1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. oraser

    oraser Membro Attivo

    Buongiorno
    Quesito:
    mia mamma è deceduta nel 2011 era sotto amministrazione di sostegno da parte di mio fratello,
    il quale era delegato a operare sul c/c bancario cointestato dei miei genitori.
    Ha prelevato € 80.000 dal c/c investendolo in certificati deposito a 6 mesi a nome suo.
    l'operazione è stata accertata dal controllo dei resoconti bancari.
    Gli €80.000 essendo in c/c cointestato 40.000 sono di mia madre i quali cadono in successione
    e che verranno suddivisi tra gli eredi,mentre gli altri 40.000 di proprietà di mio padre non sono stati
    versati sul suo c/c quindi non restituiti.
    Cosa debbo fare per fare restituire i 40.000 a mio padre?
    Grazie per le risposte e chiarimenti.
    Saluti
     
  2. erwan

    erwan Membro Attivo

    se non lo fa volontariamente farei fare ad un avvocato...
     
  3. massimo binotto

    massimo binotto Membro Attivo

    Professionista
    L'amministrazione di sostegno deve rendere conto ad un Giudice Tutelare il suo operato.

    Deve amministrare gli interessi della persona che ha in tutela e quindi non può fare ciò che vuole, tipo intestarsi dei fondi a nome suo, ma doveva farlo a nome della mamma, visto che aveva il potere di firma.

    Cerca di capire chi è il giudice in questione e denuncia le operazioni scorrette eseguite da duo fratello.
     
    A BRUFERBOLOGNA e bolognaprogramme piace questo messaggio.
  4. AlbertoF

    AlbertoF Ospite

    Tuo fratello non poteva fare nessuna operazione straordinaria senza la preventiva autorizzazione del giudice tutelare. Se da quanto posso aver capito si tratta di un c/c acceso ed intestato a due persone sotto tutela anche la banca non poteva mettere in atto l'operazione oggetto della disputa senza la presentazione di una autorizzazione emessa dal giudice tutelare. Se tuo fratello avesse agito in buona fede avrebbe , quanto meno, intestato i certificati a nome dei genitori.
    Ciao
     
  5. oraser

    oraser Membro Attivo


    Per la parte di mia mamma so che si può fare intervenire il giudice tutelare.

    Per la quota di proprietà di mio padre ancora in vita che non era in amministrazione di sostegno e che è
    stata stornata assieme a quella di mia mamma,come posso agire affinché venga restituita?

    Purtroppo non vivendo nella stessa città di mio padre e non avendo dialogo con mio fratello
    cosa debbo fare per accertarmi che la somma venga depositata sul c/c di mio padre?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina