• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

ale28

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Buonasera a tutti,

Ho un dubbio che spero potrete chiarirmi. Nell’ottobre del 2008 mia nonna è passata a miglior vita, e dunque io e mia sorella (i suoi nipoti) abbiamo ereditato una parte del suo patrimonio, in quanto nostro padre era già deceduto, insieme a nostra zia (la sorella di nostro padre).

Abbiamo scoperto recentemente che pochi mesi prima del decesso mia nonna aveva venduto a terzi un appartamento, ma i soldi ottenuti con tale vendita non erano nel suo conto corrente; abbiamo il sospetto che siano stati spostati sul conto corrente di nostra zia a nostra insaputa.

Ho letto su internet che i beni trasferiti nei 6 mesi precedenti al decesso si devono considerare come beni da dividere tra gli eredi, come il resto del patrimonio in possesso nel momento del decesso, e che gli eredi legittimi hanno 10 anni di tempo per chiedere ciò che gli spetta.

È così? Avremmo dunque tempo fino a ottobre 2018 per aprire una causa legale? Se si aprisse questa causa e non si dovesse concludere entro ottobre 2018, andrebbe in prescizione?

Vi ringrazio anticipatamente.

Cordiali saluti
 

Franci63

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Ho letto su internet che i beni trasferiti nei 6 mesi precedenti al decesso si devono considerare come beni da dividere tra gli eredi
Informazione vaga e fuorviante.
E' da dividere tra gli eredi il patrimonio esistente al momento della morte; nel totale del patrimonio vanno comprese eventuali donazioni fatte in vita (anche anni addietro), poi va verificato se queste donazioni hanno leso la quota di eredità che la nostra legge riserva ad alcune categorie di eredi (coniuge, figli, genitori).
Quindi bisognerebbe capire dove sono andati i soldi della vendita ; potrebbero essere stati spesi ,potrebbero essere serviti per ripagare debiti , e tutto ciò è lecito e regolare.Ognuno dei suoi bene fa quello che vuole.
Se invece sono stati versati sul conto della zia o a lei regalati in altre forme ,allora si tratta di donazione che va verificata,appunto per capire se avete ricevuto quanto vi spettava,in rappresentanza di vostro padre.
Se non c'era testamento vi sarebbe spettato il 25% a testa,ma non dici molto a proposito.
Se poi avete solo sospetti e niente prove sarà difficile dimostrare qualcosa.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Magari i soldi scomparsi sono stati utilizzati per indennizzare tua zia per l'assistenza fornita a tua nonna. E' tutto da verificare!
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Ho letto su internet che i beni trasferiti nei 6 mesi precedenti al decesso si devono considerare come beni da dividere tra gli eredi,
Sul web trovi anche molte "idiozie".

Quasi 10 anni dalla dichiarazione di successione...difficile trovare i riscontri ai tuoi sospetti.

Il ricavato può essersi "dissolto" in vari modi.
 

Franz

Membro Attivo
Impresa
dovreste chiedere i movimenti bancari del periodo alla banca della nonna, per capire dove sono finiti i soldi(almeno per sapere se sono stati prelevati un po alla volta, oppure se sono stati trasferiti in una o più operazioni)

le banche garantiscono la fornitura dei movimenti di un conto per almeno gli ultimi 10 anni, ma spesso vanno oltre(e chiedono soldi per fornirli)
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Nessuno può farti sentire inferiore senza il tuo consenso.
rpi
Buonasera, un fondo parte magazzino e parte garage è stato adibito ad abitazione, tramite CILA, avendo denunciato l'abuso al comune, questo ci ha dato ragione mantenendo le originarie categorie C/6 e C/2. Nonostante ciò il proprietario lo ha affittato ad una famiglia. A chi dobbiamo rivolgerci, Vigili urbani o denunciare il proprietario alla Magistratura?. Grazie, cordiali saluti.
Alto