1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. njcos

    njcos Nuovo Iscritto

    Tre individui ricevono in eredità un immobile non divisibile; ognuno così possiede 1/3 della proprietà del bene.
    2 di questi vogliono vendere l'immobile ma il terzo si oppone e escogita un sotterfugio per bloccare ogni sorta di vendita assegnando l'usufrutto della sua quota alla moglie. Parlo di usufrutto finto perchè la casa non è vivibile e di fatto non sa neppure come è fatta rifiutandosi sempre di almeno partecipare alle spese per la sua conservazione, così per tale diniego l'immobile è tutt'oggi in pessime condizioni dopo anni di incuria.
    Esiste un modo per annullare tale usufrutto?
     
  2. njcos

    njcos Nuovo Iscritto

    Non capisco se ho formulato male la domanda oppure è troppo difficile o complessa....
     
  3. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Anche se fosse rimosso l' usufrutto potrebbe persistere l' indisponibilità a vendere del nudo proprietario....:daccordo:
     
  4. njcos

    njcos Nuovo Iscritto

    non ci avevo pensato!! proseguo l'intervento nella discussione Eredità. grazie
    Resta cmq aperta la mia domanda su come far cessare un usufrutto dato nelle circostanza sopradescritte.
     
  5. ciccio111

    ciccio111 Nuovo Iscritto

    Il fatto che un bene sia gravato da usufrutto parziale non è di ostacolo alla vendita, l'usufrutto ceduto è sulla propria quota di 1/3 ed è un vero usufrutto, non è necessario che la casa sia abitabile perché ci sia usufrutto... può essere concesso anche su terreno o automobili e quote di srl, pensa te!:)
    L'unico modo per vendere è chiedere una divisione giudiziale ai sensi dell'art. 1111 c.c.: lo stato di comunione è per sua natura transitorio nel nostro ordinamento e chiunque in qualsiasi momento può chiederne lo scioglimento.

    Credo che per convincere il terzo a vendere la sua quota sia più facile minacciare l'azione legale di divisione e ricordare che l'imputazione delle spese è sul soccombente, così magari si convince a vendere.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina