• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

D

Dicuonzosabina

Ospite
Salve ho registrato un contratto di locazione e ho sbagliato il numero in lettere cioè il canone è 200 ma in lettere ho scritto 250, devo modificarlo? Se non lo modifico potrei avere problemi? Grazie in anticipo
 

moralista

Membro Senior
Professionista
una variazione chiarificatrice, all'Agenzia delle Entrate è necessaria altrimenti i versamenti annuali non corrispondono
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Dipende anche dove è stato fatto l'errore.
Sul RLI mi pare si indichino solo gli importi in cifre. E si consideri come dato il canone annuale, non mensile.
Quindi, dato per scontato che è sempre bene correggere un errore, non è detto che dall'errore ne consegua un effettiva variazione delle imposte.
 

moralista

Membro Senior
Professionista
Da quanto si capisce l'errore è stato fatto sul contratto che nulla a che fare con RLI si il canone è €. 200, e in lettere è scritto €.250 ma in realtà sono 200, vale sempre quanto da me inserito al post n. 3
 

moralista

Membro Senior
Professionista
quanto farà la variazione indicherà la rata esatta, ma RLI non centra per niente nel thred di dicuanzosabina
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
quanto farà la variazione indicherà la rata esatta, ma RLI non centra per niente nel thred di dicuanzosabina
Dipende da come vedi la questione: potrei risponderti che "non centra nulla" fiscalmente cosa è scritto sul contratto: quella che Agenzia delle Entrate prende per buona è la cifra che scrivi sul RLI, tant'è che per le locazioni abitative semplici non chiede obbligatoriamente di allegare anche copia del testo contrattuale.
una variazione chiarificatrice, all'Agenzia delle Entrate è necessaria altrimenti i versamenti annuali non corrispondono
La Agenzia delle Entrate farà fiscalmente riferimento solo a ciò che è indicato sul RLI

Diverso il discorso nei rapporti tra locatore e conduttore.

Poi convengo con te che la nostra si stia riferendo al contratto, visto che ho pure ricordato che sul RLI non è previsto, se non sbaglio, di indicare l'importo anche in lettere.

Io mi riferivo alle conseguenze.
 

moralista

Membro Senior
Professionista
Rapporti contrattuali non sono solo quelli ipotizzati da una parte sola, altri:)menti non sarebbero contrattuali
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Non ti ci mettere anche tu a menare il torrone...:)
Prima dici che senza correzione all'Agenzia delle Entrate i versamenti non tornano.
Ti faccio notare che la Agenzia delle Entrate si basa soprattutto sulla cifra indicata su RLI
Mi rispondi che il RLI non centra nulla, ed adesso tiri fuori anche le condizioni contrattuali.....

... io sono sintonizzato sul canale 40449, .... e tu?....;)
 

moralista

Membro Senior
Professionista
le risposte seguono le domande,
RLI deve essere capiente come da contratto registrato, e se il contratto porta 200 e RLI porta un versamento 250 per l'Agenzia delle Entrate dove il problema, il problema sarà dei contendenti
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
per le locazioni abitative semplici non chiede obbligatoriamente di allegare anche copia del testo contrattuale.
Questo è sicuramente vero per la registrazione telematica tramite fisconline.

Ma se il locatore si reca allo sportello deve presentare, oltre al mod. RLI, anche una copia del contratto di locazione abitativo.
Quando io facevo le registrazioni negli uffici dell'Ag. Entrate di Torino, gli impiegati controllavano il contratto, leggendo almeno le prime pagine. Quindi un errore come quello di cui stiamo parlando (importo del canone scritto in lettere diverso da quello in cifre) lo avrebbero notato. E, presumo, ne avrebbero chiesto la correzione.
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
Non sappiamo quele sia corretto e quale sbagliato.
Dal primo post si evince che è "sbagliato il numero in lettere" (cioè 250 scritto duecentocinquanta).
Mentre "il canone è 200" (quello scritto in cifre).

Quindi confermo quanto ho scritto nel mio post n.# 2.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Mentre "il canone è 200" (quello scritto in cifre).
Certo: e che sia sempre bene correggere è fuori discussione.
Permettimi però di riconfermare quanto osservavo nel post #8: è evidente che l'errore sta sul contratto scritto (solo li si riporta il canone anche in lettere): non sappiamo se sia stato replicato anche sul RLI, ma presumibilmente no.

Ora fiscalmente per la Agenzia delle Entrate fa spesso fede solo il RLI (il contratto non è obbligatorio allegarlo alla registrazione): e tu stessa confermi che è più probabile che la registrazione sia avvenuta in telematico; quindi fiscalmente l'errore non sembrerebbe portare conseguenze.

Diverso il discorso civilistico, cioè il rapporto tra locatore e conduttore. Tutto qui.

Dire che il RLI qui non centra mi sembra improprio. Dipende sotto quale aspetto si considerano le cose. Credo la pensiamo allo stesso modo: è solo difficile intendersi dialogando a piccoli messaggi.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve, mio marito ed io siamo in separazione dei beni e risediamo nella casa di proprietà di mio marito. Abbiamo deciso di trasferirci in un'altra abitazione(situata nello stesso comune) per la quale io sola ho richiesto il mutuo, facendo mio marito da garante, e che verrà intestata a me. Quesito: ai fini fiscali, spostando la residenza di entrambi nella nuova casa in acquisto, la casa di mio marito come risulterà?
Ciao amici, pongo questo quesito:.
Siccome n° 5 condomini su un totale di 8, sono favorevoli che rappresentano 625 millesimi della scala, alla sostituzione del portoncino d'ingresso scala, quindi basta questa maggioranza o il consenso deve essere unanime? Spero di avere risposte a questo quesito al più presto.
Ciao Sammarco M.
Alto