1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. trottola

    trottola Nuovo Iscritto

    buongiorno, siamo due sorelle mio padre rimasto vedovo aveva fatto una dichiarazione scritta in cui lasciava gli appartamenti che possedeva uno a ciascuna di noi figlie. ora tale carta è sparita.mia sorella abita già gratuitamente da quando si è sposata in uno dei due appartamenti e vorrebbe acquistare entrambi. dichiara di volere acquistare l'immobile e di voler istituire un fondo ( come funziona?) a nome mio e di mio padre per quella che sarebbe la mia quota.finchè mio padre è in vita io sarei contraria e perchè si plachi la situazione sarei disposta a firmare un atto (notarile?) che possa darle il diritto di prelazione in una vendita futura ( si può fare? può durare per anni?)mio padre pur di non rimanere solo acconsentirebbe a mia sorella. mi posso opporre? ( in che modo?) che diritti posso avere in tale situazione? grazie per l'attenzione e l'eventuale risposta. un saluto
     
  2. marlon

    marlon Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Se tuo padre è pienamente proprietario degli immobili nè può disporre come meglio crede. Se invece la proprietà era condivisa con tua madre allora bisogna tenere d'occhio le quote leggitime: 1/3 sul 50% del bene diventa di tuo padre ed i restanti 2/3 sono al 50% tra voi figli.
     
  3. trottola

    trottola Nuovo Iscritto

    molte grazie per la risposta
     
  4. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Fai attenzione la costituzione del fondo non dice che avrai quanto ti spetta alla scomparsa di tuo padre, del resto quando sarà il momento, ci abita o no le due case se hanno lo stesso valore una è tua e l'altra è sua e non vedo perchè tu dovresti vendere a un estraneo? Altrimenti tuo padre può vendere in vita le case a ognuno di voi due e poi chi vuole si compra l’altra cosi non ci sarà eredità quando sarà il momento, ma fai attenzione non so il bene che esiste tra voi ma una volta mi è stato risposto: davanti all’interesse l’amore mi passa. Se volete bene a Vs. padre non tirategli i piedi e lasciate che maturi l’eredità:fiore:
     
  5. trottola

    trottola Nuovo Iscritto

    gentile chiacchia,gli appartamenti non hanno lo stesso valore sono stati ristrutturati entrambi ma quello sopra di maggior valore a spese di mia sorella che lo abita, quello sotto ristrutturato dai miei genitori.la proposta di un eventuale acquisto da parte di entrambe uno per ciascuna da me proposta è stata rifiutata da mia sorella in quanto vuole tutto l'immobile per sè ora. con le modalità del fondo ad un prezzo da lei deciso senza valutazione.( minaccia di andare abitare altrove per cui mio padre per non rimanere solo vuole accettare.)l'avidità è una brutta malattia e per rispetto nei confronti di mio padre penso di prendere le distanze da tutto ciò e lasciare a lui le eventuali scelte future. grazie per la gentile risposta, saluti :triste:
     
  6. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    A questo dire ti aggiungo, se tua sorella compra le due case e tu per quieto vivere lasci correre, lei, tua sorella, per stare tranquilla per il futuro deve solo comprare effettivamente con soldi tracciabili, ovvero assegni o bonifici intestati a tuo Padre e con il valore abbastanza effettivo delle proprietà, altrimenti alla scomparsa di tuo Padre puoi sempre impugnare gli acquisti se sono stati sotto quotati o non ci sono le tracce dei soldi e anche che fine abbiano fatto questi soldi, nel senso che tuo padre può anche rendere i soldi a tua sorella ma poco per volta e senza tracce altrimenti!!! come sopra.
    Ti dico questo in quanto ho una situazione simile con la sorella di mia moglie che prima ha fatto man bassa di quello che voleva e adesso è costretta a dividere tutto quello che ha preso con i fratelli, hai voglia a dire io a mio Padre gli ho fatto da cameriera e da infermiera, queste sono prestazioni che i diretti discendenti sono obbligati a prestare come i genitori sono obbligati a prestarle quando i figli sono piccoli.
    Un salutone e fatti consigliare da un avvocato noi dei forum possiamo parlare per esperienza o per professionalità ma certe situazioni le puoi valutare solo con i documenti. :fiore:
     
  7. trottola

    trottola Nuovo Iscritto

    gentile chiacchia, ancora grazie per i tuoi consigli. saluti
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina