1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. LunaSole

    LunaSole Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Quando un padre che ha un figlio nato dal primo matrimonio, divorzia, compra una casa e dopo un anno si risposa con la separazione dei beni e alla fine muore, la casa va in eredità al coniuge o al figlio?
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Dipende se ha fatto testamento. Se muore senza aver fatto testamento, i suoi eredi legittimi sono solo la moglie (la seconda) e il figlio di primo letto (se non esistono altri figli, di primo e di secondo letto).
    La moglie ha diritto a metà del patrimonio del defunto marito, oltre ai diritti di abitazione sulla casa adibita a residenza familiare e di uso sui mobili che la corredano.
    Il figlio ha diritto alla restante metà del patrimonio del defunto padre.
    Quindi quella casa sarà di comproprietà (al 50% ciascuno) tra il figlio e la seconda moglie.
    Ma la seconda moglie avrà i due diritti di abitazione su quella casa e di uso sui mobili che la corredano (se, come è probabile che sia, è quella "adibita a residenza familiare").
     
  3. LunaSole

    LunaSole Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Ma anche se ha fatto separazione dei beni e la casa l'ha comprata prima del matrimonio??? allora ha più diritti la seconda moglie del figlio di primo letto? a che serve allora fare la separazione dei beni?
     
  4. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    A nulla rileva. Anche se fossero in comunione, l'art. 179, comma 1 c.c. recita:
    Non costituiscono oggetto della comunione e sono beni personali del coniuge:
    a) i beni di cui prima del matrimonio, il coniuge era proprietario o rispetto ai quali era titolare di un diritto reale di godimento;
    (omissis).

    Per quanto riguarda i diritti di abitazione e di uso, l'art. 540, comma 2 c.c. li riserva al "coniuge". Non fa distinzione se il coniuge è o non è anche genitore dei suoi figli.
    La seconda moglie ha diritti identici a quelli che avrebbe se fosse una prima moglie. Il fatto che esista un figlio non suo non fa diminuire i suoi diritti ereditari.
    Serve ai coniugi per conservare la titolarità esclusiva dei beni acquistati durante il matrimonio.
     
    Ultima modifica: 21 Ottobre 2014
    A Gianco piace questo elemento.
  5. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Nemesis ha chiarito tutti i quesiti in modo egregio.
    Il mio intervento è relativo all'immagine che ti rappresenta. Anch'io in occasione dell'incontro biennale, organizzato da me, a Quartu Sant'Elena, fra i compagni del 59° corso AUC Bersaglieri del 1970-1971, ho realizzato con l'aiuto di un amico tipografo lo stemma dell'evento del quale sono orgoglioso e che ti invio, condividendo con te l'appartenenza alla nostra numerosa famiglia.
     

    Files Allegati:

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina