1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Lira75

    Lira75 Membro Attivo

    Ho acquistato una casa e ho stipulato con la proprietaria un contratto di comodato uso gratuito scadenza 31/05/2011. Tuttavia dopo l'acquisto della casa (lei si è presa già tutti i soldi) ho avuto l'impressione che questa donna mi farà molto tribulare nel lasciare libera la casa visto gli atteggiamenti che sta avendo..in sostanza considera la casa ancora sua!:???: Tenete presente che ho redatto il contratto in modo regolare, con le registrazioni e tutti i pagamenti del caso. Insomma tutto in regola regola! Ora il mio dubbio è: se al 31 maggio lei non se ne va come mi devo comportare? Cosa non devo mai fare per evitare di mettermi ulteriormente nei pasticci dando magari legittimità della casa a lei (intendo ad esempio non fornirgli + energia)? Ho solo un dubbio: secondo voi sarà problema per me se ho messo una clausola che se al 31/05 non se ne andrà dovrà pagarmi € 20 al giorno come penale? Grazie per tutti i vostri consigli!!:p
     
  2. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    scusa ma il 31 maggio è già passato. come sono andate le cose?
     
  3. federobe

    federobe Nuovo Iscritto

    Probabilmente intendevi dire che il comodato scade a maggio 2012 .....Se è così credo che ci sia poco da fare se non aspettare la scadenza e poi se realmente la signora ti da dei problemi rivolgersi ad un legale :disappunto:( non ho esperienza diretta ma credo che la protica sia simile a quello che si istaura in caso di inadempienza contrattuale con relativa richiesta di sfratto.:ok:Ciao
     
  4. Lira75

    Lira75 Membro Attivo



    Scusatemi, la scadenza è al 31 maggio 2012 :occhi_al_cielo: la casa l'ho acquistata ai primi di luglio.
    Secondo voi, siccome non è mai in casa la signora - nel caso non se ne andasse dopo la scadenza- io posso entrare nel suo appartamento, mettere in cantina la sua roba e cambiare le serrature del suo appartamento? Perchè essendo scaduto poi il contratto..che cosa la autorizzerebbe ad entrare in casa mia?? Il mio unico dubbio sono quei € 20 di penale al giorno..non vorrei che il contratto di trasformasse da comodato in locazione....
     
  5. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    se non volevi correre questo rischio dovevi pretendere la casa libera da persone e cose, al rogito. adesso, come dici tu stessa, può pagarti le penali per anni in fondo sono solo 600 euro al mese. altra cosa sarebbero stati 200 euro al giorno..
     
  6. Lira75

    Lira75 Membro Attivo

    Si avrei dovuto fare così..solo che troppa gente piange piange e poi te lo mette nel c..o. Mi hanno ingannato!
    Ma nel caso appunto non se ne andasse..al 01/06/2012 come devo procedere quindi?
    Se rivoglio la casa allora dovrei andare per forza per via legali mi pare aver capito..parlarne con i vigili e i carabinieri si potrebbe risolvere qualcosa?
    invece nel caso in cui decidessi di tenerla dentro...Devo fargli un regolare contratto d'affitto ? Cosa mi da maggiori garanzie per rientrare in pieno possesso della casa: l'affitto o il comodato? o quale altro contratto? Vorrei trovare un modo tale da lasciarle libertà e diritti limitati sulla casa (non che ad esempio ridiventi proprietaria per usucapione dopo tot. di anni...)

    Aggiunto dopo 2 minuti ....

    Altra cosa importante..vorrei fare anche in modo tale che un giorno il figlio non possa rivendicare dei diritti sulla casa :disappunto:
     
  7. federobe

    federobe Nuovo Iscritto

    Caro Lira75 , sei un bel tipo! :daccordo:Non Ti sei accorto di vivere in Italia e non in Svizzera o in Inghilterra ( dove a scedenza di contratto entrano i poliziotti e cacciano l'inquilino senza troppe storie ). Il ns. è il paese della legalità e dei tribunali :disappunto:Quindi dimenticati cose tipo "entrare e cambiare le chiavi" rischi una denuncia penale; se poi nella realtà puoi anche tenere la signora , forse la cosa migliore è fare un contratto d'affitto ( almeno percepiresti il canone , cosa che non è possibile col comodato...). I problemi poi sono più o meno gli stessi , se il conduttore a fine contratto non se ne va, bisogna fare le carte bollate . Ciao
     
  8. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    L'unica cosa di cui non devi preoccuparti è il fatto che nessuno può usucapire la tua casa finchè ti pagherà, o tu richiederai, affitto o penale. per resto ti servirà un avvocato, visto che non siamo, purtroppo, in Inghilterra nè in Svizzera.
     
  9. Lira75

    Lira75 Membro Attivo

    Purtroppo non ho mai avuto a che fare con inquilini o storie del genere e per questo non mi sono mai interessata:confuso:..Se avviassi la pratica con il legale a chi dovrei rivolgermi, al giudice di pace? Quale sarebbe l'iter e in quanto tempo si risolverebbe il tutto? E i costi a quanto si aggirerebbero? Mi raccontate la vostra esperienza?
     
  10. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Scusa, ma il Notaio non ha obbiettato alcunchè al momento del rogito ? O il Notaio era conoscente della venditrice ? Mi pare di capire che questa signora abbia venduto perchè con "l'acqua alla gola" e che tu abbia scontato un buon prezzo. Era immaginabile il comportamento da te descritto.
    Prima di rivolgerti ad un avvocato devi aspettare che si verifichi il reato (mancato rilascio dell'alloggio alla scadenza). Al massimo puoi chiedere una consulenza. Nel frattempo, di tempo ne hai, potresti attaccarti ad Internet e cercare di capire quali possono essere le soluzioni. Prima di parlare con un avvocato cerca di informarti, non andare come una sprovveduta, avrai altre brutte sorprese. Su questo gli avvocati, disonesti che non sono pochi, ci marciano.
    Se ti interessa posso dirti che non devi andare ne dal Giudice Ordinario ne dal Giudice di pace. Da qualche mese esiste il nuovo Istituto della Conciliazione affidato ai conciliatori (avvocati, commercialisti, etc, esperti della materia). Senza il ricorso alla Conciliazione il Giudice non può intervenire e non può avviare alcun processo.
    Informati, leggi, cerca dei siti di natura legali. Alla fine ne saprai più di un avvocato.
    Evita di prendere decisioni incaute, tipo cambio della serratura etc.: avresti una denuncia penale dove non può nemmeno intervenire la Conciliazione.
    Tra comodato e affitto, ovvio scegli l'affitto ( 4+4 anni).
    Buona fortuna
     
    A Lira75 piace questo elemento.
  11. Lira75

    Lira75 Membro Attivo

    Grazie Alberto per il tuo intervento! Mi hai dato consigli importantissimi. Mi sti infatti muovento adesso per arrivare preparata alla scadenza.
    Il notaio è estraneo al contratto di comodato. Io ho comprato la casa per intero. Il comodato è stato un accordo tra me e la donna. Lei se ne sarebbe andata via tra qualche mese (così mi aveva promesso) ma sto avvertendo la sensazione che dovrò tribulare per riavere parte di casa. Aggiungo che il comodato non è per l'intera casa ma solo per metà per cui vi chiedo anche - siccome si è presa una stanza che non è prevista nel - come faccio a riprendermi almeno quella prima della scadenza (in sostanza non l'ha ancora liberata)? e a me serve con urgenza..grazie a tutti!!
     
  12. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Riguardo alla restituzione della stanza, cerca di affrontare il problema con diplomazia esponendo la tua impellente necessità. Provaci magari con una "tazzulella 'e caffè fumante ". Non conviene, per ora, esacerbare gli animi in quanto ( ho capito che praticamente condividete l'abitazione) mancano ancora molti mesi alla scvadenza del comodato. E se poi questa persona non ha un ingresso autonomo la situazione diventerebbe incandescente.
    Buona giornata.
     
  13. Lira75

    Lira75 Membro Attivo

    Ciao Alberto vado per le vie diplomatiche per adesso :fico:. Ma allora se al 31/05/12 non se ne va..devo prepararmi ad una battaglia legale? Ma da quel punto di vista..quindi l'uscita del comodatario dovrà essere trattata pari pari come quella di un locatario (in sostanza come lo sfratto dell'affitto) o i tempi saranno + veloci? Avro' + facilità nel farla uscire?
     
  14. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ciao Lira,
    se alla scadenza la "signora" non lascia libero l'appartamento dovrai per forza ricorrere alle vie legali la cui prima fase è il ricorso ad un Avvocato Conciliatore che abbia soprattutto capacità psicologiche e convincenti. Ci vuole in pratica uno con capacità da "figli e'ndrocchia" (scusa l'obbrobrio ma non sono napoletano) che
    vi metta d'accordo. La Conciliazione, otre ad essere la via indicata dalla legge, è molto più breve e diretta e serve per evitare il ricorso al Giudice, cosa che in genere richiede anni per arrivare ad una soluzione.
    Inoltre il Conciliatore ha più tempo e può venire incontro alle parti contendenti, come orario o anche come luogo. Magari vi mettete d'accordo con una buona tazza di caffè. In caso di insuccesso del tentativo di conciliazione, il conciliatore passa le carte al Giudice di Pace, e quì i tempi si allungano.
    Saluti.
     
    A Lira75 piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina