1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. gio75

    gio75 Nuovo Iscritto

    Buonasera volevo porre un quesito
    A settembre dell'anno scorso e' venuto a mancare uno zio di mio marito.
    questi zii non hanno figli ma hanno nipoti e fratelli .... la moglie ignara di tutto e con nostra enorme sorpresa si e' trovata che il marito aveva contratto tanti debiti
    i fratelli di lui avendo capito che c'era un ipoteca sulla casa e debiti vari hanno rinunciato tutti all'eredita' .
    La moglie (che' e zia di mio marito perche' sorella del papa' di mio marito deceduto anni fa ) a questo punto ha fatto la successione
    la zia ha una sorella e una sorellastra ancora in vita che non si e' fatta piu' sentire e non ha voluto neanche venire al funerale del cognato-
    comunque noi pian piano siamo riusciti a toglierle qualche debito e ora rimane di grande l'ipoteca sulla casa di loro proprieta' di circa 7000 euro .
    la zia voleva fare testamento a favore di mio marito e il fratello per lasciarle la casa ma poverina non ha fatto in tempo e giorni fa e' deceduta
    ora stiamo cercando di rintracciare la sorella e la sorellastra ma non ci rispondondono e siamo
    anche andati a casa sua ma niente perche' giustamente c'e' un funerale da pagare che abbiamo pagato noi
    (zia non aveva tanti soldi anche perche' ha affrontato in un anno tanti debiti)
    e tante altre cose come la stessa casa dove grava ancora un debito .....ora la
    mia domanda e' questa se la casa rimane a mio marito e mio cognato allora e' un
    conto e si affronta tutto in un altro modo ma non vorremmo che noi continuiamo
    a pagare il mutuo e il resto e poi lei o altri vogliono dopo vantare dei diritti.
    Siamo andati da un notaio a capire come muoverci e ci ha detto che ci sono varie opzioni :andare da un avvocato mandare quindi lettere e fare la successione che come nipoti che costa tantissimo o di aspettare a presentare la successione di presentarla dopo 10 anni (pagando una sanzione )e a questo punto non facendosi vivo nessuno l decade la loro eredita' e quindi la proprieta' e' di mio marito e mio cognato avendo tacitamente accettato l'eredita' in quanto hanno le chiavi di casa e dimostreranno di aver pagato il mutuo restante .
    cosa mi consigliate in merito di fare ma e' vero che si puo' presentare cosi' tardi anche questa successione senza che poi il bene vada allo stato?? la sorellastra e' erede anche lei ??e se invece la successione la paghiamo noi ognuno deve pagare la sua successione oppure dopo loro si trovano anche quella gia' pagata???
    scusate il dilungarsi ma per noi e' proprio tutto nero grazie
     
  2. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Ciao gio75
    Andiamo per gradi perchè non ho capito l'inteccio della parentela.
    Allora
    primo passaggio che mi pare di aver capito che è stato fatto?
    e dovrebbe essere 1/3 la mogli e 2/3 ripartito per tutti i fratelli dello zio di tuo marito.
    se questi fratelli hanno rinunciato ai sensi dell'art. 519 del Cod Civ. a loro succedono per effetto di rappresentazione i figli di tutti questi per effetto dell'art.467 e 468 del Cod.Civ. a meno che questi non hanno rinunciato si applica l'art. 469.
    Questa successione è stata fatta così?
    Mi spieghi altrimenti a chi è intestata la proprietà dello zio defunto?
    Spiegami bene i parenti della zia perchè non ho capito prima.
    Ciao salves
     
  3. gio75

    gio75 Nuovo Iscritto

    Allora per lo zio defunto hanno fatto tutti la rinuncia dell'eredita' perche' avevano visto che c'erano molti debiti da pagare che lo zio aveva lasciato in quest'anno molti debiti si sono risolti anche grazie ad alcune assicurazioni che gli stessi avevano ma non tutti .
    la moglie cosi' ha ereditato di nuovo tutta la sua parte credo.....adesso e' deceduta senza lasciare il testamento che avrebbe voluto lasciare ai suoi due nipoti (mio marito e mio cognato) figli del suo fratello deceduto anni fa .
    la zia di mio marito ha una sorella in vita, una sorellastra, e questi due nipoti (mio marto e mio cognato)che sono gli unici che l'hanno aiutata e frequentata.. le sorelle non si rintracciano piu' neanche per il funerale
    spero che sia stata piu' chiara adesso
     
  4. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Quindi mi pare di capire che hanno rinunziato i fratelli ed i figli di questi, ed eventuali figli dei figli?

    Quindi è stata presentata successione a favore della moglie sola?

    Un'altra cosa i due zii erano in comunione dei beni? gli stessi beni caduti in successione da quando erano proprietà dello zio o della zia oppure assieme cioè sapere gli anni dei rogiti con i quali sono divenuti proprietari.

    E' fondamentale sapere questi passaggi perchè da questo scaturiscono altri diritti revocabili e non da parte di chi ha rinunciato, può secondo la precisa descrizione di quanto chiesto sopra subentrare altri aventi diritto, vedi di poter dare quante più informazioni possibili e precise er avere un'informazione quanto più precisa e sempre se vuoi.
    Ciao salves
     
  5. gio75

    gio75 Nuovo Iscritto

    Gli zii erano in comunione dei beni e l'unico bene immobile in questione e' la casa il resto sono debiti ...
    la casa e' stata acquistata dopo il matrimonio.
    Grazie
     
  6. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Art. 570 Successione dei fratelli e delle sorelle
    A colui che muore senza lasciare prole, né genitori, ne altri ascendenti, succedono (459) i fratelli e le sorelle in parti uguali.
    I fratelli e le sorelle unilaterali conseguono però la metà della quota che conseguono i germani.

    Quindi ci sono 2 fratelli germani + una sorella unilaterale.
    Le quote dovrebbero essere 41,67% da dividere tra tuo marito e suo fratello, 41,67% alla sorella e 16,67% alla sorellastra.
    Per me occorrerebbe comunicare alle sorelle che c'è una eredità da accettare o meno, ci sono delle spese da saldare (esequie), dei beni da dividere, dei debiti da saldare (sembrerebbero € 7.000,00).
    Anche se la zia avesse fatto in tempo a fare testamento, le sorelle avrebbero avuto dei diritti sul patrimonio che lasciava.
    Ora siete tutti proprietari in comunione dell'immobile ognuno con la sua quota.
    Calcolando che voi siete insieme proprietari al 41,67%, dovreste liquidare alla sorella e alla sorellastra il restante del valore 58,33%.
    Se le quote di proprietà sono queste e c'è l'interesse sull'immobile, offrirei alle zie una somma equa secondo le loro quote dedotte le spese affrontate (esequie, debiti, . . .).
    Se l'importo da sborsare risulta invece ingente chiederei la divisione giudiziale e prenderei la mia parte di ricavato (naturalmente se si trova a vendere, che non sempre è facile specialmente in questo periodo)
    Nell'ipotesi prospettata dal notaio occorre domandarsi cosa fare dell'appartamento, intanto occorre estinguere il debito realtivo all'ipoteca altrimenti si rischia di avere l'appartamento all'asta, lo si lascia sfitto e quindi si pagano tasse e lavori senza ricavarne nulla, lo si affitta con il rischio che le sorelle vi citino per danni in quanto avete precluso loro il godimento del bene.
    E' un gran rompicapo, per me occorre andare di persona ad incontrare le zie, visto che dici che non sono venute neanche al funerale credo che qualcuno le abbia avvertite e quindi si sappia dove vivano. Essere chiari su come stanno le cose, che devono essere pagati dei debiti, che delle somme sono state anticipate, che la casa potrebbe andare all'asta e infine prospettargli una liquidazione e accollarsi il costo.
    Quella dei 10 anni, se l'ha prospettata un notaio, potrebbe essere una soluzione ma nessuno garantisce che in questi 10 anni nessuno si faccia vivo per reclamare il suo.
    Non c'è soluzione che confermi in toto le vostre aspettative sull'appartamento senza esborso di denari o disinteresse da parte delle zie.
    In bocca al lupo.
    Luigi
    Luigi
     
  7. gio75

    gio75 Nuovo Iscritto

    a chi lo dice che e' un rompicapo ....dopo 10 anni comunque e ' vero che nessuno puo' piu' avere nulla a pretendere e la successione si puo' presentare dopo 10 anni pagando una sanzione ...credo che mio marito e mio cognato cominciando a pagare il mutuo hanno tacitamente accettato giusto???
    grazie di nuovo
     
  8. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Pongo un dubbio,
    se è vero che dopo 10 anni nessuno può avere nulla a pretendere, immagino quindi che anche voi siete nella stessa condizione, e se prima dei 10 anni la zia o la sorellastra fanno la successione? e se anche loro possono dimostrare di aver pagato qualcosa inerente alla zia defunta? Mi pare impossibile che sapendo della morte di un parente che non ha lasciato figli non si pongano il quesito di che fine faranno le proprietà lasciate.
    Comunque in bocca al lupo.
    Luigi
     
  9. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Art. 582.
    Concorso del coniuge con ascendenti legittimi, fratelli e sorelle.

    Al coniuge sono devoluti i due terzi dell'eredità se egli concorre con ascendenti legittimi o con fratelli e sorelle anche se unilaterali, ovvero con gli uni e con gli altri. In quest'ultimo caso la parte residua è devoluta agli ascendenti, ai fratelli e alle sorelle, secondo le disposizioni dell'articolo 571, salvo in ogni caso agli ascendenti il diritto a un quarto dell'eredità.

    Da ciò se i fratelli e sorelle del de cuius ed i loro discendenti hanno rinunciato cosi come prevede l'art. 519 per la rinuncia e sono stati tutti coloro che hanno il diritto alla rappresentazione cosi come previsto dall'art. 469 a rinuniare, l'intera proprietà è andata alla moglie.
    poichè 1/2 era sua per effetto della comunione dei beni, 2/3 di 1/2 per successione, 1/3 di 1/2 per rinuncia degli aventi diritto.

    La stessa se è deceduta senza lasciare testamento le proprieta si dividono in parti uguali ai fratelli e sorelle e per diritto di rappresentazione ai figli di questi se rinunziatari ecc.ecc. e per come previsto dagli articoli gia citati sopra.
    Se invece ha lasciato testamento si deve eseguire quanto disposto perche se la zia non ha leggittimari come prevede l'art. 536 del codice civile gli altri non possono avere diritto alcuno.
    Ciao salves
     
  10. gio75

    gio75 Nuovo Iscritto

    Ringrazio per le risposte , credo comunque , che omettendo di dire che l'abitazione e' sopra casa di mia suocera (la cognata della defunta e madre di mio marito ) non credo che le ziee possano fare una successione non avendo i documenti in mano dell'abitazione o quant'altro prima di parlare con qualcuno anche loro .
    saluti e grazie
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina