1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. lello12

    lello12 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Buongiorno a tutti,
    situazione di "stallo" per eredità MOLTO complicata, non è facile descriverla..ci provo, ringrazio in anticipo chi proverà/potrà darmi delle informazioni.

    Mio zio nel 2009 risultava proprietario con la moglie (regime dei beni e senza figli) di alcune proprietà
    immobiliari. Nel 2009 scrive un testamento indicando come eredi per quanto riguarda la comunione dei
    beni delle proprietà i suoi 3 nipoti (io ed i miei due fratelli); notare che dalla parte dello zio ci sono altri 3
    nipoti dello zio che non essendo indicati nel testamento per le proprietà..lo sono per quanto risulta in
    banca.
    Mio zio fà fare da un tecnico una perizia dei beni, nel maggio 2013 i coniugi fanno una separazione giudiziale dove (aiutati anche dai rispettivi avvocati) concordano come separare i beni :

    proprieta "A" (nome fittizio) a mio zio
    proprietà "B" alla moglie (la proprietà "B" è molto superiore alla proprietà "A" ma ai coniugi và bene

    entro un mese dalla separazione dovevano ufficializzare dal notaio, firmando, la divisione dei beni...ma..NON LO FANNO, nell'autunno del 2013 la ex-moglie di mio zio muore lasciando un testamento favorendo un suo nipote per tutta la proprietà "B" il quale nel luglio 2014 pubblica tale testamento...probabilmente alla legge (!) risulta che la zia non poteva lasciare tutta la proprietà "B" in quanto indivisa ma poteva lasciare solo la sua metà...e...sempre nel luglio del 2014 a casa di mio zio (probabilmente contattato..) avviene un atto presente un notaio (senza testimoni) dove lo zio firma la rinuncia all'eredità della moglie...e qui avviene un grande "rebus" che ora si riversa su di noi...

    veniamo a conoscenza di quest'atto solo dopo la morte dello zio e superficialmente sottovalutiamo,

    mio zio (84 anni, abitava da solo, era parecchio sordo..sollecitato probabilmente a collaborare affinchè s avverino gli accordi presi con la ex-moglie nel 2013 ( proprietà "A" nipoti zio e proprietà "B" al nipote dell'ex-moglie) firma pensando di riunciare alla metà della proprietà "B" così da sistemare gli accordi verbali presi in sede di separazione con la ex-moglie..di modo che il testamento della ex-moglie potesse favorire il nipote per tutta la proprietà "B".

    INVECE emerge che la rinuncia all'eredità della ex moglie si riflette solo sulla legittima a suo favore della metà della proprietà "B" (l'altra metà proprietà "B" per via dell'ancor viva comunione dei beni rimane dello zio...quindi ora mia e dei miei due fratelli..sic !).

    il problema è anche che la firma della rinuncia all'eredità della moglie ha avuto effetto sulla metà della proprietà "A"...quindi siamo bloccati ....ma la ciliegina sulla torta arriva adesso....

    noi al 15 dicembre 2015 abbiamo pubblicato il testamento dello zio e..dopo una settimana...solo per precauzione...facciamo un'ulteriore indagine...e scopriamo che a settembre 2015 il nipote della ex-moglie
    dello zio ha pubblicato un testamento di ns zio..(..sic..),ne chiediamo copia conforme e purtroppo emerge
    che la scrittura non è quella dello zio..(!..ri-sic !), in sostanza in tale testamento lo zio dà in eredità al nipote della ex-moglie la metà della proprietà "B" ..."il tipo"...è riuscito ad avere (a modo suo) quanto la zia voleva dare a lui.... e tutto questo con un grave danno a noi.
    Abbiamo chiesto visura per soggetto della proprietà "B" ed attualmente risulta tutto intestato a questo "tipo"

    quindi..consulenza con un avvocato e con un notaio...la storia si prospetta lunga/articolata/gravosa e di
    tutto e di più ed inoltre nascono disaccordi anche tra me ed i miei due fratelli

    il "tipo" è stato contattato (non da me che mi rifiuto xè so che doveva farlo un avvocato..), appena sente ventilata la storia della scrittura...minaccia denuncia...dopo aver presa visione della vera scrittura si dimostra disposto a tutto...

    è stato contattato anche l'avvocato che aveva seguito la successione per questo "tipo" ancor nel luglio 2014...che dice che si può sistemare tutto...che la prop rietà "A" è solo di noi 3, che il tipo firma la rinuncia
    alla metà della proprietà "A"

    qui non capisco più niente...perchè...la ex-moglie dello zio..nel testamento aveva favorito suo nipote "il tipo"..nominando solo la proprietà "B" e MAI la proprietà "A"

    il problema è che la ex-moglie dello zio ha più di una decina di nipoti ...non solo uno...quindi la
    metà della proprietà "A" è di tutti quei nipoti ....e non solo "del tipo", come fà l'avvocato "del tipo" a dire
    che sistema tutto ?
    Io ho capito che dovrebbero rinunciare TUTTI i nipoti della ex-moglie di mio zio comprese le moglie ed i figli....ma purtroppo penso che TUTTI gli altri nipoti dell'ex-moglie dello zio non sappiano bene come
    la storia è stata combinata !!!

    Siamo proprietari solo di metà della proprietà "A" ed in teoria di metà della proprietà "B" (che risulta già volturata al "tipo") e che i miei fratelli non vogliono contestare....sperando che l'avvocato del "tipo"
    possa "sistemare" a favore ns la proprietà "A"...io la vedo complicata anche ai fini di poter vendere
    poi detta proprietà "A" che per metà è ns e per l'altra metà non capisco la soluzione dell'avvocato.
    I veramente numerosi nipoti dell'ex-moglie di mio zio non sono tutti civili !!

    Ora..è...roba da esaurimento...mancava anche la contrarietà ora subentrata con i
    miei fratelli....la pubblicazione della successione è ferma nessuno fà più nieniace te..

    La vedo brutta...forse la soluzione indolore almeno a stress, impegno e di tutto e di più è che io rinunci
    all'eredità.. .posso rinunciare anche se risulta il mio nome (insieme a quello di un mio fratello) sulla pubblicazione del testamento dello zio fatta a dicembre 2015 ?

    So che dopo di me dovrebbe rinunciare anche mio figlio che sarebbe d'accordo.
    Se rinunciamo mi sembra di aver capito che non possiamo indicare a favore di chi, ed allora la ns rinuncia
    a chi andrebbe ? Solo ai miei due fratelli od anche agli altri 3 nipoti di mio zio (quelli non menzionati nel
    testamento di mio zio per le proprietà ma che hanno comunque diritto ai soldi in banca) ?

    So che se rinuncio devo rinunciare anche ai soldi. pazienza ! Dal 2009 quasi ogni mese passavo minimo una settimana con lo zio, prima di morire mi sono trovato un mese e mezzo a passare le giornate in ospedale con lui, era allettato, a parte un vicino non si è visto nessuno.
    Almeno ho il ricordo che l'ultimo Natale e Capodanno non era da solo, era con me.

    Chiaro che spiace rinunciare (non navigo nell'oro) ma quanto si prospetta appare a dir poco "grottesco".
    Ringrazio e mi scuso per la lungaggine.
     
  2. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Stavo leggendo e subito mi son fermato:
    - parla di separazione: intende quella patrimoniale o quella coniugale.
    - la moglie muore prima del marito?
    - la divisione del patrimonio comune non è mai stata operata (nuova convenzione dal notaio)?
     
  3. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Mi scuso più sotto ha specificato quanto da me chiestole:
    - separazione coniugale
    - rinuncia da parte delo zio
     
  4. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    A mio avviso:
    - gli accordi di separazione, non formalizzati in un atto divisionale del patrimonio comune dei coniugi, non hanno prodotto effetto alcuno.
    - i coniugi solo separati hanno mantenuti intatti i diritti successori reciproci
    - le proprietà A e B, dopo la morte della moglie e la rinuncia eredità zio (salvo non si dimostri che l'atto sia nullo) sono al 50% vostre ed il "tipo" ha l'altro 50%
    - la dixhiarazione di successione presentata dal tipo e conseguente voltura catastale solo su B è errata.
    - si deve fare una nuova dichiarazione correttiva e lei con i suoi fratelli (o solo lei) deve fare quella relativa al 50% di spettanza
    - se gli avvocati non riescono a farvi accordare, si va dal Giudice che definisce il tutto attribuendo il 50% (di A+B) a ciascun gruppo di eredi
     
  5. lello12

    lello12 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Grazie per la risposta Ollj,
    d'accordo con le sue risposte ho perplessità su una cioè :

    - le proprietà A e B, dopo la morte della moglie e la rinuncia eredità zio (salvo non si dimostri che l'atto sia nullo) sono al 50% vostre ed il "tipo" ha l'altro 50%

    intende che il tipo ha il 50% oltre che su "B" (da testamento sua zia)
    anche su "A" ? (sua zia sul testamento a suo favore non menzionava "A" ma solo "B")

    la perplessità nasce :

    lo zio rinuncia all'eredità della moglie (quindi anche metà "A" senza poter indicare a favore di chi...conseguenza và a tutti i nipoti dell'ex-moglie o solo al "tipo" ?
     
  6. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Mi scuso per la stringatezza della risposta; nel citare il "tipo" quanto al catasto e dichiarazione di successione da lui presentata, non intendevo anche attribuire allo stesso esclusivo diritto ereditario sul patrimonio della zia (in parte regolato con testamento); infatti ho concluso con:
    se gli avvocati non riescono a farvi accordare, si va dal Giudice che definisce il tutto attribuendo il 50% (di A+B) a ciascun gruppo di eredi
    Quindi sul patrimonio A+B vi sono due gruppi:
    - 50% a lei e i suoi fratelli
    - 50% al tipo e altri nipoti; all' interno di tal gruppo/stirpe vi è un erede testamentario (il titipo) che ha diritto sul 50% di B ed altresì molteplici eredi legittimi (altri nipoti+lo stesso tipo) in relazione alla quota parte di A su cui ha rinunziato vostro zio.
    Quello che conta è che, siano pochi o tanti gli attori della vicenda, con ricorso al Giudice in sede di divisione del patrimonio ereditario, sarà lo stesso a svolgere quanto di necessità.
    Ovvio che un accordo sarebbe assai meno dispendioso e più veloce... Ma se non ci si può arrivare...
    P.s. le spese del procedimento di divisione del patrimonio sono anticipate da chi lo istruisce, ma saranno addebitate pro quota a tutti gli eredi. ( lei, i suoi fratelli, il tipo e i nipoti)
     
    A Gianco piace questo elemento.
  7. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    La metà di A cui ha rinunciato zio, va ad accrescere il diritto degli altri ceredi (tutti i nipoti della ex moglie, "tipo" compreso e secondo le quote della successione legittima )
     
  8. lello12

    lello12 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Grazie Ollj,
    chiarissimo !

    Stò meditando di rinunciare perchè sono coinvolte TROPPE persone anche non
    eredi...che hanno contribuito a questo caos..

    Quello che i due coniugi alla separazione giudiziale avevano deciso/preparato e non concluso era :
    - tutta "A" allo zio (che con testamento lasciava ai 3 nipoti)
    - tutta "B" alla moglie (che con testamento lasciava solo ad un nipote)

    per ignoranza-superficialità dei coniugi ora è un caos aggravato anche da iniziative non conformi del "tipo" (nipote dell'ex moglie di mio zio)

    con i miei fratelli che sorvolerebbero sperando di non innescare una storia infinita, che sperano che l'avvocato che difende il "tipo" riesca (non so come) a far apparire che tutta "A" è nostra...non mi posso immaginare poi chi acquisterebbe la proprietà "A" frutto di eredità che arriva da comunione dei beni ecc

    Mi troverei da solo a prendere l'avvocato, affrontare denunce ecc ecc ecc !!

    Il testamento di mio zio è pubblicato da dicembre, è tutto fermo, ora dovrò capire in quale fase posso rinunciare (se è vincolante ai fini dell'accettazione che nella pubblicazione appare oltre a mio fratello anche il mio nome), ed anche capire a chi và quanto io rinuncio.
    Grazie ancora per l'attenzione, cordiali saluti
     
  9. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Se il patrimonio lasciato avesse un valore, perché rinunziarvi?
    Lei non deve far cause legali per accertare il suo diritto, ma semplicemente operare una divisione giudiziale. Sempre un procedimento legale, sempre del tempo, le spese non a suo esclusivo carico (solo anticipate da lei e poi a scomputo e rimborso); faccia una corretta valutazione.
    Se rinunzia, accresce la quota solo dei suoi fratelli (a condizione che i figli di lei non accettino...ed hanno 10 anni, dal decesso, per farlo)
    Cordialità
     
    A rita dedè piace questo elemento.
  10. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Quali? Lei mica ha commesso un reato!
     
  11. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Non ci riuscirà mai. Potrà solo spingere le parti a svolgere, volontarie e reciproche formali cessioni di quote.
     
    A rita dedè piace questo elemento.
  12. rita dedè

    rita dedè Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    1)da che cosa è composta la massa ereditaria?
    2)approssimativamente,a quanto ammonta?
    3)è facilmente commerciabile?
    4)il de cuius ha lasciato debiti?
    Mutui da finire di pagare? Pignoramenti?
    5)se ci sono beni immobili,sono tutti regolari?niente abusi edilizi?niente sanatorie?
    6)se ci sono terreni,agricoli?fabbricabili?
    Con i confini?come stanno messi? Chi sono i confinanti?mai stato problemi con i confinanti? Facilmente accessibili?difficilmente accessibili?
    7)le proprietà del de cuius da dove arrivano?
    Compravendite?donazioni?donazioni indirette? Successioni?
    8) in conservatoria ci sei andato a prendere le visure ? Ed hai cercato di studiartele?capirle? O fattele spiegare da qualcuno? Chissà possono rivelare qualche nuovo imbroglio!! Di cui tu ancora non sei al corrente!
    9)hai già raccolto un paio di preventivi,per i costi,approssimativamente,riguardo una divisione giudiziale?
    10) nel tuo avatar vedo che hai 63 anni,scusa che mi permetto,come te la passi di salute? C'è la fai a vivere fino alla fine della faccenda?
    Se no,poi,proseguiranno i tuoi figli,lo sbroglia mento della matassa?
    Ti piacerebbe a te ereditare sbroglia menti di matasse ereditarie?
    10)abiti già in una casa/appartamento di tua proprietà? Prima casa? Poi ereditando,una seconda,terza,quarta,casa sai come lievitano i costi fissi !!!
    11)hai conoscenza di come funziona il mondo del fisco? Imposte ?tributi?
    12)non illuderti, metto tutto in mano al professionista,una delega,qua una delega la,e dormo su sette cuscini, si tratta dei tuoi interessi,devi starci dietro tu,leggere le documentazioni! Capirle e renderti conto!
    I professionisti sono esseri umani,
    Sbagliare è umano!
    Però la parcella me la paghi lo stesso!

    Io,non voglio sapere tutte queste cose,
    Ti consiglio,di saperle tu,informarti,confrontarti il più possibile che puoi!
    Sei tu quello che deve prende la decisione finale,e convivere con le conseguenze! Per il resto della tua vita!
     
  13. lello12

    lello12 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    ..grazie ancora ad Ollj per le delucidazioni aggiuntive..

    ... e grazie anche a Rita Dedè che non ha omesso nulla, ho di che aggrovigliare la mente..certo gli immobili il valore ce l'hanno (A circa 150000,00 e B circa 240000,00), sono stati acquistati dai coniugi durante il matrimonio.
    Le visure ho solo quelle a soggetto, forse dovrei procurarmi quelle storiche e cercare di capire..
    E' che se fossi solo affronterei, partendo con una denuncia per invalidare il testamento scorretto.. e poi male che vada chiederei al giudice lo scioglimento della comunione ereditaria (ed intanto passano anni..)

    Ma i miei fratelli sono contrari,vorrebbero evitare qualsiasi contrasto, dall'altra parte sono metà di mille e non tutti civili.. (!). Vorrebbero aver fiducia del legale della controparte che promette di sistemare. Tale legale aveva seguito la separazione giudiziale dei coniugi, poi la successione del "tipo" nel luglio 2014 (del testamento della zia) ed era stato ufficiosamente presente quando lo zio aveva rinunciato all'eredità della moglie nel luglio 2014...

    Il legale prospetta di far firmare la rinuncia di "A" solo al "Tizio" e poi procedere e poi..dice...si vedrà...insomma tutti gli altri nipoti dell'ex-moglie non verrebbero interpellati...ma dico...secondo me poi i problemi salterebbero fuori alla vendita di "A"

    Di salute vado discretamente ma ho il timore di ammalarmi per questa storia e non voglio certo lasciare una matassa da sbrogliare a mio figlio, abito in una prima casa di proprietà e chissà per quanto tempo rimarrei con quote di seconda/terza casa...inoltre in "B" il "tizio" ha pagato da solo la fresca ristrutturazione globale dello stabile (interna ed esterna) quindi...altri problemi visto che metà di "B" non è sua come crede ma ns....ed in più anche nella "A" girano voci di ristrutturazione della facciata....questa eredità è pesante..rinunciare potrebbe essere una salvezza..credo..

    Grazie agli interventi di Ollj e di Rita che per me saranno ancora fonte di riflessione, sento però impegnativo affrontare fratelli ed altri o forse le forze di combattere stanno scemando da quando sono in ballo con questa storia..
     
  14. rita dedè

    rita dedè Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    390 mila?di patrimonio?
    Diviso 2?
    Diviso 3?
    65 mila?
    Tutti sti casini per 65 mila euro di eredità?
     
  15. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    E se parlassimo a questo punto di "accettazione con beneficio di inventario"???
    Credo di poter dire (l'ultima parola ad Ollj..) che il COSO consentirebbe al nostro povero postante di accomodarsi alla finestra e aspettare "l'involucro" che gli si avvicina. Se fosse così, e lo auguro al gentile postante, si risparmierebbe almeno
    tutto l'affanno di correre a destra e a manca. Sicuramente Ollj o Nemesis o altri
    esperti su Propit potranno spiegargli la procedura e l'opportunità di aderire al
    COSO...Intanto cosa ne dici tu da Monaco...? qpq.
     
  16. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Accettare con beneficio non fa mai male.. soprattuto se si temono debiti superiori agli attivi.
    Ma ciò non risolverebbe le preoccupazioni di @lello12, a mio avviso eccessive; anche col profilo più prudente (non impugnare il 2° testamento) avrebbe solovda guadagnarci.
     
  17. lello12

    lello12 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    ..grazie al simpatico quiproquò per lo spunto...e grazie alla cortesia di Ollj per la considerazione al caso

    è che ora tutto è fermo nessuno prende decisioni (nemmeno io..non ci si parla..), il "tizio" aspetta le ns mosse.., il ns testamento è stato solo pubblicato..nessuno ha iniziativa di far aprire la successione...

    diciamo che col profilo più prudente (non impugnare il 2° testamento), sortirebbe l'apertura della successione per "A" con noi 3 da una parte e con le numerose persone dall'altra..quindi metà "A" a noi e metà "A" a loro... quindi si intende che almeno almeno se ne uscirebbe con il ricavo di una metà...

    ...non potremmo avere nulla in più perchè anche se qualcuno di loro rinunciasse il vantaggio cadrebbe sugli altri loro parenti non a noi...

    ..si intenderebbe lasciar perdere quello che è successo su "B"...... lo smacco causato dal "tizio è alla grande ma, come si dice, : "quello che si fà spesso torna indietro"
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina