1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. also

    also Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Vorrei chiarire una situazione in famiglia che non e' stata mai ben definita ed avrei bisogno del vostro aiuto. Mio padre costruì su un terreno di sua esclusiva proprieta' una casa di un piano dove abbiamo abitato insieme a mia madre e mio fratello per anni. Successivamente, *ha ristrutturato l'intero immobile e *ottenuto un permesso per edificare anche un ampio garage, una cantina, un secondo piano e una soffitta ottenendo due appartamenti con accesso indipendente, garage, cantina e soffitta ad uso comune. Le spese per l'ampliamento sono state sostenute per il 45% da mio padre, 45% da mio fratello e per il 10% da me, spese che sono documentate da annotazioni di mio padre. Dal completamento della costruzione vive, ormai da 35 anni, mio fratello con la sua famiglia senza corrispondere *alcunche',anzi, beneficiando dei servigi dei nostri genitori per lui ed i figli; *da parte mia non ho mai preteso nulla ne' mai messo in difficolta' i miei genitori, anche se ho dovuto pagarmi un mutuo , accontentarmi di una casa modesta in condominio popolare, crescere i miei figli senza alcun aiuto e *inoltre non ho mai potuto disporre ne' del garage ne' della cantina. Ora mio padre e' morto e la proprieta' risulta per legge per 1/3 a mia madre, 1/3 a mio fratello e 1/3 a me. La cosa che non mi quadra, ditemi se sbaglio, e' *che mio fratello sostiene che l'appartamento al primo piano e' da considerarsi di sua esclusiva proprieta', anzi e' in collera con mio padre che non ha mai definito ciò* e oltre a quello gli spetterà, alla morte di nostra madre, spero piu' tardi possibile, la meta' di tutto il resto. Ora non vorrei ne' amareggiare mia madre molto anziana ma neppure continuare a tacere con lui visto che ultimamente ho tolto le chiavi dei locali comuni anche a mia madre con una scusa pietosa. Vi ringrazio.
     
  2. clarissaweb

    clarissaweb Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Vedila dal punto di vista di tuo fratello: ha pagato quasi la metà della casa in cui vive da 35 anni (compreso quindi qualche ulteriore manutenzione e ristrutturazione) e si ritrova proprietario solo di 1/3! Questo significa che, se vuole diventare propietario esclusivo, ti dovrà liquidare non per il 10% di tua competenza ma per il 33% di tua proprietà più un altro 16.5% alla morte di tua madre. Proprio tutti i torti non ce li ha.
    Ma perchè tua madre è proprietaria solo di 1/3 anzichè della metà dell'intero patrimonio?
     
  3. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Perché così dispone l'art. 581 c.c. e nel caso in discussione i figli sono due.
     
  4. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    eh no! non affrettiamo giudizi. Il fratello ha pagato il 45% dell'ampliamento della casa in questione. e si ritrova a non aver pagato alcunchè per 35 anni. mentre la sorella doveva vivere in un appartamento popolare. clarissaweb mettiamo le cose come stanno. il fratello può vantare il fatto di aver pagato il 45% dell'ampliamento? certamente se lo fa lo può fare, la sorella può rispondere che ha utilizzato la proprietà per 35 anni dove lei ha pure sborsato il 10%. Il padre neanche poteva mettere a nome del fratello la proprietà perchè avrebbe leso la parte della figlia. Qui stiamo alla presenza di un grosso sopruso. Ora non voglio con queste parole mettere zizzania su zizzania, però le cose vanno dette tutte. Una bella chiacchierata col fratello e una richiesta di aiuto economico visto che la signora paga un affitto ci vorrebbe proprio. A parer mio il fratello lo doveva dare, questo aiuto, 35 anni fa, perchè il valore di una casa è assai di più della spesa del 45% di un ampliamento. E se ha aggiustato qualcosa nell'appartamento non ha fatto altro che contribuire in minima parte al mantenimento di una cosa che apparteneva a tre persone di cui lui godeva. Queste prepotenze di figli maschi che si prendono tutto devono finire!!
     
  5. also

    also Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    La proprieta' in origine era unicamente di mio padre. Ma io mi chiedo se nulla e' dovuto da parte di mio fratello per aver goduto per tutti questi anni della proprieta'. Come si può definire la situazione?
     
  6. clarissaweb

    clarissaweb Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
     
  7. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    sì, sono d'accordo con te sul modus operandi. è sul lato economico che i conti non mi tornano. La casa c'era già, il terreno pure e questo appartiene alla famiglia. se per ampliarlo io spendo il 45% mi ritrovo un appartamento intero che insiste su di un fabbricato e su di un terreno. Non ha comprato il 45% di un appartamento ha pagato il 45% di un ampliamento. Comunque, zitto zitto senza ringraziare nessuno, si è ben rifatto con 35 anni gratuiti di utilizzo, non ti pare?
    che poi si possa fare tutto pacificamente, sarebbe bello, ma mi sa che il tipo è nù pochetto prepotente! si faccia pagare intanto un pò di affitto visto che il 33% è di sua proprietà. altrimenti quello le fa pure l'usucapione....
     
  8. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    comunque a dirla tutta, il fratello può considerare quello che vuole, di sua proprietà, le cose non stanno così. ha solo il 33% di tutta la proprietà del padre (e ringraziasse il cielo di aver potuto indisturbatamente per 35 anni utilizzare gratis cose non sue) poi dopo la morte della mamma, più tardi possibile. ha certamente diritto della metà della proprietà della madre. questa volta da bravi fratelli e sorelle (sic) :rabbia:
     
  9. clarissaweb

    clarissaweb Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Che i conti non tornino è lampante. Ma quantificare di quanto non tornino e risarcire correttamente la 'parte lesa' qualunque essa sia è praticamente impossibile!
    Quindi è partire con il piede sbagliato definire il fratello prepotente, forse lo è anche ma non può nemmeno assumersi la responsabilità di scelte fatte dalla sorella (comprare una casa per conto proprio senza chiedere ai genitori un aiuto proporzionale a quello dato al fratello).
    Isomma, se questa cosa le è stata bene 35 anni fa ci sta tutto che adesso non le stia più bene e voglia la sua parte ma dovrebbe avere l'onestà di ammettere che probabilmente il fratello ha accettato un aiuto dai suoi senza l'intenzione di privarne la sorella e che lei al suo posto probabilmente avrebbe fatto lo stesso.
    Questo semplice atteggiamento conciliatorio non è un 'calare le braghe' ma un punto di partenza per dirimere la questione con qualcosa di più dello 0% di probabilità di riuscita che si avrebbero rinfacciandosi i babysitteraggi dei genitori o considerazioni sulle discriminazioni in base al genere.
     
  10. also

    also Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    La scelta non c'è stata, e' stato sempre sottinteso che lui andasse ad ad abitare li' perché i genitori già si prendevano cura dei figli ed io mi sono sposata successivamente. Del resto da parte mia non c'è stata mai possibilità di chiedere alcunche' poiché non ho mai voluto mettere in difficolta' i genitori sperando che dall'altra parte questo venisse tenuto in considerazione. Ora pero', non mi sembra proprio giusto quello che viene preteso visto anche che ha una situazione economica non disagiata.
     
  11. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    clarissaweb ha però ragione quando suggerisce di andarci con i piedi di piombo perchè queste situazioni guastano il sangue e il cuore. Rimane però il problema che il fratello si è approfittato della situazione non guardando in faccia nessuno. Comunque niente si può fare per quello che è passato (è solo una questione morale la storia dei 35 anni perchè pare che la legge non ne voglia tenere conto: io da parte mia sarei d'accordo con una collazione - quantificare gli anni di affitto - ma pare che non si possa fare) da ora però, e non ci piove, il 33% della proprietà del padre fa parte della sua successione. (ad ognuno il 33%) Nella divisione, quando sarà, si potrà dividere un appartamento per uno, nel frattempo Also che dovrà pagarci l'IMU come seconda casa, può chiedere un affitto.
     
  12. clarissaweb

    clarissaweb Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Certo, nè lui nè tu siete nella condizione di pretendere niente. Quindi se volte ottenere qualcosa la cosa migliore è parlarne quanto più serenamente possiblie.
     
  13. also

    also Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Mi riproponevo di affrontare la questione quando non ci sara' piu' la mamma, ora le procurerei un dolore e mio fratello la massacrerebbe con i suoi pianti. Quindi da quello che ho capito, dal punto di vista legale non ho alcuna possibilita' di rivendicare gli anni di uso della casa mentre lui puo' rivendicare il suo 45% di ristrutturazione? Ma potrebbe anche rivendicare l'usucapione?
     
  14. Elisabetta48

    Elisabetta48 Membro Assiduo

    Scusate se mi intrometto. Per me la cosa più allarmante è il fatto che il fratello ha tolto le chiavi delle parti comuni alla mamma. Questo non butta bene. Il fratello ha qualcosa in mente e non aspetterei la morte della mamma per intervenire. Visto che, se non ho capito male, la casa è fatta di due appartamenti indipendenti chiedi a tuo fratello la divisione dell'eredità tenendoti tu i 2/3 dell'appartamento della mamma, lui i 2/3 del suo. La mamma si tiene la sua quota di tutti e due. O mamma rinuncia all'eredità, tanto lei il diritto di vivere nella casa coniugale ce l'ha. Se il fratello non vuole la divisione, ti paga un affitto. Tanto per mettere le mani avanti anche a tutela della prole
     
  15. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    potrebbe rivendicare l'usucapione da ora. spero che tuo padre pagasse le tasse, deve metterle sull'unico, no? dal momento che questo succede, ne rivendica la proprietà di tuo padre, ne consegue che tuo fratello stava lì per comodato ad uso gratuito.non da ora in poi però. ecco perchè deve pagare un affitto. Non puoi rivendicare legalmente, moralmente sì, gli anni dell'uso gratuito e lui può rivendicare nel momento della divisione i soldi della ristrutturazione. ma questo dipende da giudice a giudice, se chiamati in giudizio, perchè la rivendicazione sua coinciderebbe con la tua dell'uso gratuito concesso ma che ledeva i tuoi interessi. invece intorno ad un tavolo tutto potrebbe essere conteggiato. Io vi consiglio il tavolo, perchè i giudici la prenderebbero calma e passerebbero decenni, davvero! senza drammi io parlerei con mamma e con lui. tu hai in ogni caso il 33% e quello non te lo toglie nessuno.
     
  16. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    con elisabetta48 si sono accavallate le risposte. concordo pienamente:daccordo:
     
  17. clarissaweb

    clarissaweb Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    non ho le competenze necessarie per risponderti ma credo che accettando l'eredità, e quindi sottoscrivendo la dichiarazione di successione, tuo fratello ha accettato la divisione così com'è.Prima della dich di successione l'immobile non era di tua proprietà, quindi non ti spetta nulla per quel periodo. Aspetto smentite da più competenti.
     
  18. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Per poter usucapire, è necessario che il possesso sia caratterizzato anche dall’animus possidendi in via esclusiva, e non in termini di comproprietà, essendo a tale scopo necessario manifestare l’intenzione di escludere gli altri dalla comproprietà, non avendo alcun rilievo il mero disinteresse degli altri coeredi.
     
  19. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    L'accettazione dell'eredità non si compie con la presentazione della dichiarazione di successione.
    L'eredità si acquista con l'accettazione che, se esercitata, produce i suoi effetti sin dal momento in cui si è aperta la successione.
     
  20. also

    also Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Quindi per esercitare il diritto di usucapione quanti anni devono trascorrere dalla morte di mio padre?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina