1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. eleted

    eleted Nuovo Iscritto

    Salve a tutti, vi sottopongo un quesito:
    "2 fratelli ereditano una villetta e decidono di dividerla perchè sul terreno circostante non è possibile erigerne un'altra.Prendono accordi verbali, però prima di andare da un geometra per stilare le piantine e ufficiallizzarne il tutto (parti annesse,viale e ingressi separati,nuovo pozzo,vasche imhoff,nuova linea luce ecc.) vengono effettuati i lavori di divisione che non corrispondevano però agli accordi stessi (effettuati tra l'altro durante la nostra assenza). La casa è stata sezionata a metà internamente e da un lato esteriormente,mentre dall'altro lato, dove c'è una piccola finestra,la divisione non è avvenuta nello stesso modo ma, il muro si ferma prima del prolungamento interno della casa creando così una servitù di passaggio alla casa stessa non prevista nei patti.I rapporti naturalmente non sono buoni e negli ultimi anni sono peggiorati, così da impedirci il passaggio stesso in quanto bloccato con pseudi cancelli e addirittura minacciandoci verbalmente avvalendosi del fatto che il fratello è affetto da una grave malattia.D'innanzi a tale situazione i miei genitori frequentano poco questa abitazione per evitare che succedi l'irreparabile, mentre l'altro se ne infischia e la abita senza contribuire alle spese comuni quali luce, gas, ecc. intestate a mio padre. Il problema nasce proprio intorno a questa finestra, che prima era inglobata nella nostra "proprietà" e ora si trova nella loro dove ci è stato impedito addirittura l'affaccio e i lavori di manutenzione.Alla luce di tutto ciò tengo a precisare che per tali motivi la proprietà è ancora indivisa e quindi vi chiedo se potete darmi una dritta per risolvere questa situazione e impedire che si approprino di questo spazio.Grazie
     
  2. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Come sempre sono soluzioni delicate e ad aggravare il tutto, mi sembra di capire, basati su accordi verbali. In tal caso non esiste un punto di partenza fisso su cui basare le ragioni dell'uno o dell'altro. Difficile trovare una soluzione condivisa.
    In questa situazione, si vorrebbe capire se la divisione è stata regolamentata, almeno nella proprietà? Se lo fosse, quello è l'unico punto di partenza. Poi se finire, tra fratelli da avvocati o se armarsi di tanta pazienza, rimane una decisione che spetta a te.
     
  3. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    l'unica dritta è quella di divirla di nuovo non è detto che chi possiede una porzione attuale sia il proprietario del manufatto ma solo il possessore, dovete per forsa trovare una soluzione tra voi contendenti altrimenti non vi è che una divisione giudiziale:daccordo::idea:
     
  4. AVV GIORDANO MONICA

    AVV GIORDANO MONICA Nuovo Iscritto

    direi che, visto che la situazione si protrae ormai da anni, è il caso di iniziare con una lettera di messa in mora e di ripristino dello stato dei luoghi, tanto per ribadire il vostro dissenso alla divisione arbitrariamente posta in essere dallo zio, nonchè di messa in mora per il pagamento delle utenze comuni (se non pagano e se voi non abitate penserei anche a disdettare i contratti onde non gravare ulteriormente le spese), con invito a regolarizzare la divisione bonariamente entro un termine, altrimenti adirete le vie legali (ahivoi lunghe, penose e soprattutto costose, ma non vi è altra soluzione..)....tieni presente che prima di intentare la causa per la divisione immobiliare è prevista la mediazione obbligatoria presso un istituto di conciliazione che, per quanto contestato da noi avvocati, me compresa, ad oggi è un passaggio forzato e magari nel vostro caso potrebbe essere utile per addivenire ad un accordo....anzi, ti sarei grata se mi farai sapere come è andata!!
    In ogni caso, data la questione complicata, sarebbe il caso di rivolgersi a un legale...
     
    A eleted e Adriano Giacomelli piace questo messaggio.
  5. eleted

    eleted Nuovo Iscritto

    Ti ringrazio vivamente per il tuo parere nella speranza che si arrivi ad un compromesso per chiudere la faccenda.Comunque vada ti farò sapere anche se non so quanto tempo andrà via visto che ne sono passati 30 di anni e siamo ancora al punto di partenza, anzi, peggio!!!!Grazie
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina