• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

genky64

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
nel 2005 muore il de cuius che lascia un terreno alla figlia A e ai 2 figli dell'altra figlia, premorta, B e C.
nel 2010 muore A i cui 2 figli, alla data odierna, non hanno accettato l'eredita' del citato terreno:
possono i nipoti B e C accettare l'eredita' del terreno per accrescimento?
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Cosa intendi?
Non hanno accettato quel singolo lotto o l'intero "patrimonio" lasciato dalla madre?
In tal secondo caso anno fatto espressa rinuncia?
Sicuro che non abbiano compiuto "atti" assimilabili ad accettazione tacita?
Hanno fatto la Dichiarazione di Successione?
 

genky64

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Cosa intendi?
Non hanno accettato quel singolo lotto o l'intero "patrimonio" lasciato dalla madre?
In tal secondo caso anno fatto espressa rinuncia?
Sicuro che non abbiano compiuto "atti" assimilabili ad accettazione tacita?
Hanno fatto la Dichiarazione di Successione?
L'INTERO PATRIMONIO e' costituito solo da quel terreno.
NON hanno compiuto atti assimilabili ad accettazione tacita.
NON hanno fatto espressa rinuncia
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
NON hanno compiuto atti assimilabili ad accettazione tacita.
Occhio che l'accettazione tacita non si determina solo per gli "atti" relativi ai beni immobili.
Basta le figlie abbiano pagato qualsiasi debito/bolletta della madre, o prelevato dal suo c/c o libretto di depositi che si ha per accettata l'eredità.

Verifica se hanno fatto la Dichiarazione di Successione.
 

possessore

Membro Senior
Proprietario Casa
Bravo Dimaraz.

Tutti pensano che l'accettazione tacita di un'eredità sia un ufo sceso dal cielo, che colpisce gli interessati coi suoi raggi luminosi.

Non è così.

Nel momento in cui paghi una bolletta condominiale => hai accettato l'eredità.
Fai disboscare il giardino divenuto una selva => hai accettato l'eredità.
Fai una miglioria, una riparazione, una sostituzione => hai accettato l'eredità.

Per questa ragione è bene non far passare anni..... prima di rifiutarla con atto pubblico!
 

possessore

Membro Senior
Proprietario Casa
Dal 2005 al 2010 è statisticamente impossibile che non sia stato compiuto neanche un atto di accettazione tacita dell'eredità! Basta riparare a proprie spese qualcosa, per dimostrare allo Stato che hai preso possesso del bene e accetti l'eredità. In 5 anni non è stato speso un solo centesimo per questa proprietà? Ne dubito fortemente. Sicuramente sono state sostenute delle spese, anche minime, senza pensare alle conseguenze giuridiche che avrebbero portato.
 

genky64

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Occhio che l'accettazione tacita non si determina solo per gli "atti" relativi ai beni immobili.
Basta le figlie abbiano pagato qualsiasi debito/bolletta della madre, o prelevato dal suo c/c o libretto di depositi che si ha per accettata l'eredità.

Verifica se hanno fatto la Dichiarazione di Successione.
Dando per CERTO che non è stato effettuato alcun atto che possa determinare un'accettazione TACITA il passaggio che ho prospettato nel mio primo post è fattibile legalmente?
Se SI si deve fare entro i 10 anni dalla morte della decuius?
Sì pagherebbero sanzioni per un'accettazione tardiva o le stesse sono cadute in prescrizione ?
Grazie
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
nel 2005 muore il de cuius che lascia un terreno alla figlia A e ai 2 figli dell'altra figlia, premorta, B e C.
nel 2010 muore A i cui 2 figli, alla data odierna, non hanno accettato l'eredita' del citato terreno:
possono i nipoti B e C accettare l'eredita' del terreno per accrescimento?
Per rispondere è bene tu completi il quadro: chiamo D e E i due figli di A.
1) Hai scritto che B e C non hanno ancora effettuato la accettazione dell'eredità della madre A o anche la madre A non aveva mai accettato la eredità?
2) B e C avevano a suo tempo accettata l'eredità cioè la comproprietà di questo terreno?
3) la prima e seconda successione e volture sono state fatte?
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Dando per CERTO che non è stato effettuato alcun atto che possa determinare un'accettazione TACITA il passaggio che ho prospettato nel mio primo post è fattibile legalmente?

Ci sono tanti aspetti che adrebbero "approfonditi" quindi prendi quanto segue solo come "spunto":
1-Non fare la Dichiarazione di Successione non equivale a fare "espressa rinuncia".
2-Differentemente dalla "accettazione tacita" la rinuncia deve esser espressa.
3-L'erede che non "agisce" perde tutti i diritti decorsi 10 anni dall'apertura della successione (morte del de cujus)
4-B e C non sono eredi legittimari... a differenza delle figlie di A, quindi fintanto che le eredi legittimarie non hanno fatto "espressa rinuncia" non hanno modo di pretendere "accrescimento".
5-Un modo certo di acquisire la proprietà è l' Usucapione(20 anni)... ma se nessuno ha fatto la Dichiarazione di Successione...un'appuntamento con un "bravo" legale in loco lo farei.
 

genky64

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Ci sono tanti aspetti che adrebbero "approfonditi" quindi prendi quanto segue solo come "spunto":
1-Non fare la Dichiarazione di Successione non equivale a fare "espressa rinuncia".
2-Differentemente dalla "accettazione tacita" la rinuncia deve esser espressa.
3-L'erede che non "agisce" perde tutti i diritti decorsi 10 anni dall'apertura della successione (morte del de cujus)
4-B e C non sono eredi legittimari... a differenza delle figlie di A, quindi fintanto che le eredi legittimarie non hanno fatto "espressa rinuncia" non hanno modo di pretendere "accrescimento".
5-Un modo certo di acquisire la proprietà è l' Usucapione(20 anni)... ma se nessuno ha fatto la Dichiarazione di Successione...un'appuntamento con un "bravo" legale in loco lo farei.
Ok ma se passano i 10 anni dalla morte del decuius in modo tale che le figlie di A non abbiamo più alcun diritto sull'eredità, possono B e C procedere ad acquisire per ACCRESCIMENTO? OPPURE passati i 10 anni anche loro non posso più fare nulla?
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
OPPURE passati i 10 anni anche loro non posso più fare nulla?
E questo è il vulnus non che busillis della questione... perché decorsi 10 anni qualsiasi erede perde il diritto e in mancanza il bene passa allo Stato.
Ma... rileggi bene quanto ho suggerito sul finale.
 

genky64

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
E questo è il vulnus non che busillis della questione... perché decorsi 10 anni qualsiasi erede perde il diritto e in mancanza il bene passa allo Stato.
Ma... rileggi bene quanto ho suggerito sul finale.
Quindi potrebbero farlo l'ultimo giorno utile della scadenza decennale e risolvere così
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Molto spesso mi capita di imbattermi in eredità mai dichiarate con la successione e poi inserite in una successione per possesso ultraventennale. Ovviamente saltando alcuni passaggi, la continuità storica ne risente.
 

genky64

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Molto spesso mi capita di imbattermi in eredità mai dichiarate con la successione e poi inserite in una successione per possesso ultraventennale. Ovviamente saltando alcuni passaggi, la continuità storica ne risente.
Ma secondo te come ho prospettato nel primo post si può fare considerando l'immobilità degli eredi legittimi?
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Ciascun erede può presentare la dichiarazione di successione entro 12 mesi dal decesso del de cuius. Il ritardo comporterà una piccola sanzione che cadrà in prescrizione trascorsi altri 5 anni. L'importante è prendere possesso dell'eredità entro i dieci anni.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

rpi
Buonasera, un fondo parte magazzino e parte garage è stato adibito ad abitazione, tramite CILA, avendo denunciato l'abuso al comune, questo ci ha dato ragione mantenendo le originarie categorie C/6 e C/2. Nonostante ciò il proprietario lo ha affittato ad una famiglia. A chi dobbiamo rivolgerci, Vigili urbani o denunciare il proprietario alla Magistratura?. Grazie, cordiali saluti.
buongiorno a tutti ho stipulato un contratto preliminare per l acquisto di un immobile definito chiavi in mano con scritto che sarebbe stato finito il giorno 31 maggio 2019 ovviamente d accordo con l imprenditore.Ad oggi 22 giugno 2019 la casa non e ancora finita ed ora l'imprenditore vuole una proroga del contratto a fine luglio 2019 qualcuno sa cosa mi comporta questa proroga?cioè dovrei firmarla?e perché la vuole?
Alto