1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. oscar70

    oscar70 Membro Junior

    volevo qualche informazzione sulla quota di leggittima spettante ad un figlio.Sono figlio unico e non vado daccordo con mia madre ,nel 2006 muore mio padre e lascia un testamento dove lascia unica erede ed usufruttuaria mia madre di tutto,e a me mi lascia come quota di leggittima solo la nuda propietà di 1 appartamento ma con il vincolo dell'usufrutto a mia madre,considerato che mia madre ha 59 anni per avere questo appartamento sarò vecchio anch'io!!!!considerato che lei ha vari appartamenti e terreni!io nulla in affitto volevo chiedervi io so che sulla quota di leggittima non ci possono essere ne vincoli e ne oneri l'usufrutto non è un vincolo visto che così io non ho avuto niente!!
    GRAZIE.
     
  2. Paolo Zavatta

    Paolo Zavatta Nuovo Iscritto

    Da quello che mi pare di capire, eredi legittimatari siete solo lei e sua madre. Questo comporta un diritto di quota legittima di un terzo a testa, calcolato sulla somma tra attivo ereditario (valore dei beni del defunto detratti i debiti) e donatum (valore dei beni usciti dal patrimonio per donazioni), detta anche riunione fittizia.
    Se la sua quota di legittima è stata lesa, può agire in riduzione contro le disposizioni e le donazioni lesive, mirando a renderle inefficaci nei suoi confronti, tramite l'azione di riduzione (che si prescrive in dieci anni dall'accettazione dell'eredità).
    Per il divieto di pesi al quale ha fatto accenno, significa che eventuale onere e condizione si hanno per non apposti per la quota di legittima. Tengo a ricordarle che il coniuge ha comunque il diritto di abitazione della casa familiare e d'uso dei mobili presenti in essa.
     
    A maidealista piace questo elemento.
  3. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    1/3 alla mamma e 1/3 a lui, come quota legittima. E il terzo 1/3?
     
  4. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Solo se in presenza di testamento, senza testamento 50% al coniuge e 50% al figlio. :daccordo:
     
  5. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Allora Zavatta si è confuso.
     
  6. fausto manca

    fausto manca Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Paolo Zavatta ha detto bene: ai legittimari (coniuge e figlio) va un terzo a testa, l'ultimo terzo é la quota disponibile che il defunto poteva lasciare a chiunque.
     
    A jac0, clara sutto e mino1949 piace questo elemento.
  7. mtr

    mtr Membro Attivo

    Salve, ho un quesito veloce in materia di divisioni ereditarie.
    Due fratelli con terreni in proprietà indivise.
    Uno dei due fratelli viene a mancare: lascia solo una figlia in quanto la moglie è deceduta anni addietro.
    La quota di eredità del de cuius (quota di comproprietà dei terreni + beni di proprietà esclusiva del de cuius) va totalmente a favore dell'unica figlia o il fratello ha diritto ad una quota, di legittima?
    Grazie per le risposte
     
  8. Eccher Domenico

    Eccher Domenico Nuovo Iscritto

    Ti consiglio di rivolgerti ad un Geometra o altro professionista tecnico per il calcolo del valore dei beni, e ad un avvocato e per la loro corretta imputazione di diritto. Anche usufrutto e nuda proprietà hanno un valore ben definito dalla legge, variabile col tempo. Secondo me la tua quota di legittima è di 1/2 del compendio ereditario, al pari di tua madre.
    Questa risposta è rivolta ad Oscar70
     
  9. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    il fratello non ha alcun diritto. la presenza di figli esclude chiunque.

    Aggiunto dopo 4 minuti :

    Dunque tuo padre ha fatto testamento e lasciato a tua madre la quota cosidetta disponibile. se il valore della nuda proprietà del bene che ti ha lasciato è inferiore ad un terzo dell'intero patrimonio puoi chiedere a tyua madre di integrare la legittima. temo però che dovrai rivolgerti ad un giudice. ho il sospetto che se tuo padre si è comportato così avrà avuto i suoi motivi, condivisdi temo da tua madre.

    Dunque tuo padre ha fatto testamento e lasciato a tua madre la quota cosidetta disponibile. se il valore della nuda proprietà del bene che ti ha lasciato è inferiore ad un terzo dell'intero patrimonio puoi chiedere a tyua madre di integrare la legittima. temo però che dovrai rivolgerti ad un giudice. ho il sospetto che se tuo padre si è comportato così avrà avuto i suoi motivi, condivisdi temo da tua madre.
     
    A mtr e jac0 piace questo messaggio.
  10. mtr

    mtr Membro Attivo

    Grazie per la risposta.
     
  11. oscar70

    oscar70 Membro Junior

    forse non mi sono spiegato bene, mia madre a ereditato tutto compreso l'abitazione dove risiede,ha avuto la quota di leggittima e la disponibile tutti gli appartamenti e terreni compreso quello coniugale,io ho avuto solo la quota non disponibile la cosidetta leggittima 1 appartamento che però lei a messo l'usufrutto così io non ho nessun diritto perchè lei usufruttuaria fino alla morte ,volevo sapere se poteva mettere l'usufrutto sulla mia quota di leggittima visto che ho letto che non ci possono essere ne vincoli e ne oneri sulla quota di leggittima e l'usufrutto e un vincolo .GRAZIE
    OSCAR/=

    forse non mi sono spiegato bene, mia madre a ereditato tutto compreso l'abitazione dove risiede,ha avuto la quota di leggittima e la disponibile tutti gli appartamenti e terreni compreso quello coniugale,io ho avuto solo la quota non disponibile la cosidetta leggittima 1 appartamento che però lei a messo l'usufrutto così io non ho nessun diritto perchè lei usufruttuaria fino alla morte ,volevo sapere se poteva mettere l'usufrutto sulla mia quota di leggittima visto che ho letto che non ci possono essere ne vincoli e ne oneri sulla quota di leggittima e l'usufrutto e un vincolo .GRAZIE
    OSCAR/=

    Aggiunto dopo 7 minuti :

    appunto mio padre a lasciato la quota di leggittima a mia madre e la disponibile anche a lei e sulla mia quota ha messo l'usufrutto così comanda anche la mia quota mia madre fino alla morte,e volevo sapere se poteva mettere questo vincolo sulla mia quota visto che ho letto che sulle quote di leggittima non disponibile non ci possono essere ne vincoli e ne oneri e l'usufrutto e un vincolo,adesso mi sono spiegato meglio!!!!!!
    GRAZIE
    OSCAR
     
  12. andreina

    andreina Membro Attivo

    Ritengo che l'attenzione vada posta non tanto sulla possibilità o meno di porre vincoli sulla quota di legittima, quanto sul suo valore. Come giustamente accennato prima, anche l'usufrutto e la nuda proprietà hanno loro valore distinto (in particolare il valore dell'usufrutto è più alto quanto più l'usufruttuario è vecchio) pertanto, se il valore della sola nuda proprietà dell'appartamento è pari o superiore a 1/3 dell'intero asse ereditario, la legittima non è stata lesa, viceversa ti conviene ricorrere ad un legale per tutelare i tuoi diritti.
    Mi spiego con un esempio:
    - valore asse ereditario (cioè tutti i beni che appartenevano al defunto compresi i contanti e i beni mobili): 120
    - legittima al figlio 40
    - valore nuda proprietà 30 ---> la legittima è stata lesa
    - valore nuda proprietà 40 o più di 40 ------> tutto ok

    Non è chiaro però chi abbia messo il vincolo dell'usufrutto, se è stato il de cuius con il testamento va bene, se invece è stata la madre senza che fosse richiesto dal testamento non credo che possa averne il diritto, anche se la nuda proprietà ha un valore superiore alla legittima.

    Spero di essere stata chiara!!!!
     
    A oscar70 piace questo elemento.
  13. Paolo Zavatta

    Paolo Zavatta Nuovo Iscritto

    Per quanto riguarda il valore di una proprietà gravata da usufrutto, si modifica a seconda dell'età dell'usufruttuario: se ad esempio l'usufruttuario ha vent'anni, il suo usufrutto vale il 90% del valore pieno della proprietà mentre la proprietà è valutata al 10%, se ne avesse invece ottanta il suo usufrutto varebbe il 25% e la proprietà l'75%.
     
  14. oscar70

    oscar70 Membro Junior

    Ciao Andreina,grazie per la risposta ,è scritto sul testamento ma non è chiaro il testamento lui ha lasciato tutti gli immobili e non immobili a mia madredi sua propietà lasciandola usufruttuaria e propietaria degli immobili e non,poi c'è la parentesi della leggittima dove dice quello che mi tocca come quota di leggittima 1 appartamento,ma con la successione l'usufrutto e su tutto e mia madre a 59 anni e io 40 io sono in affitto e lei propietaria di tutto.mi sono spiegato bene!!
    grazie
    Oscar
     
  15. andreina

    andreina Membro Attivo

    In altre parole ha lasciato tutto a tua madre tranne la nuda proprietà di un appartamento che ha lasciato a te.
    Secondo me, come ti avevo già scritto, a questo punto devi solo controllare il valore dell'intero asse ereditario e confrontarlo con il valore della nuda proprietà dell'appartamento lasciato a te, se il primo valore è inferiore o uguale al doppio del secondo (2 terzi contro 1 terzo) non puoi fare proprio niente, anzi... ti toccherà pagare tutte le spese relative alle opere di conservazione del bene, viceversa puoi far valere il tuo diritto alla legittima.
    Auguri!!!!

    Aggiunto dopo 6 minuti :

    Sì Paolo, hai ragione, mi sono sbagliata io, il valore dell'usufrutto è più alto quanto più l'usufruttuario è giovane (infatti teoricamente ha a disposizione più anni per godere del bene!!!!)......Scusate!!!:^^:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina