1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. ziosam31

    ziosam31 Membro Attivo

    Salve,
    avrei bisogno di un suggerimento in merito ad un esproprio mai avvenuto.

    Praticamente a fine anni sessanta mio padre acquistò tre particelle di terreno confinanti su cui ha costruito la casa.
    Nel momento in cui richiese il permesso di costruire il comune autorizzò l'opera previo arretramento di un confine di tutte e tre le particelle per allargare la sede stradale e realizzare un marciapiede.

    Nel tempo questo marciapiede non è mai stato realizzato e mio padre e mia madre sono deceduti e a seguito del quale sono state effettuate le normali pratiche di successione.
    Recentemente ho fatto una verifica catastale e risulta che il terreno che ha determinato l'allargamento della sede stradale, 3 particelle, sono ancora intestate a mio padre. Praticamente al momento della costruzione della casa ogni particella è stata divisa in 2 e l'esproprio da parte del comune non è mai avvenuto.

    Ho fatto presente al comune questa situazione cercando di obbligarli a realizzare il marciapiede considerato che negli anni la strada è diventata molto pericolosa, ma non riesco ad ottenere niente.

    Il comune mi sta dicendo che ha avviato le pratiche per effettuare il passaggio di proprietà, ma dovrei prima fare io le modificazioni alle successioni avvenute altrimenti io non ho la titolarità per fare l'atto.
    Presumo che tutte queste operazioni non siano gratuite, corretto?

    A parte questo, anche se c'è stato un errore nelle 2 successioni, la strada è stata effettuata fin da subito come se i passaggi fossero stati effettuati.

    Cosa mi suggerite di fare?
    Visto come stanno le cose non vorrei sostenere spese e raggiungere l'obiettivo di fare realizzare il marciapiede.

    Grazie.
     
  2. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    da quanto capisco le particelle di vostra proprietà sono state frazionate identificando la parte che il comune doveva espropriare ma l'esproprio non è mai avvenuto

    quindi la proprietà attualmente è ancora vostra, ritengo quindi che il comune ve la debba pagare a meno che non sia stato sottoscritto un accordo per la cessione gratuita il quale però potrebbe anche essere decaduto dato il tempo che si intuisce possa essere intercorso

    dal punto di vista formale va fatta un'integrazione alle successioni inserendo le proprietà ancora intestate ai genitori, il costo non dovrebbe essere elevato considerata la destinazione del terreno, questo costo potrebbe essere inferiore a quanto il comune vi pagherebbe la proprietà ma è necessario valutare il tutto

    certo che è una complicazione
     
  3. ziosam31

    ziosam31 Membro Attivo

    Grazie, la sitazione è come ha descritto.

    Come posso fare per capire l'effettivo costo dell'integrazione alle 2 successioni e quanto dovrei fa pagare al comune il terreno?

    Comunque, il mio obiettivo è far realizzare il marciapiede e pensavo di forzare la mano con il comune facendo leva sul fatto che se non lo fanno ripristino il confine alla proprietà effettiva riducendo la sede stradale.
    Mi troverei a brutte sorprese oppure è una strada percorribile?
     
  4. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    se il comune ti ha espropriato il terreno, avrebbe dovuto giustificare e quantificare il costo dell'esproprio, e non quanto devo far pagare al comune per tale opera se era per pubblica utilità o altro ciao:daccordo:
     
  5. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    di fatto l'area è tua però è sicuramente indisponibile urbanisticamente, non puoi utilizzarla come vuoi, o meglio. se hai già edificato una recinzione autorizzata arretrata non ti autirizzerando mai di spostarla inglobando le aree interessate al marciapiede; il comune probabilmente non è interessato a realizzare l'opera prevista (marciapiede), puoi quindi utilizzarla per seminare un prato od un orto e nient'altro

    è una situazione che si trova abbastanza sovente

    per quanto riguarda il commento dell'amico sopra. da quanto si capisce, il comune non ha mai perfezionato l'esproprio non è quindi mai stato pattuito un prezzo, la cosa quindi è ancora da trattare

    in bocca al lupo!
     
  6. ziosam31

    ziosam31 Membro Attivo

    Il tutto è avvenuto a metà degli anni '60 e non c'è alcun carteggio per cui presumo che il tutto si sia svolto con accordo verbale... e oggi chi ha fatto questo accordo non c'è più :triste:

    Visto quanto dici dovrei chiedere al comune quanto mi pagherebbe il terreno su cui a fine anni '60 ha realizzato l'allargamento della strada, corretto?
    Se è così conoisco già la risposta: zero.
     
  7. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    il comune non può espropriare pagando zero se però non è interessato, difficilmente provvederà all'acquisizione, però ad oggi è meglio che l'area sia tua in modo che per quel poco tu ne possa disporre, se la espropriessero senza poi fare l'opera ti troveresti a dover accudire ad un'area antistante la proprietà che non è menneno tua

    trovo strano però che si sia provveduto già allora al frazionamento della proprietà

    comunque le armi che hai sono abbastanza spuntate, semina dei fiori
     
  8. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    il comune su aree espropriate verbalmente non si è mai intestato, neppure su quelle che a realizzato opere pubbliche si è intestato, per non pagare spese che secondo il comune sono esose,
     
  9. griz

    griz Membro Senior

    Professionista

    per quanto abbia sempre visto io:

    se l'area è stata oggetto di un arretramento disposto all'atto del rilascio della P.E. per la cpstruzione della casa, il comune non l'acquisirà mai, è un'area dismessa ad uso pubblico secondo una convenzione quindi sarà sempre una parte dell'area di pertinenza dalla costruzione

    nel caso specifico invece si parla di un frazionamento con creazione di un'area adibita a sede stradale, in questo caso di solito il comune provvede ad acquisirla, la situazione secondo la mia esperienza è anomala
     
    A Daniele 78 piace questo elemento.
  10. ziosam31

    ziosam31 Membro Attivo

    Non so come funziona negli altri comuni, ma a quanto mi hanno detto all'ufficio tecnico ci sono diversi casi nel comune simile al mio in quanto negli anni '60 e '70 c'è stata una forte urbanizzazione e per velocizzare le procedure proprietario/comune gli esprori per la realizzazione di aree pubbliche (strade, giardini ecc.) non venivano effettuati.

    Oggi, con questi chiari di luna, il comune non ha risorse per sanare la situazione, ma si presentano diversi paradossi... io ad esempio sto pagando il passo carrabile su un'area che è ancora di mia proprietà :rabbia:
     
  11. ziosam31

    ziosam31 Membro Attivo

    Buongiorno,
    riprendo questa discussione che avevo aperto nel 2012 in quanto ho riavviato la trattativa con la nuova amministrazione comunale che si è insediata da maggio scorso e si stanno aprendo alcune soluzioni.

    Riguardo il passaggio di proprietà lato comune mi viene detto che fino a che non viene sanata la successione di fatto non si può fare niente. La mia posizione è che non sono disposto a spendere un centesimo per l'operazione e lato comune mi viene detto che i passaggi di successione dovrebbero essere gratuiti.

    Ricordo che nel mio caso si tratterebbe di 3 passaggi in quanto la proprietà risulta intestata a mio padre e nel frattempo è deceduto sia lui che mia madre, pertanto:
    1. successione: da mio padre (attuale proprietario al 100%) in parti uguali a mia madre, mio fratello e me;
    2. successione: quota di mia madre in parti uguali a mia madre, mio fratello e me;
    3. trasferimento proprietà al comune da parte mia e di mio fratello.
    I passaggi 1 e 2 sono veramente gratuiti?
    Il passaggio 3 in che forma dovrebbe avvenire?
     
  12. ziosam31

    ziosam31 Membro Attivo

    Possibile che non ci sia nessuno che sa darmi qualche informazione?
     
  13. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    le successioni sono gratuite ma vi sono delle imposte da pagare oltre alla voltura catastale, si tratta di qualche centinaio di € ogni passaggio
    La cessione al comune è un atto pubblico
     
  14. ziosam31

    ziosam31 Membro Attivo

    Grazie.

    Dal sito dell'agenzia delle entrate ho trovato alcune informazioni riguardo al costo dell'operazione, ma non so se ho fatto le assunzioni ed i conti corretti.

    Successione
    Il reddito dominicale delle 3 particelle è veramente basso e ampiamente al di sotto della soglia di 1 mln € per cui l'operazione non costa niente.
    Inoltre, visto che l'attivo ereditario è inferiore a 25823€ non devo nemmeno presentare domanda di successione (vedi http://www.agenziaentrate.gov.it/wp...iarazione+di+successione/schedainfo+dichsucc/ )

    Voltura
    Il costo è di 55€ a domanda di voltura come "tributo speciale catastale" a cui si aggiungono 16€ ogni 4 pagine della domanda.
    Il modulo è questo: http://www.agenziaentrate.gov.it/wp...manda+di+voltura+Catasto+Terreni/Mod+18+T.pdf
    Se ho capito bene, anche se gli intestatari finali si sarebbe io e mio fratello, basta che la domanda la faccia uno dei due compilando i quadri A e B, corretto?

    Secondo voi posso fare la voltura da mio padre a me e mio fratello in un giro solo oppure devo fare anche la voltura precedente in cui figura mia madre?

    Se fosse possibile fare una sola voltura spenderei in totale 55+16€
     
  15. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Non hai letto con attenzione: "e non comprende beni immobili o diritti reali immobiliari".
     
  16. ziosam31

    ziosam31 Membro Attivo

    Hai pienamente ragione! Il fatto che si tratta di terreni mi ha portato fuori strada.
    A questo punto devo presentare 2 modelli 4:
    1 per la successione alla morte di mio padre
    1 per la successione alla morte di mia madre

    Domande:
    - quale è il costo di ciascuna successione? Sul sito dell'Agenzia delle Entrate ho trovato il riferimento ad il modulo, ma non al costo
    - fatte le successioni posso fare una sola voltura catastale?
     
  17. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    devi presentare 2 denunce di successione e 2 volture, le imposte sono ipotecaria e catastale, non ricordo gli importi ma credo potrai trovere risposte in rete
     
  18. mellowly74

    mellowly74 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Ciao, cercherò di farla breve, perchè la tua situazione è la stessa della mia.
    Negli anni 60 mio padre ha costruito una palazzina e ha fatto la stessa procedura del tuo e i terreni non sono mai stati trascritti. Mio padre è morto nel '97 e io e mia sorella abbiamo solo scoperto nel 2011 che c'erano ancora degli appezzamenti di terreno intestati a mio padre.
    Visto che la palazzina consta 8 appartamenti (di cui uno mio e gli altri venduti negli anni), pensando di fare una cosa corretta, abbiamo fatto l'integrazione della successione pagando una bella tassa più la pratica del geometra; dopo neppure un mese arriva la bella letterina verde dell'agenzia delle entrate in cui ci richiedono more sanzioni e integrazioni sulle tasse di successione dell'epoca (in quanto le stesse vengono pagate sulla normativa del 1997) e noi abbiamo pagato.
    Se tornassi indietro lascerei tutto come era prima, anche perchè adesso noi abbiamo un altro problema a livello condominiale proprio per quel terreno.

    p.s. il condominio vorrebbe comprare la titolarità nel terreno, ma gratuitamente: io sono disposta a fare una vendita fittizia, in quanto non me ne importa niente, ma non voglio pagare nulla per la trascrizione a livello millesimale per il mio appartamento, cosa che il condominio pretende che pago.....

    Sapete cosa gli ho risposto? Se voi volete il terreno gratis e farmi pagare 325 euro di pratiche per la mia quota millesimale, preferisco pagare i miei 2 euro di IMU all'anno: andate pure dal notaio io non mi presento e non vi regalo niente.
     
  19. ziosam31

    ziosam31 Membro Attivo

    Mi sa che anche io lascio tutto stare così com'è...
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina