1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. simobn

    simobn Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Salve a tutti i gentili membri del forum,
    mi presento, mi chiamo Simone ho 27 anni e sono della provincia di Benevento.
    Spero di aver scelto la sezione giusta (sono registrato da 2 minuti), in caso, chiedo cortesemente ai moderatori di spostare il thread.
    Se, invece, ho scelto la sezione corretta vi spiego, molto brevemente, qual'è il mio quesito.
    Vivo in una casa popolare con mia nonna dalla nascita (mia madre vive col suo compagno in un'altra città), non siamo proprietari e paghiamo regolarmente l'affitto.
    Da un pò di tempo a questa parte, sto notando mio cugino di primo grado presentarsi sempre più spesso qui a casa con la fidanzata e mi è sorto un dubbio atroce.
    In caso di morte di mia nonna (spero possa vivere per un altro millennio ma è impossibile), c'è il rischio che, un eventuale testamento o altro, possa far sì che io venga sbattuto fuori di casa per far posto all'eventuale famiglia di mio cugino? (sta per sposarsi)
    Ho quasi 30 anni e, fortunatamente, lavorando, sto ristrutturandola e spendendo una barca di soldi per vari lavoretti.
    Non ho paura di restare per strada, ho il semplice timore di "buttare al vento" i miei investimenti.
    Ringrazio chiunque interverrà salutandovi con un grande abbraccio

    Simone
     
  2. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Se i suoi timori sono relativi alla sola locazione:
    Art. 6 l. n. 392/78
    In caso di morte del conduttore, gli succedono nel contratto il coniuge, gli eredi ed i parenti ed affini con lui abitualmente conviventi.

    Se però nonna facesse testamento in modo che ella non fosse erede...
    Ha ben compreso come non avrà diritto alcuno sulla locazione (salvo diverso trattamento ex regolamento dell'Ente)
     
  3. simobn

    simobn Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Un infinito grazie Ollj per la celere risposta.
    Se ho capito bene, quindi, gli eredi ed i parenti affini, se non abitualmente conviventi, non succedono nel contratto? Come potrei, infine, "dimostrare" di essere l'unico "convivente"?
     
  4. simobn

    simobn Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Perdonatemi se rispondo con un nuovo intervento ma non trovo il tasto per modificare quello precedente.
    Ollj, non ho ben capito le ultime 2 frasi:

    "Se però nonna facesse testamento in modo che ella non fosse erede...
    Ha ben compreso come non avrà diritto alcuno sulla locazione (salvo diverso trattamento ex regolamento dell'Ente)"
     
  5. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Secondo ul Cc la condizione é duplice:
    - essere erede
    - essere convivente
    Se sua nonna facesse testamento non indicandola tra gli eredi, lei (mancando la prima condizione) non potrebbe succedere nella locazione, la stessa cosa se vi fossero altri che, in assenza di testamento, divenissero eredi prima di lei (figli della nonna)
    Unica possibilità: che l'Ente proprietario dell'immobile, preveda altre e più favorevoli condizioni (ad es. la sola convivenza) a suo favore.
     
  6. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Estratto dello stato di famiglia
     
  7. simobn

    simobn Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Adoro la "ricchezza" della lingua Italiana, reputandola al di sopra di molte altre ma, ahimè, il linguaggio giuridico non è mai stato il mio forte.
    Perdonatemi se insisto ma non mi è ben chiara la siatuazione, o meglio, le 2 ipotesi:

    Specifico che sullo stato di famiglia siamo presenti io, mia madre e mia nonna (quest'ultima ha 6 figli compresa mia madre).

    IPOTESI 1 (con testamento a favore di uno dei suoi figli tranne mia madre) potrei essere cacciato di casa dopo averci vissuto per 27 anni se il testamento "lascia in eredità il fitto" ad uno/a dei miei zii?

    IPOTESI 2 (senza testamento) i figli di mia nonna (miei zii), anche se non conviventi, avrebbero maggiori diritti di me che ci vivo da 27 anni?
     
  8. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Essendoci dei figli, lei per poter diventare erede necessita di una disposizione testamentaria a suo favore che la designi come tale.
    Mancando tale qualità, ai sensi della legge citata, non potrà succedere nella locazione (potrà invece farlo sua madre, erede legittima in assenza di testamento e convivente).
    Gli altri figli, non conviventi, nulla potranno pretendere (siano eredi o meno). Lei, non erede, potrebbe succedere nella locazione ove, in quanto semplice convivente, esistesse specifica previsione in tal senso dell'Ente proprietario dell'immobile.
     
  9. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    L'art. 6, comma 1 della legge n. 392/1978 recita:
    In caso di morte del conduttore, gli succedono nel contratto il coniuge, gli eredi ed i parenti ed affini con lui abitualmente conviventi.

    Sono pertanto previsti due requisiti (che devono entrambi sussistere) per la successione nel contratto di locazione a uso abitativo in caso di morte del conduttore.

    Il primo di tali requisiti (soggettivo), prevede che i successibili sono soltanto:
    - il coniuge;
    - gli eredi;
    - i parenti (entro il sesto grado, che è la tua fattispecie);
    - gli affini (non c'è uniformità di opinioni per quanto riguarda il grado; in ogni caso è irrilevante per la tua fattispecie).
    Il secondo di tali requisiti (oggettivo), prevede l'abituale convivenza con il conduttore.

    Riguardo al requisito soggettivo, la norma non prevede che gli eredi debbano essere anche parenti (beninteso, devono però aver abitualmente convissuto con il de cuius). Né prevede che i parenti debbano essere anche eredi (beninteso, devono però aver abitualmente convissuto con il de cuius).
     
    A meri56 piace questo elemento.
  10. simobn

    simobn Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Siete stati chiarissimi vi ringrazio infinitamente!
    Se posso chiedervi un ultimo consiglio un pò OT, se non vado errato, l'ente che assegnò la casa a mio nonno è l'ICP della mia cittá, ma su internet non trovò alcun sito web ufficiale, in caso intendessi recarmi direttamente nella sede della mia cittá, che documentazione dovrei chiedere? Una sorta di regolamento? O cosa?
    Vi auguro una buona notte
     
  11. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
  12. simobn

    simobn Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Digitavo "istituto case popolari Benevento" grazie mille a tutti! :)
     
  13. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    i contratti di affitto non mi risulta rientrino tra i beni del de cuius di cui lui può lasciare disposizioni testamentarie, tanto è vero che c'é la Legge 392/1978 che prevede la successione, cioé la continuazione del contratto d'affitto in essere, a ben determinate condizioni. Se gli eredi, seppur conviventi, non intendono continuare il contratto di affitto, e quindi rinunciano alla prosieguo dell'affittanza, non è che rinunciano anche all' eredità del decuius.

    chi ti ha autorizzato a fare questi lavoretti? Dovrebbe essere tua nonna, intestataria del contratto d'affitto, che chiede l'autorizzazione all' IACP di fare lavori. Corri il rischio di spendere soldi inutilmente.
    Con la fame che c'é di trovare case quasi gratis (tali sono le case di edilizia popolare) si può verificare il caso che con la morte di tua nonna l'ente consideri risolto il contratto di affitto. Prima di tutto perché c'é un limite temporale ai contratti d'affitto: tua nonna è subentrata a tuo nonno bisogna vedere quando tuo nonno ha stipulato il contratto d'affitto con l'ente e cosa è previsto circa la durata del contratto stesso. Se così non fosse gli assegnatari di case popolari diventerebbero di fatto dei possessori (non proprietari) privilegiati in quanto disporrebbero "ad libitum" all'interno del proprio gruppo familiare di un appartamento. E questo fondamentalmente non mi pare giusto.
    E, secondo di tutto, per poter avere una casa di edilizia popolare bisogna avere un reddito inferiore ad una certa cifra: questa regola va osservata anche nei subentri. Potresti non avere questi requisiti e quindi la casa potrebbe essere messa a disposizione di un nucleo familiare più numeroso e con reddito inferiore al tuo.
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  14. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Giusto, nel mio ragionamento avevo omesso la qualifica "parente"; condizione essenziale ai fini della successione nella locazione (ove non si fosse eredi o si fosse stati estromessi).
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina