1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Sean

    Sean Membro Junior

    Salve a tutti, la mia domanda è questa: mio padre, quasi settantenne, ha perso la mamma 4 anni fa. Mia nonna lascia 6 beni che ora verranno divisi fra i 6 figli, 5 donne e mio padre. I 6 beni se li son divisi fra loro 6 bonariamente. Mio padre può rinunciare al suo bene lasciando che ricada direttamente a noi 2 figli o deve per forza intestarselo lui e poi successivamente lo passi a noi? Essendo in pensione e non avendo interesse a intestarselo, non vorrebbe pagare il notaio per la divisione ormai imminente con le sorelle e poi pagarlo nuovamente per donare i suoi beni a noi figli. Può evitare il primo passaggio? Grazie
     
  2. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Si può effettuare la rinuncia prima della presentazione della denuncia di successione, o comunque prima di dividere l'eredità.
    O tramite atto pubblico, notaio.
    Oppure occorre effettuare un versamento di 168 € con il modello F23 ai fini della registrazione all'Ufficio delle Entrate e una marca da bollo da 14,62 €. Dopo la registrazione, per il ritiro della copia conforme della rinuncia, occorre una marca da bollo da 14,62 €, più marche per diritti di cancelleria.
    Informatevi direttamente all'AdE, se (ben s'intende) siete ancora in tempo.
    saluti
    jerry48
     
  3. Sean

    Sean Membro Junior

    la successione è stata già fatta 3 anni fa, la divisione sarà fatta tra 1 mese al massimo. Come bisogna muoversi quindi?
     
  4. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    L'accettazine di eredità può avvenire, (oltre che con atto pubblico), con comportamento che implichi la volontà di accettare.
    Esempio rivendicare un bene dell'eredità da chi ne abbia possesso, utilizzare un bene ereditato.
    Ci sono stati questi presupposti?
    Se si accetta l'eredità non si può più rinunciare.
    Comunque l'accettazione deve effettuarsi entro 10 anni dall'apertura della successione.
    saluti
    jerry48
     
  5. Sean

    Sean Membro Junior

    fu mio padre a far la successione. ora è logico che l eredità la vuole ma vuol fare in modo che si intesti a noi figli e non a lui. Se la cosa è complessa consigli che sia meglio che se la intesta e poi la doni a noi successivamente e quindi paghi il notaio sia per la divisione e sia per la donazione?
     
  6. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Certo sarebbe stato più conveniente, ai fini fiscali, se queste erano le intenzioni di tuo padre procedere con la rinuncia all'eredità a favore tuo e di tuo fratello. Ma da quel che si desume pare che oramai sia troppo tardi e quindi occorrerà fare una donazione a ciascuno di voi due, magari appunto successivamente.
    saluti
    jerry48
     
  7. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Anche se è opportuno rinunciare prima della presentazione della dichiarazione di successione o comunque prima di dividere l'eredità, si ha il tempo indicato nell'art. 485 c.c. per farlo, se si è in possesso dei beni ereditari. Altrimenti si hanno dieci anni per farlo. E sempre che non si sia compiuto un atto incompatibile con la rinuncia, comportando così un'accettazione tacita.
    La rinuncia all'eredità deve farsi con dichiarazione, ricevuta da un notaio o dal cancelliere del tribunale del circondario in cui si è aperta la successione.
    L'AdE c'entra poco, se non registrare quell'atto di rinunzia. E la registrazione presso quell'Ufficio non è onere del rinunciante.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina