostri politicanti si stanno occupando di tutt' altro.
     
  17. pavlik02

    pavlik02 Nuovo Iscritto

    Ciao RivelazioneDonna, prima di tutto ti do la benvenuta in questa discussione, poi ti ricordo che non si possono dare indicazioni specifiche con parole e frasi da ricercare su motori di ricerca che mandano direttamente a siti o addirittura incollare linki diretti, questo è vietato nei forum seri, quando si danno questi suggerimenti va fatto solo tramite messaggio privato.
    vedi regolamento del forum al punto 2.6
    Grazie.
     
    A maidealista piace questo elemento.
  18. pavlik02

    pavlik02 Nuovo Iscritto

    Salve a tutti, un'informazione per sgrossare un pò la mia ignoranza: per la firma della delega all'amministratore e/o il legale che deve difendere dei diritti di rivalsa sulla ditta che ha costruito un immobile, basta specificare la questione in un punto di discussione dell'assemblea e che poi tutti firmano il verbale o è necessario firmare un altro foglio dedicato esclusivamente per la delega?
    Grazie mille.
     
  19. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    E' necessaria e sufficiente una delibera approvata che autorizzi l' amministratore a tutelare gli interessi legali del condominio.
    E' possibile, a mio giudizio anche più corretto, deliberare di affidare la difesa del condominio ad un avvocato specifico di fiducia del condominio.
     
  20. pavlik02

    pavlik02 Nuovo Iscritto

    quindi andrebbe bene scrivere così?

    il sottoscritto (...) quale proprietario dell'appartamento sito al piano (...) interno (...)

    DELEGA

    • l’Avvocato (...) quale legale del condominio con incarico a difendere il Condominio di (...) nel processo di risarcimento del danno contro la ditta (...) presso il tribunale di (...) sezione di (...);

    • delibero di nominare l’Avvocato (...) avente Studio Legale sito in (...) e conferisce all’amministratore sig. (...) il potere di sottoscrivere la relativa procura e tutti gli altri atti necessari alla lite giudiziaria.

    luogo, data

    firma
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina