1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. mico6l

    mico6l Nuovo Iscritto

    Onde avvviarci ancor meno serenamente all'imminente Natale entro il 31 dicembre prossimo devono essere ridotti a 1000 eu i libretti al portatore superiori a tale ( altissssima :^^: ) cifra.
    Altra rogna per noi proprietari che abbiamo utilizzato tale mezzo, in accordo con l'inquilino per depositarvi le usuali 3 mensilita' di cauzione. Metodo semplice che non obbliga ad astrusi calcoli in rapporto all' interesse legale sempre altalenante.
    Ora che fare ?
    Supponendo d' avere un (od alcuni) libretto di 2400 eu chiuderlo per riaprire 3 libretti da 800 ?
    O ritirare il contante con il rischio, versandolo sul ns conto corrente, che possa scomparire in toto od in parte come lo potrebbero essere, dato i tempi, i nostri eurini depositati in banca ?
    E come, chiuso il libretto in questione, ci si potrebbe accordare con gli inquilini affinche' la cifra della cauzione sia infruttifera per non dover salire poi sugli specchi in non facili conteggi ? intendo dire : e' legale che la cauzione possa essere infruttifera se specificato in uno scritto privato ?
    saluti a chi mi leggera' e grazie a chi volesse rispondere .
    :)
     
  2. Dalam

    Dalam Membro Attivo

    Professionista
    La cauzione versata dall'inquilino è fruttifera di interessi legali.
    Con o senza libretti al portatore.

    Calcolare gli interessi legali non è nulla di astruso o complicato. Ci sono siti on line che te li calcolano in pochi minuti. esempio questo:
    Interessi legali - calcola gli interessi legali on line
     
    A mico6l e arianna26 piace questo messaggio.
  3. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    La clausola secondo la quale il deposito cauzionale è infruttifero può stare solo nel contratto di affitto registrato. In una scrittura privata non ha alcun valore.
     
  4. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Concordo.
    Io non ho mai riconosciuto all'inquilino ( per evitare inutili complicazioni e controversie legali per pochi spiccioli) alcun interesse legale. Ho sempre inserito tale clausola nel contratto, come pure in caso di non adesione alla cedolare secca, applico il 100 % di rivalutazione Istat.....................sempre con nspecifico inserimento nel contratto di locazione.
     
  5. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Purché non si tratti di locazione commerciale con contratto 6+6 o alberghiera con contratto 9+9, né di locazione abitativa con contratto a canone agevolato. In questi casi si applica il 75%.
     
  6. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
  7. mico6l

    mico6l Nuovo Iscritto

    grazie per la risposta.
    nel contratto e' stato specificato che con la cifra ( 2400 eu) della cauzione si sarebbe aperto un libretto al portatore.
    Ora sono costretta a chiuderlo od ad aprirne 3 da 800, ciascuno dei quali -a causa dell'esiguita' della cifra- produrra' piu' spese che resa cosa per me del tutto indifferente.
    Comprendo che la clausule dell'infruttif... avrebbe dovuto essere espressa nel contratto ma in questo caso e' accaduto un imprevisto che ha forzatamente mutato una situazione in atto.
    Per cui mi chiedo se possa esser valida una scrittura privata in considerazione d'un evento esterno ed eccezionale.
    Trattasi cmque di pochi euro ma sono "imbestialita" ( mi si perdoni il termine forte) dal continuo legiferare onde creare balzelli ed immane perdita di tempo .
    cordialita' .
     
  8. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Se l'inquilino è veramente affidabile, la scrittura privata non è necessaria; se l'inquilino non lo è, la scrittura privata non è sufficiente.
     
    A mico6l piace questo elemento.
  9. nad

    nad Membro Attivo

    vi leggo basita a settembre ho cambiato per il limite dei 2400 € ora chiedono 1000 i miei inquilini mi sparano ma quando è uscita questa bella scoperta!!
     
  10. beppebre

    beppebre Membro Attivo

    Io non credo che la clausola che preveda la mancata corresponsione di interessi sulla cauzione abbia valore.
    Il mancato pagamento di interessi avrebbe come conseguenza un aumento immotivato del corrispettivo pagato per la locazione e sarebbe un patto contrario alla legge.
     
    A Dalam piace questo elemento.
  11. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    I Patti in Deroga cosa sono ? Sono contrari alla Legge ?

    Entriamo in un altro campo.
    Quando fai un contratto con l'Enel ( o altro Ente che eroga servizi) che ti chiede una cauzione per tutta la durata contrattuale ti riconosce gli interessi ?
     
  12. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Scusate ma io la vedo così:
    A) Il conduttore sceglie un istituto bancario di sua fiducia e crea il libretto al portatore che offre in garanzia al locatore. Al locatore spetterebbe, annualmente, andare in banca a far aggiornare il saldo con gli interessi, attivi/spese bancarie. IO trovo che se le spese sono superiori agli interessi la responsabilità è del conduttore che ha scelto tale Istituto:
    B) Entro il 31 Dicembre 2011 restituirò i libretti al portatore con saldi superiori ai € 1.000 e mi faccio rilasciare una dichiarazione di ricevuta e di impegno a fornirmi, entro 30 gg, nuovi libretti al portatore con saldi inferiori a 999,00 €, tanti quanti lo richiede l'ammontare delle tre mensilità del canone originario.
    Auguri!
     
    A mico6l e mapeit piace questo messaggio.
  13. beppebre

    beppebre Membro Attivo

    Con patti in deroga immagino tu ti riferisca alla legge 359/92 che è stata abrogata dalla 431/98 la quale espressamente prevede tra i patti contrari alla legge quelli rivolti a determinare un importo maggiore del canone previsto dal contratto.
    La legge 392/78 fissa invece un tetto massimo per la cauzione e stabilisce che debba essere produttivo di interessi.
    Io, ma naturalmente mi posso sbagliare, credo che si tratti di una norma imperativa.
    I contratti stipulati con enti o privati per motivi diversi evidentemente non sono regolati dalle leggi sulla locazione abitativa.
     
    A Dalam piace questo elemento.
  14. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    A proposito di Legge 431/98:

    Sentenza del Tribunale di Modena, 23 luglio 2004, per il quale «il principio di inderogabilità della disciplina normativa dettata in materia di deposito cauzionale contenuta nell’articolo 11, legge 392/78 non opera con riferimento ai contratti di locazione stipulati nella vigenza della novella normativa di cui alla legge 431/98, poiché deve ritenersi che, secondo la nuova disciplina locatizia, le parti possano legittimamente prevedere che il deposito cauzionale non sia produttivo di interessi». Ne consegue che, in un contratto di locazione stipulato nel regime della legge 431/98, è legittimo stabilire che il deposito cauzionale sia fruttifero o infruttifero di interessi bancari e che le spese di gestione e di estinzione del libretto siano a carico del conduttore.

    Non so se esiste una sentenza successiva con esito contrario.
    Buona serata
     
    A mico6l piace questo elemento.
  15. mico6l

    mico6l Nuovo Iscritto

    ok, comunque ti conviene restare un po' sotto 999,000 perche' con un po' d'interesse supererai i famigerati 1000 eu e dovrai iniziare la girandola.
    Il problema e' che gli interessi son bassi ma le spese non proprio per cui frazionando la cauzione in vari libretti sara' facile che la cifra che verra' corrisposta alla fine sia indecorosamente inferiore a quella iniziale.
    Meglio tenerli liquidi in cassetta. Altri investimentini al momento sono inopportuni.
    Ma vai a spiegare cio' a certe teste di cartone !
    La prossima volta mi fo' dare la cauzione in sterline d'oro ! :risata:
     
  16. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    E' una clausola liberamente firmata dal conduttore. Nessuno lo obbliga.
     
  17. beppebre

    beppebre Membro Attivo

    Allora liberamente si potrebbe anche concordare una durata diciamo di 2+2 anziche 4+4 ?
     
  18. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Il contratto 2+2 non è ammesso dalla legge sulle locazioni.
     
  19. beppebre

    beppebre Membro Attivo

    Quindi non tutti i patti, pur sottoscritti liberamente, hanno valore.
     
  20. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ciò che non è vietato dalla legge è permesso.
    Ad ogni modo, se un contratto prevede che il deposito sia fruttifero, i relativi interessi legali costituiscono qualche percento del canone mensile, non di più. Il proprietario di un immobile farebbe invece bene a porre attenzione alla solvibilità del futuro locatario, pretendendo da lui idonea documentazione sui suoi redditi.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina