1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. lorena vitolo

    lorena vitolo Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    prima di chiedere la divisione giudiziale di un di una proprietà si deve fare dichiarazione di successione ?
     
    Ultima modifica di un moderatore: 18 Febbraio 2014
  2. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    La dichiarazione di successione è un adempimento obbligatorio di carattere fiscale necessario per comunicare all’Agenzia delle Entrate il subentro degli eredi nel patrimonio del defunto e determinare le imposte dovute su tale "passaggio".
    Si presenta all'Ade entro 12 mesi dalla morte del de cuius.
    Quindi gli eredi sono in comunione sino appunto alla divisione.
    La divisione può essere di tre tipi, amichevole, giudiziale o testamentaria.
    La giudiziale può essere fatta dal giudice direttamente o demandata dallo stesso al notaio, quando è congiunta.
     
    A Adriano Giacomelli e lorena vitolo piace questo messaggio.
  3. massimo binotto

    massimo binotto Membro Attivo

    Professionista
    Non necessariamente...
    come detto da jerry la successione è un'adempimento fiscale...
    gli eredi diventano tali solo all'atto dell'accettazione dell'eredità
     
    A lorena vitolo piace questo elemento.
  4. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Necessariamente deve farla. Come si fa a dividere un bene se non si è i proprietari? si diventa proprietari succedendo appunto al defunto. Subito dopo si può dividere, una volta individuati chi siano quelli che chiedono la divisione giudiziale. (non si è fatta ancora la successione e già si pensa di arrivare davanti ad un giudice, con avvocati e tecnici e tutto l'armamentario..)
     
  5. massimo binotto

    massimo binotto Membro Attivo

    Professionista
    Ribadisco il non necessariamente...
    se il defunto aveva debiti, l'erede può anche non accettare l'eredità...
    la dichiarazione di successione è solo l'atto fiscale...
    diverso è l'aspetto giuridico, e ciò non toglie che vengano individuati i presunti eredi a cui chiedere la divisione giudiziale
     
    A lorena vitolo piace questo elemento.
  6. lorena vitolo

    lorena vitolo Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    ti ringrazio per la tua risposta molto gentile ,il problema è che l'erede legittimo è mio figlio ed è minorenne, dopo la morte della nonna unica proprietaria gli zii di mio figlio che occupano la proprietà (diversi immobili e terreni) non ci lasciano più entrare ,hanno chiuso con lucchetti e non vogliono darmi le chiavi .mi è stato consigliato dal mio legale di fare la dichiarazione di successione ma dovrei accollarmi tutte le spese perché gli altri coeredi non vogliono farla .io penso sia più opportuno chiedere la divisione e sono felice che sia possibile ,è evidente che devo cambiare legale .grazie ancora e se puoi darmi delucidazioni ne sarei felice .
     
  7. massimo binotto

    massimo binotto Membro Attivo

    Professionista
    Tuo figlio minorenne interviene per rappresentanza del papà che non c'è più?
    Oppure c'è un testamento?

    Dobbiamo capire un pò di più di questa faccenda...

    Poi essendo minorenne dovrà accettare l'eredità (magari con beneficio d'inventario) e dovrà farsi autorizzare dal giudice tutelare per procedere con la successione...

    Se il tuo legale ti ha consigliato la successione, ci sono alcuni aspetti giuridici formali da seguire prima di procedere, appunto perchè c'è di mezzo il minore...

    Le spese di successione, anche se anticipate da te, in fase di divisione giudiziale (poichè credo che non ci siano le possibilità per una transazione amichevole) verranno divise fra tutti gli eredi e quindi rimborsate... ci vorrà del tempo ma i soldi spesi saranno restituiti (ovviamente meno la quota spettante a tuo figlio).
     
  8. lorena vitolo

    lorena vitolo Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    mio figlio interviene perchè il papà purtroppo non c'è più . quindi mi dici che comunque bisogna fare prima la dichiarazione di successione ! le spese di successione non saranno poche è per questo che volevo evitarle. grazie ancora
     
  9. massimo binotto

    massimo binotto Membro Attivo

    Professionista
    Dico che il caso è particolare e va valutato attentamente...

    Da dove scrivi?
     
  10. lorena vitolo

    lorena vitolo Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
  11. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Cara @lorena vitolo tuo figlio deve obbligatoriamente entro un anno dalla dipartita succedere al nonno. Solo così entrando nella proprietà riconosciuta dallo Stato può obbligare ad avere tutte le chiavi per entrare nelle sue proprietà. Anche se avesse un ventesimo delle proprietà. Dopo, può chiedere la divisione. Ricordati che la divisione giudiziale ha dei costi notevoli e che la vendita va sempre al ribasso. Quando entrerà nel pieno possesso dei suoi beni, succedendo al nonno, cerca di trovare un modus vivendi. Ricordati che Binotto ha ragione quando ti dice che c'è bisogno del giudice tutelare. Nessuna spesa. Vai negli uffici del giudice tutelare ed esponi il caso. Troverai un vero aiuto. Inoltre, le spese di successione non saranno grandi. Vai ad un CAF e fatti fare un preventivo. Tuo figlio in rappresentanza del padre gode anch'egli di una franchigia pari ad 1 milione di euro.
     
    A lorena vitolo piace questo elemento.
  12. lorena vitolo

    lorena vitolo Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    grazie mille , molto gentile e chiara, capisco ben poco di queste cose e mi trovo davvero in difficoltà spero che ne verro a capo quanto prima.grazie ancora
     
  13. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Vai tranquilla. Segui i miei consigli. Spendi molto di meno di quel che pensi e salvaguardi i beni di tuo figlio. Dopo l'anno, se non c'è stata successione arrivano le multe perchè se non si va in cancelleria e si rifiuta l'eredità è come se l'avessi accettata, MA la successione va fatta! tasse pochissime, al CAF ti ripeto, e recarsi negli uffici del giudice tutelare della tua città.
     
  14. massimo binotto

    massimo binotto Membro Attivo

    Professionista
    Calma, calma...
    Andiamo per passi.

    Primo. Ripeto che non c'è nessun obbligo, perchè se io erede non voglio accettare l'eredità o voglio attendere, ho tempo 10 anni per farlo...quindi nessun obbligo.
    La presentazione della denuncia di successione è fissata in 12 mesi dalla data di morte. Dopo tale data, se la presentazione avviene entro i 5 anni successivi ho delle sanzioni da pagare. Dopo i 5 anni le sanzioni decadono.

    Secondo. L'eredità può essere rifiutata entro 3 mesi dalla data di morte. Attenzione perchè qui la norma non è chiara. Per esercitare tale diritto devo essere in possesso dei beni che costituiscono l'eredità.
    Il rifiuto può essere fatto in Tribunale oppure dal notaio (con tempi e costi diversi).

    Terzo. Nulla contro i CAF, ma visto il caso particolare, il mio consiglio è di rivolgersi a dei professionisti esperti della materia. Non necessariamente notai. Per esempio il sottoscritto esegue questo tipo di pratiche.
    In più se uno non è pratico della prassi del Tribunale, andarci da solo è rischioso. Si perde tempo e denaro per nulla.

    Quarto. non è vero che le tasse sono pochissime.
    C'è la franchigia per l'erede fino al milione di euro.
    Ma le imposte in autoliquidazione le pago, eccome, e sono il 3% del valore della massa ereditaria dichiarato.
    E siccome l'autoliquidazione va pagata contestualmente (o meglio prima) della presentazione della dichiarazione, e normalmente, la paga chi apre la successione, di soldi da spendere ce ne saranno, visto che Lorena parla di parecchi immobili e terreni.

    Quinto. E ultimo. Essendoci di mezzo il minore, il giudice tutelare decide per esso. E ripeto, ci sarà da fare l'accettazione di eredità beneficiata.

    Infine. Ti consiglio di appoggiarti a degli esperti, sia tecnici che legali, per meglio tutelare la posizione di tuo figlio.
     
  15. lorena vitolo

    lorena vitolo Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    sapevo che non era cosa semplice ma sta diventando davvero intricata la cosa. sei stato molto gentile ti ringrazio.... con i tuoi consigli cercherò di fare tutto ciò nel migliore dei modi cercando di non buttare soldi inutilmente. se ho capito bene il primo passo da fare è il giudice tutelare per accettazione eredita beneficiata,dopo avrei bisogno di un tecnico .mi dispiace che siamo lontani sarei stata felice di farmi seguire da te.
     
  16. massimo binotto

    massimo binotto Membro Attivo

    Professionista
    Il primo passo è l'avvocato... tramite lui la richiesta al giudice e quindi l'accettazione di eredità con beneficio di inventario dal notaio...
     
  17. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Io che ci sono passata, ovvero mi sono trovata nella tua identica condizione, ho fatto così. Giudice tutelare gratuitamente per la domanda di accettazione di eredita' del minore, la compilera' l'ufficio competente del giudice tutelare. CAF , costo 600 euro per la successione. In rappresentanza del padre prende la quota massima, bisogna vedere quanti zii, figli del nonni defunto, ci sono. Il tre per cento della massa ereditata non esiste fino al milione di euro. Pagherai 200 di ipoteca e 200 di imposta ad immobile. Nel momento in cui tuo figlio e' entrato nella proprietà per la quota del padre può disporre di qualsiasi bene tranne se esiste ancora la nonna, la casa coniugale che fino a che è in vita la userà lei. Stop. Dopo di che può monetizzare. Con le buone o con le cattive o tenersi le proprietà insieme agli altri suoi parenti.

    Tuo figlio entra nella proprietà e viene scritto nella conservatoria e nel catasto quando fa la successione. Sui beni ci sarà il suo nome, hai ben capito? È' essenziale questo passaggio. Legalmente saranno suoi beni. Mettitelo in testa. Questo devi fare. Gli immobili e il danaro che il nonno aveva nelle banche e che con la successione potrai sapere ed accedere, saranno suoi solo con la successione. Non confondiamo le idee e diamole gli strumenti per capire bene.
     
    Ultima modifica di un moderatore: 21 Febbraio 2014
    A Elisabetta48 piace questo elemento.
  18. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Il CAF con un semplice click tirerà fuori tutti gli averi immobiliari del nonno e per la quota parte le iscriverà a tuo figlio. Dopodiché puoi recarti nelle banche e chiedere gli estratti conto del defunto e rivendicare le somme che sono state indebitamente prelevate. A quel punto solo a quel punto lo Stato ti obbliga di avvalerti di un avvocato. Purtroppo. A meno che tu non denunci la malversazione al commissariato. O ti metti d'accordo con chi ha prelevato. Lo saprai accedendo agli estratti conto quando tuo figlio e' succeduto ai beni del nonno.
     
  19. lorena vitolo

    lorena vitolo Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    il padre di mio figlio è morto diversi anni fa mentre la nonna è più di un anno,quindi pagherò anche delle penali ....facendo la successione , mi viene un nodo in gola non so davvero come fare, poi penso che gli zii stanno facendo quel che vogliono con tutta la proprita in mano non lasciandomi neanche entrare mi arrabbio ancora di più e il problema più grande e che sono sola e tanto inesperta. tu sei riuscita a fare tutto !!!sei forte!!! vorrei esserlo anch'io . grazie ancora
     
  20. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Hai una stampante? Stampa quel che ho scritto e seguilo passo passo. Vai intanto al CAF e ti fai fare un preventivo di spese. Non preoccuparti di già ma ti devi muovere. Tutto quello che gli zii hanno preso uscirà fuori e dovranno dartelo con gli interessi. Poco importa se il papà e' morto tanti anni fa. Lui e' l'erede e tu hai l'obbligo di preservare i suoi averi. Vedrai che il giudice tutelare quando entrerà in campo ti darà una preziosa mano. Ha poteri superiori. Il giudice sarà chiamato a tutelare gli interessi di tuo figlio. Hai capito? Il giudice ci vuole perché lo tutelerà. Tu chiedi il suo intervento in tal senso. Digli nella domanda che tu temi che le proprietà di tuo figlio sono in pericolo. Vedrai che bellezza!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina