1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. alfio p

    alfio p Membro Junior

    Proprietario di Casa
    salve a tutti. sono propietario dell'abitazione in cui abito al 50% con mia moglie ho ereditato nel 2011 1/4 di un appartamento di una cugina defunta . tale app. e' attualmente sfitto. in dicembre 2012 e' morto mio padre propietario al50% con mia madre di un altro app. in cui la stessa risiede. cosa coviene fare ,cedere in usofrutto la mia parte a mia madre, intestarlo tutto a me,dovro' pagare 3 IMU? come prima, seconda, terza casa?
     
  2. Elisabetta48

    Elisabetta48 Membro Assiduo

    Non parli di fratelli, quindi è lecito pensare che sei figlio unico, quindi dovresti aver ereditato un quarto della casa dei tuoi genitori. Comunque questo ai fini dei diritti di tua madre cambia poco. Secondo me è inutile che tu lasci l'usufrutto a tua madre. Lei ha già il diritto di abitazione, sancito dal Codice Civile

    "Art. 540.
    Riserva a favore del coniuge.

    A favore del coniuge è riservata la metà del patrimonio dell'altro coniuge, salve le disposizioni dell'articolo 542 per il caso di concorso con i figli.

    Al coniuge anche quando concorra con altri chiamati, sono riservati i diritti di abitazione sulla casa adibita a residenza familiare e di uso sui mobili che la corredano, se di proprietà del defunto o comuni. Tali diritti gravano sulla porzione disponibile e, qualora questa non sia sufficiente, per il rimanente sulla quota di riserva del coniuge ed eventualmente sulla quota riservata ai figli."

    Sarà lei che paga l'IMU per questa casa

    "In caso di successione, il coniuge superstite diviene titolare per legge (art. 540 del Codice Civile) del diritto di abitazione sull’immobile di residenza coniugale e quindi, seppure in presenza di altri eredi, è tenuto al pagamento dell’IMU per intero".
     
    A piace questo elemento.
  3. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    lei ha già il diritto di abitazione ed è soggetta passiva dell'IMU con agevolazione.


    paghi l'IMU dell'appartamento di proprietà al 50% con tua mogle con agevolazione


    paghi l'lMU secondo la quota di proprietà come seconda casa
     
  4. alfio p

    alfio p Membro Junior

    Proprietario di Casa
    nella successione cosa cnviene fare. intestare l'appartamento a me e mia madre al 50% ? mia madre ha 86 anni , se fra 6 mesi muore anche lei ( spero di no) dovro' rifare un'altra successione. oppure e' meglio intestarlo tutto a me adesso? conviene aspettare i prossimi " galantuomini" che andranno al governo per vedere che faranno di questa" benedetta" IMU?
     
  5. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    L'eredità per legge va divisa al 50%.
    Con la Finanziaria del 2007 l’imposta di successione è stata reintrodotta, ma di fatto solo per i grandi patrimoni, infatti prevede una franchigia pari a 1.000.000 di euro per ciascun beneficiario, per le successioni tra genitori e figli e pari a 100.000 euro per le successioni tra fratelli, sempre per ogni erede. Ciò vuol dire che l’imposta si pagherà solo per la parte di patrimonio di valore superiore a tale franchigia.
    Le imposte che vanno comunque pagate, indipendentemente dal valore del patrimonio, sono quella ipotecaria e catastale, pari rispettivamente al 2% e all’1% del valore catastale degli immobili. L’importo minimo da versare per ognuna delle imposte è comunque pari a 168 euro.
    Il contributo fisso si applica al posto di quello percentuale anche nel caso in cui l’immobile ereditato è per chi lo riceve prima casa.
    I tributi da pagare in misura fissa sono la tassa ipotecaria pari a 35,00 euro e l’imposta di bollo, pari a 58,48 euro.

    Per l'IMU bisogna aspettare che i "nostri" mantengano le promesse:p
     
  6. Elisabetta48

    Elisabetta48 Membro Assiduo

    Io credo che ti convenga lasciare le cose come stanno. Penso sia la via più economica. Se vai a un patronato, ti fanno la successione "normale", a ciascuso tocca la sua quota che gli viene intestata. Ci sarà da pagare l'accatastamento e il compenso del patronato che in genere è molto contenuto. Se vuoi cambiare le quote di possesso, devi invece andare da un notaio ed in genere l'operazione è più onerosa. Vedi tu...
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina