• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

marefix

Membro Attivo
Proprietario Casa
Buongiorno,per conto di una amica ho una domanda da porvi....
Questa mia amica ha un fratello che, dopo sposato,ha letteralmente tolto i contatti con i suoi familiari a causa della moglie che ,per motivi razziali,vieta anche ai nonni di vedere la bambina nata ormai da 7 anni.
La mia amica ha lottato per anni di cercare una conciliazione, ma poi quando sono iniziati gli insulti pesanti,si è rassegnata.
Adesso dopo aver capito che il fratello non vuole avere mai più rapporti ne con lei e ne con i genitori e avendo i genitori anziani ( e sarà l'unica a dover assisterli in futuro), vorrebbe muoversi per non aver niente da spartire in futuro con suo fratello.
I suoi genitori hanno un appartamento di proprietà e qualche risparmio, come si può fare per aggiustare il tutto per evitare contrasti( sicuramente) in futuro?
Grazie mille!!!
 

plutarco

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Non posso io darvi una soluzione, essendo ignaro delle volontà dei genitori dell'amica. Se vogliono destinare l'appartamento solo alla tua amica, possono fare un contratto di vendita della nuda proprietà con obbligo d'assistenza in favore della tua amica da stipularsi da notaio possibilmente preparato. I risparmi potrebbero invece essere destinati alla tua amica mediante prelevamento in piccole, sottolineo il termine, somme in contanti. No bonifico sul conto corrente dell'amica.
 

Franci63

Membro Senior
Proprietario Casa
I suoi genitori hanno un appartamento di proprietà e qualche risparmio, come si può fare per aggiustare il tutto per evitare contrasti( sicuramente) in futuro?
Per quanto riguarda l’eredità , l’unica cosa che i genitori della tua amica potrebbero fare è un testamento (ognuno per la sua parte di casa e risparmi), in cui lasciano la quota disponibile alla sorella , oltre alla sua legittima, e al fratello solo la quota legittima.
Ma se la casa vale più del doppio dei risparmi, non sarà possibile, alla fine, lasciare la casa tutta alla sorella; o perlomeno, sarà possibile, ma il fratello potrà “contestare” il testamento.
 

plutarco

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Per quanto riguarda l’eredità , l’unica cosa che i genitori della tua amica potrebbero fare è un testamento (ognuno per la sua parte di casa e risparmi), in cui lasciano la quota disponibile alla sorella , oltre alla sua legittima, e al fratello solo la quota legittima.
Ma se la casa vale più del doppio dei risparmi, non sarà possibile, alla fine, lasciare la casa tutta alla sorella; o perlomeno, sarà possibile, ma il fratello potrà “contestare” il testamento.
Leggi il mio suggerimento. Post 2
 

marefix

Membro Attivo
Proprietario Casa
Grazie mille,ho dimenticato di scrivere che la volontà dei genitori è quella di lasciare il più possibile alla mia amica anche perché si è prestata (anche perché vuole molto bene alla sua famiglia) a garantirgli assistenza.
 

plutarco

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Possono lasciare l'abitazione con relative pertinenze con contratto di vendita in nuda proprietà con obbligo d'assistenza.
 

plutarco

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Quindi per acquistare la nuda proprietà con assistenza si devono fare dei calcoli specifici? Chi bisogna contattare?.
Siete fantastici!!!!
Bisogna contattare un notaio. Per i risparmi, scusami se insisto, consiglio alla famiglia dell'amica di evitare come la peste i BONIFICI da conto corrente a conto corrente. Chiaro???
 

marefix

Membro Attivo
Proprietario Casa
Bisogna contattare un notaio. Per i risparmi, scusami se insisto, consiglio alla famiglia dell'amica di evitare come la peste i BONIFICI da conto corrente a conto corrente. Chiaro???
I soldi sono piccoli risparmi...la speranza della mia amica è che gli possano bastare per loro.
È più preoccupata che , nonostante ha un fratello ( o meglio aveva), sarà sola a badare a loro,ma lei ama i suoi genitori e non li abbandonerà mai, l'unica cosa che non vuole è avere a che fare con il fratello ( cognata soprattutto),per eredità ecc., anche perché è chiaro che se i genitori avranno bisogno di aiuto economici,ci sarà solo lei.
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
I genitori con la soluzione da me proposta manterrebbero l'usufrutto e verrebbero tutelati al cento percento.
hai solo dimenticato che la vendita della nuda proprietà di persone anziane porta ad un valore molto vicino al valore della piena proprietà (usufrutto+nuda proprietà), ma sopratutto porta ad avere della disponibilità monetaria sul c/c e quella andrà in eredità.
La soluzione indicata da @Franci63 secondo me è la migliore perché è quella inattaccabile da parte del fratello.
@marefix per il calcolo della nuda proprietà:
 

plutarco

Membro Ordinario
Proprietario Casa
hai solo dimenticato che la vendita della nuda proprietà di persone anziane porta ad un valore molto vicino al valore della piena proprietà (usufrutto+nuda proprietà), ma sopratutto porta ad avere della disponibilità monetaria sul c/c e quella andrà in eredità.
La soluzione indicata da @Franci63 secondo me è la migliore perché è quella inattaccabile da parte del fratello.
@marefix per il calcolo della nuda proprietà:
Vendita con obbligo d'assistenza.
 

plutarco

Membro Ordinario
Proprietario Casa
hai solo dimenticato che la vendita della nuda proprietà di persone anziane porta ad un valore molto vicino al valore della piena proprietà (usufrutto+nuda proprietà), ma sopratutto porta ad avere della disponibilità monetaria sul c/c e quella andrà in eredità.
La soluzione indicata da @Franci63 secondo me è la migliore perché è quella inattaccabile da parte del fratello.
@marefix per il calcolo della nuda proprietà:
Leggi questo articolo. L'orario mattutino non aiuta ma...

 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
Leggi questo articolo.
ma l'hai letto tu?
"La vendita con obbligo di assistenza e mantenimento è un contratto non previsto dal nostro codice civile ma nato dalla prassi e pertanto è definito atipico.
... se le prestazioni assistenziali non sono proporzionate al valore del bene può ravvisarsi un contratto simulato che cela una donazione.
... L’alea, ossia l’incertezza, è proprio un elemento essenziale del contratto stesso. I giudici della Suprema Corte di Cassazione hanno infatti dichiarato la nullità di una vendita con obbligo di assistenza o mantenimento privo di alea. Nel caso di specie, infatti, data l’età avanzata del beneficiario e date le sue comprovate gravi e precarie condizioni di salute già dal momento della conclusione del contratto, tali da rendere molto probabile una rapida morte, la Corte ha ritenuto il contratto nullo per mancanza di alea e palese sproporzione tra le reciproche prestazioni (ossia il valore del bene ed il valore – presunto – delle prestazioni assistenziali)."

Hai mai seguito un caso di vendita con obbligo di assistenza portato in Tribunale da un legittimario che si ritiene leso nella sua quota di legittima?
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Ritengo che tutto dipenda dal tipo di assistenza prestata ad entrambi i genitori. Basta pensare cosa costa una badante presente o a disposizione h 24. La vedo dura impugnare un atto di tale specie.
 

plutarco

Membro Ordinario
Proprietario Casa
ma l'hai letto tu?
"La vendita con obbligo di assistenza e mantenimento è un contratto non previsto dal nostro codice civile ma nato dalla prassi e pertanto è definito atipico.
... se le prestazioni assistenziali non sono proporzionate al valore del bene può ravvisarsi un contratto simulato che cela una donazione.
... L’alea, ossia l’incertezza, è proprio un elemento essenziale del contratto stesso. I giudici della Suprema Corte di Cassazione hanno infatti dichiarato la nullità di una vendita con obbligo di assistenza o mantenimento privo di alea. Nel caso di specie, infatti, data l’età avanzata del beneficiario e date le sue comprovate gravi e precarie condizioni di salute già dal momento della conclusione del contratto, tali da rendere molto probabile una rapida morte, la Corte ha ritenuto il contratto nullo per mancanza di alea e palese sproporzione tra le reciproche prestazioni (ossia il valore del bene ed il valore – presunto – delle prestazioni assistenziali)."

Hai mai seguito un caso di vendita con obbligo di assistenza portato in Tribunale da un legittimario che si ritiene leso nella sua quota di legittima?
Leggi bene tu invece di essere presuntuoso e maleducato. La vendita con obbligo d'assistenza prevede l'alea ma ritengo come @Gianco che sia difficilissimo impugnarla. Tu conosci le condizioni dei genitori di @marefix??? No!!!
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Alto