1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Hannibal

    Hannibal Membro Attivo

    Siamo tre fratelli Tizio Caio e Sempronio i nostri genitori sono morti non hanno lasciato nessun testamento
    nella casa in cui abitavano (di proprietà di entrambi) abitava anche Sempronio (perchè Tizio e Caio sono sposati e vivono altrove) Sempronio adesso vive nella casa paterna, nella denuncia di Successione ovviamente le quote sono del 33,33% per ogni figlio.
    Il problema cui voglio sottoporre l'attenzione è Sempronio si è appropriato della casa e non permette ne a Tizio e ne a Caio di entrare nella casa. Tizio e Caio hanno chiesto di riscattare la loro quota,ma lui non ne vuole sapere.
    Evitando di denunciare il fratello all'autorità giudiziaria come si puo intervenire affinchè liquidi la quota spettante ai fratelli?
     
  2. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    E' un pò complessa la situazione, se non avete intenzione di far intervenire il Giudice. A mio parere è impossibile far ragionare Sempronio e richiedere la vostra quota. Potete solo alienare (Tizio e Caio) la vostra quota a estranei (art.732), notificando a Sempronio la proposta di alienazione, il quale è titolare di un diritto di prelazione.
    Aspettate la sua reazione e comportatevi di conseguenza.
    Cioè chiedere in ogni momento al Giudice di pronunciare la divisione della casa comune (art.1111). Se la casa non consente o renda scomoda la divisione in natura, si procederà alla sua assegnazione solitaria a uno dei partecipanti, che corrisponderà agli altri il valore in denaro della loro quota. Oppure alla sua vendita con conseguente ripartizione del ricavato. Alla divisione si applicano, in quanto compatibili, le norme sulla divisione ereditaria (art. 1116).
    Altro tizio e Caio non possono fare per riscattare la loro quota.
    saluti
    jerry48
     
    A Hannibal piace questo elemento.
  3. erwan

    erwan Membro Attivo

    o ci si mette d'accordo con le buone o ci va il giudice: non c'è una terza via.
    (ma forse se riceve una lettera dell'avvocato Sempronio si dimostrerà più propenso a trattare..)
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina