1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Salve. Vorrei chiedervi, facendo un esempio realistico, di dirmi la procedura di calcolo dei costi di una successione ereditaria nel caso di unico erede.
    Allora, come asse ereditario c'è:
    - un immobile A2 di rendita pari a euro 2.000
    - un credito (conto corrente) di euro 40.000.
    Come si determina l'importo da pagare nella successione?
    Grazie.
     
  2. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Se l'erede è un parente in linea retta o il coniuge, la tassa di successione non si paga su di un asse ereditario al di sotto di 1.000.000,00 di €.
    In questo caso si paga (solo sul valore catastale dell'immobile) il 2% per l'imposta ipotecaria, 1% per l'imposta catastale, 35€ di tassa ipotecaria, 64 € di imposta di bollo e circa 20€ di tributi speciali e compensi.
    Quindi calcolando l'asse ereditario con i cespiti da te riportati avremo due casi;
    1° caso, immobile adibito ad abitazione principale
    2° caso, altro immobile.
    Nel primo caso il valore dell'immobile sara 2000 x 1,05 x 110 = 231000,00€
    Asse ereditario = 231000,00 + 40000,00 = 271000,00.
    Essendo al di sotto di 1.000.000 di € e se l'erede non prenderà la residenza nell'immobile caduto in successione, si pagherà:
    imposta ipotecaria codice 649T 2% di 231000,00 = 4620€
    imposta catastale codice 737T 1% di 231000,00 = 2310€
    tassa ipotecaria codice 778T =35€
    imposta di bollo codice 456T = 64€
    tributi speciali e compensi codice 964T circa 20€
    totale 7049€.
    Se l'erede prende la residenza nell'immobile l'imposta catastale e quella ipotecaria vengono sostituite da due imposte fisse di 200,00 € ognuna quindi:
    imposte fisse 400,00€
    tutto il resto 119,00€
    totale 519,00€

    2° caso, immobile non di residenza
    valore immobile 2000 x 1.05 x 120 = 252.000,00€
    imposta ipotecaria 2% di 252.000,00 = 5040€
    imposta catastale 1% di 252.000,00 = 2520€
    tutto il resto 119,00€
    totale 7679,00€.
    Salvo errori e omissioni.
     
  3. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Grazie mille. Una seconda domanda: arriva il conteggio dall'agenzia delle entrate oppure si fa tutto da soli?
    Grazie mille.
     
  4. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    I requisiti per godere delle agevolazioni "prima casa" ex art. 69, comma 3 della legge n. 342/2000 non si limitano ad avere la residenza nell'immobile ereditato.
    Le imposte, tasse e tributi devono essere autoliquidati prima della presentazione della dichiarazione di successione. Per il versamento va utilizzato il Mod. F23.
    L'ufficio dell'AdE liquida eventualmente l'imposta di successione, sulla base della dichiarazione presentata.
     
  5. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Hai ragione Nemesis, ma mi si era fatta ora tarda e mi ero ripromesso di approfondire l'agevolazione prima casa postando il modulo per l'autocertificazione.
     

    Files Allegati:

  6. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    1. Eventualmente? Ossia, in quali casi?
    2. Che significa esattamente il termine 'liquidare'?

    Grazie.
     
  7. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Nei casi nei quali l'imposta di successione è dovuta.
    Che è onere del contribuente calcolare quanto dovrà pagare. Come avviene per l'IRPEF quando predispone la dichiarazione dei redditi.
     
  8. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Ossia anche nel caso in cui l'imposta sia nulla (per via della franchigia) sono dovute in ogni caso l'imposta ipotecaria, quella catastale e quant'altro? Grazie mille.
     
  9. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Ovviamente sì, se nell'attivo ereditario sono compresi beni immobili.
     
  10. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Devo precisare l'ultimo periodo. Dallo scorso 1° aprile è utilizzabile il Mod. F24. In alternativa, ma solo fino al 31 dicembre 2016, sarà possibile utilizzare il Mod. F23.
     
  11. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Quindi:
    - fino al 31 marzo 2016: F23;
    - dal 1° aprile al 31 dicembre 2016: F23 ed F24;
    - dal 1° gennaio 2017: F24.
     
  12. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Sì.
     
  13. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Mi pare necessario un chiarimento. Mi sembra fuorviante la prima parte del conteggio in caso di abitazione principale con coefficiente 110. Se sussistono i requisiti le ipocatastali sono fisse, come indicato dopo. Se non sussistono si calcola l imponibile col coef 120.
     
  14. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Se era l'abitazione principale del defunto il calcolo è con moltiplicatore 110. Se l'erede ha i requisiti per usufruire dell'agevolazione 1° casa presenta l'autocertificazione e paga l'imposta fissa di 200+200€ altrimenti paga il 2% di imposta ipotecaria e l'1% di imposta catastale su di un imponibile calcolato con moltiplicatore 110. Se non era l'abitazione principale del defunto il moltiplicatore è 120, non esistono agevolazioni prima casa e sull'imponibile con il moltiplicatore 120 si paga l'imposta ipotecaria e quella catastale.
     
  15. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Mi ero perso la condizione di prima casa del defunto grazie della delucidazione.
     
  16. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Ciò vale anche se la casa NON sarà l'abitazione principale dell'erede? Grazie.
     
  17. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Non ti eri perso nulla. La condizione di "abitazione principale" o di "prima casa" del defunto a nulla rileva.
    Se almeno uno dei beneficiari possiede i requisiti "prima casa" relativi a un immobile, il coefficiente moltiplicativo della rendita catastale rivalutata è 110.
    E le imposte ipotecaria e catastale sono dovute nella misura fissa di 200 euro per ciascuna imposta, indipendentemente dal valore dell’immobile caduto in successione.
    Anche se per il defunto quell'immobile fosse la decima casa.
     
    A basty piace questo elemento.
  18. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se l'erede non ha i requisiti "prima casa" paga il 2% di imposta ipotecaria e l'1% di imposta catastale su di un imponibile calcolato con moltiplicatore 120.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina