1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Acacerulen

    Acacerulen Membro Ordinario

    un mio fratello ha presentato all'agenzia delle entrate una falsa dichiarazione di successione indicando che non vi era testamento di mio padre e assegnando a mia madre i/3 della proprietà di un immobile mentre nel testamento di mio padre non gli laciava alcuna legittima. Questa configurazione ereditaria l'ahho presentata pure in Catasto. Benchè mia madre abbia diritto alla legittima così come è ora è stata diminuita la mia quota arbitrariamente. Per riconoscerle tale diritto dovrebbe fare opposizione al testamento ? Che cosa rischia mio fratello per la falsa dichiarazione di successione, lo posso denunciare per falso ideologico ? Ovviamente i rapporti tra noi non sono buoni. Grazie
     
  2. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Ciao Acacerulen
    Se il testatore lascia il coniuge e due figli o più, la complessiva quota di riserva è di tre quarti, di cui spettante al coniuge un quarto del patrimonio e un mezzo ai figli, da dividersi in parti uguali tra tutti.
    Al coniuge spetta inoltre il diritto di abitazione:
    Quindi vedi di far valere il testamento con una clausola di risolvere la cosa conciliando, perche se lo fai valere csì come è stato fatto loro avranno diritto a far valere la legittima
    , con conseguente azione legale e spese in più per te, siccome i loro diritti sono come detto sopra fai il tutto in regola per evitare ulteriori liti e spese.
    Tuio fratello poteva non sapere dell'esistenza di questo testamento quindi non può essere perseguitato, ovviamente la successiona l'avrà fatta per come prescrive in caso di successione legale?
    Ciao salves
     
  3. Acacerulen

    Acacerulen Membro Ordinario

    mio fratello è stato nominato da mio padre con testamento esecutore testamentario per cui era a conoscenza delle volontà di mio padre. Il testamento olografo lo custodiva lui e noi fratelli non sapevamo dell'esistenza. Ripeto io non voglio avvantaggiarmi della quota che la legge sancisce di diritto a mia madre, ma la stessa legge afferma che mia madre non citata nel testamento, debba far valere i suoi diritti attraverso l'impugnazione del testamento. L'esecutore testamentario peraltro in conflitto d'interessi perchè è anche amministratore di sostegno di mia madre, non può alterare il testamento arbitrariamente dichiarando il falso sia alla agenzia delle entrate con la dichiarazione di successione che al Catasto indicando mia madre titolare di una parte di eredità di immobili che al momento attule non ha, seppure la legge lo preveda. Ripeto cosa rischia mio fratello e come mi devo comportare contro di lui devo denunciarlo per falso ideologico ? Grazie
     
  4. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Art. 620 Pubblicazione del testamento olografo
    Chiunque è in possesso di un testamento olografo deve presentarlo a un notaio per la pubblicazione, appena ha notizia della morte del testatore.
    Chiunque crede di avervi interesse può chiedere, con ricorso al pretore del mandamento in cui si è aperta la successione, che sia fissato un termine per la presentazione (Cod. Proc. Civ. 749).
    Il notaio procede alla pubblicazione del testamento in presenza di due testimoni, redigendo nella forma degli atti pubblici un verbale nel quale descrive lo stato del testamento, ne riproduce il contenuto e fa menzione della sua apertura, se è stato presentato chiuso con sigillo. Il verbale è sottoscritto dalla persona che presenta il testamento dai testimoni e dal notaio. Ad esso sono uniti la carta in cui è scritto il testamento, vidimata in ciascun mezzo foglio dal notaio e dai testimoni, e l`estratto dell`atto di morte del testatore o copia del provvedimento che ordina l`apertura degli atti di ultima volontà dell`assente o della sentenza che dichiara la morte presunta (c.c.50, 58).
    Nel caso in cui il testamento è stato depositato dal testatore presso un notaio, la pubblicazione è eseguita dal notaio depositario (c.c.685).
    Avvenuta la pubblicazione, il testamento olografo ha esecuzione (disp. di att.al c.c. 3, 7).
    Per giustificati motivi, su istanza (Cod. Proc. Civ. 125) di chiunque vi ha interesse, il pretore può disporre che periodi o frasi di carattere non patrimoniale siano cancellati dal testamento e omessi nelle copie che fossero richieste, salvo che l`autorità giudiziaria ordini il rilascio di copia integrale.

    Come riportato dall'articolo del Codice Civile, vi sono disposizioni precise in presenza di un testamento olografo (confermami che si tratta di tale tipologia di testamento) e lo stesso deve essere redatto con delle precise regole (corsivo, datato, firmato)!!

    Se tuo fratello non le ha eseguite (mi sembra il caso) non puoi far altro che citarlo in giudizio.

    All'Agenzia delle Entrate è stata presentata solo la successione e non la "divisione" e quindi, anche se al catasto vengono rappresentate cose differenti, siete tutti comproprietari anche della quota disponibile.
    Con la divisione, ma qui gli eredi devono essere tutti presenti presso il notaio, tuo fratello potrebbe far valere il testamento ed il notaio valutarlo entrando nel merito delle disposizioni testamentarie ritenendole non lesive delle quote di legittima di tutti gli eredi. Ma se come riporti, tuo padre non ha lasciato neanche la legittima a tua madre per me il testamento è da considerarsi nullo e non eseguibile (calcolando poi che alla morte di tuo padre neanche è stato consegnato ad un notaio per la pubblicazione . . .).
    Comunque in bocca al lupo e tienici informati.
    Luigi
     
    A Luigi Barbero piace questo elemento.
  5. Gugli

    Gugli Membro Attivo

    il testatore deve necessariamente citare tutti i legittimari nel testamento pur assegnando la quota disponibile secondo la propria volontà (in questo caso si tratta di 1/4 della massa ereditaria) se questo non è avvenuto il testamento dovrebbe essere nullo o annullabile
    in giurisprudenza si fa distinzione delle due condizioni ... ma visto che non sono un avvocato non vorrei entrare nel merito ma ti consiglio di rivolgerti ad un legale se lo ritieni necessario
    però se il testatore avesse lasciato l'usufrutto della casa in sostituzione della legittima, tua madre potrebbe in sede di divisione accettare l'usufrutto quindi le quote cambierebbero ulteriormente...
     
  6. Acacerulen

    Acacerulen Membro Ordinario

    si tratta di testamento olografo, custoito da mio fratello e aperto dal notaio e reso pubblico e nel quale lo stesso è nominato esecutore testamentrio. Mi ha scritto il suo legale che propone un risarcimento finanaziario per la variazione della mia quota (mio padre non ha previsto la quota legittima a mia madre) a causa della diminuzione della mia quota al pari degli altri fratelli pur di mantenere la domanda di successione presentata che come detto non corrisponde alla realtà perchè mio fratello ha dichiarato che non esiste testamento. Io credo che la proposta fattami non abbia fondamento perchè un testamento si cambia solo con l'impugnazione di esso da parte di mia madre e non è detto che lei sia disponibile a farlo mentrer questo lo da per scontato mio fratello che è suo amministratore di sostegno.
     
  7. Acacerulen

    Acacerulen Membro Ordinario

    l'eredità si tratta soprattutto di immobili, non è stata ancora divisa perchè mio padre nel testamento indicava all'esecutore testamentario (mio fratello) la vendita di tutti gli immobili e la suddivisione in parti uguali del ricavato tra tutti i figli -non indicav tra i beneficiari mia madre-. Come può vendere una casa mio fratello se per il Catasto e L'agenzia delle Entrate io sono erede di una quota ? come può far valere il volere di mio padre ?
     
  8. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Il testamento non è né nullo, né annullabile. Ma è (solamente) impugnabile poiché contiene disposizioni lesive della quota di legittima. Pertanto i legittimari lesi dovranno agire per la riduzione di dette disposizioni, ex artt. 553 e ss. c.c.
     
  9. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    L'atto per me è nullo.
    Il notaio dovrebbe averlo notarlo che veniva lesa la quota di legittima di tua madre e che la tua era stata ridotta.
    Inoltre se l'esecutore testamentario non esegue le indicazioni contenute nel testamento è esecutore di cosa??
    Tuo fratello non può vendere nulla!!! Occorre anche il tuo consenso e quello di tua madre!!! Infatti per cedere un immobile il notaio deve verificare che chi vende abbia i diritti per farlo, abbia un titolo sullo stesso e senza "divisione" tale titolo non si prova con la sola successione.
    Rivolgiti ad un buon avvocato (sono difficili da trovare ma ci sono), chiedi la nullità del testamento in quanto lede la legittima di tua madre e di conseguenza anche la tua aspettativa futura sulla stessa e agisci contro tuo fratello in quanto non si comporta da "esecutore testamentario".
    Il Catasto e l'AdE non hanno voce in capitolo, se fosse così i passaggi di proprietà si farebbero da loro e non con l'intervento di un notaio!
    Luigi
     
  10. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Ancora? Un testamento nullo è altra cosa.
     
  11. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Scusa Nemesis, non sono un giurista e sono sicuro che per dichiarare che quell'atto ha qualcosa che non va serva l'intervento di un giudice su azione intrapresa da chi è stato leso.
    Comunque l'atto così come raccontato oltre che ledere la legittima di qualcuno (madre e figlio), ha un esecutore testamentario che non esegue le disposizioni di cui è stato incaricato, quindi non vende il patrimonio e di conseguenza non distribuisce dividendolo il ricavato.
    Ho i miei dubbi che si possa vendere tutto, infatti così facendo il diritto all'abitazione del coniuge verrebbe leso ed inoltre credo che per vendere serva la firma di tutti gli eredi infatti non è stata ancora fatta la divisione.
    Mi rimetto alle conoscenze/esperienze degli altri e aspetto gli ulteriori sviluppi.
    Luigi

    Pe Acacerulen: Se tuo fratello si è fatto vivo tramite un legale, esponi il caso al tuo legale e senti cosa ti dice e di conseguenza fai rispondere lui per te.
    Si corre il rischio di far ingrassare due legali ma senza opporsi si rischia che uno dei fratelli ingrassa e l'altro "sopravvive".
    Luigi
     
  12. Gugli

    Gugli Membro Attivo

    intendevo nullo nelle disposizioni testamentarie nel senso che il legittimario pretermesso può agire in riduzione
     
  13. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    E' ovvio che quel testamento contenga disposizioni che ledono diritti dei legittimari. Ma questo fatto non implica che sia nullo. La disposizioni rimanenti restano pienamente valide ed efficaci.
     
  14. Acacerulen

    Acacerulen Membro Ordinario

    prima di tutto grazie per il vs. contributo.
    Riepiloghiamo.
    L'esecutore testamentario, mio fratello è anche amministratore di sostegno di mia madre oltre che lui stesso erede. Lui e solo lui per conto di mia madre deve impugnare il testamento olografo, ma invece arbitrariamente e dichiarando il falso ha presentato una dichiarazione di succesione che già ha previsto la quota di legittima di mia madre. In questo modo mio fratello da un lato ha ripristinato la legittima di mia madre senza consultare gli altri eredi e dall'altro non ha dato corso alla volontà di mio padre.
    Io non posso impugnare il testamento perchè non ne ho per legge l'interesse e non lede la mia quota di eredità anzi l'aumenta. Il problema è che mio fratello ha presentato una falsa dichiarazione all'AdE e al Catasto perchè ha assegnato a me e agli altri fratelli eredi una quota minore a causa del riconoscimento della legittima a mia madre.
    Il legale che mi ha scritto lo ha fatto dopo che mio fratello a chiesto al Giudice Tutelare di ripristinare la quota di mia madre. Il Giudice Tutelare ha disposto che l'iniziativa va bene per mia madre ma che mio fratello debba richiedere a me se io intendo accettare la riduzione che in termini finanziari gli altri fratelli assieme ripristineranno. L'avvocato inoltre mi ha imposto un termine di risposta di 10 giorni come se facesse lui le leggi. Al Giudice Tutelare mio fratello ha rimesso tutta la documentazione anche quella contrastante. E' palese il conflitto d'interessi di mio fratello perche da un lato deve tutelare mia madre nella sua qualità di ann. di sostegno dall'altro dare corso alle disposizioni di mio padre essendo esecutore testamentario.
    Il testamento credo che sia nullo solo nella disposizione della mancata legittima di mia madre ma per riconoscerla deve impugnarlo.
    Io ho scritto al giudice Tutelare chiedendogli spiegazioni sulla sua disposizione perchè appare irrazionale, mi si chiede una cosa che è stata già decisa dall'amministratore di sostegno, ed in ogni caso a mio avviso avrebbe dovuto convocare l'AdS redarguirlo o revocarlo quanto meno per il palese conflitto d'interesse. Non lo ha fatto neppure per aver eluso sue disposizioni che mi hanno imposto di agire per le vie legali art. 388 c.p. perchè hanno leso dei miei diritti. Il giudice non ha ancora risposto ho mandato lettere martedì.
    Certo che mi rivolgo al mio legale che al momento è assente e vi farò sapere. Ma mi chiedo come mai il notaio nel verbale dell'apertura del testamento non ha segnalato ma mancata legittima di mia madre ? E' punibile per questo ? Tenete conto che il notaio ha depositato nella cancelleria del tribunale dopo molto tempo il testamento e gli stessi impiegati su mia richiesta erano sorpresi che nonl'avesse fatto subito.
    Ovviamente io sono convinto che il testamento fatto sia falso vi sono notevoli differenze nella firma e usa un linguaggio e un modo di esprimersi che non è di mio padre, non solo non comprendo la finalità del testamento nel momento che divide le quote in parti uguali tra i figli escludendo la moglie, mio padre e mia madre si adoravano. La finalità er la nomina di mio fratello a esecutore testamentario così da vendere i beni immobili come voleva lui, al prezzo che voleva lui, magari ad un suo figlio.
    La separzione dei beni immobili non può avvenire in quanto le disposizioni di testamento prevedono la vendita da parte di mio fratello e ci coinvolge nella suddivisione della somma di vendita in parti uguali.
    Grazie del vs. contributo.
     
  15. Acacerulen

    Acacerulen Membro Ordinario

    credo che possa vendere la nuda proprietà lasciando così inalterato l'usufrutto indicato per legge di mia madre. Seppure non dispone di legittima mia madre in base al codice civile ha l'usufrutto della abitazione
     
  16. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Ciao Acacerulen,
    scusa le continue interferenze ma il tema (il caso) da te proposto è ampio e interessante e credo che qualche particolare manchi per avere un quadro generale della questione completo.
    Intanto delle precisazioni sull'Amministratore di Sostegno.
    Questa figura differisce dal tutore e dal curatore che sono soggetti posti accanto a delle persone bisognose dichiarate interdette o inabili e quindi con grado diverso hanno bisogno di una persona che le sostituisca in tutto o in parte negli atti della loro vita.
    L'amministratore di sostegno è una figura nuova (nata nel 2004) e in contrapposizione alle precedenti figure. Infatti le precedenti figure erano indirizzate più alla conservazione di un patrimonio che alla protezione della persona.
    Il principio che ispira la legge, di limitare il meno possibile la capacità di agire del beneficiario, è attuato grazie alla previsione contenuta nell'art. 405, 5° co., n. 4, del Codice Civile laddove, nel decreto di nomina dell'ADS, è prevista:
    • l'indicazione dei singoli «atti che il beneficiario può compiere solo con l'assistenza dell'amministratore di sostegno»;
    • come anche, l'indicazione degli atti che l'amministratore di sostegno «ha il potere di compiere in nome e per conto del beneficiario» (art. 405, 5° co., n. 3);
    Quindi il beneficiario ha piena capacità di "intendere e agire" sulle questioni non espressamente previste nell'atto di nomina dell'AdS.
    Verifica cosa dice l’atto di nomina di tuo fratello ad AdS.
    Inoltre se il testamento dice di dividere in parti uguali, perché la diminuzione della tua quota in favore della legittima di tua madre deve essere compensata finanziariamente dagli altri fratelli? Gli altri fratelli, se devono dividere in parti uguali dovrebbero anche loro rinunciare a qualcosa e quindi perché ti ricompensano per la parte da te ceduta? Ci sono delle cose che non comprendo.
    Inoltre ancora la vendita dei beni non può essere fatta ad un prezzo a piacimento di tuo fratello, se così fosse lederebbe i diritti di tutti gli eredi, e quindi non è così semplice per lui fare quello che tu pensi.
    Il conflitto di interessi, da quello che riporti, ci può essere in teoria ma qui non lo vedo, anzi sta agendo per far riconoscere il diritto di tua madre alla legittima e quindi una diminuzione dell’ aspettativa sull’eredità di tuo fratello.
    A valle mi sorge però una domanda, non è che tu sei in disaccordo con tutti i tuoi fratelli e questi, pur di risolvere la questione in via bonaria sono disposti, mettendo le mani in tasca, ad integrare la tua parte di eredità così come lasciato scritto da tuo padre?
    Scusami il pensiero ma è l’unica cosa che mi viene da pensare.
    Luigi
     
  17. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Credo che si stia spaziando in argomenti che poi non centrano con la risoluzione del caso.
    Mi spiego se il fratello di Acacerulen quale Assistente di spstegno ipugna il testamento per la legittima di sua madre, mi pare che la leggittima corrisponda ad 1/4 più il diritto di abitazione in uno degli immobili, automaticamente 1/2 è la leggittima di tutti i figli da dividere in parti uguali, ed 1/4 e la disponibile del testatore che a questo punto ha deciso di far vendere e devolvere a tutti i figli in parti uguali, quindi se tutti procedono all'azione di riduzione in tutela della legittima penso che un giudice per dare corso ai diritti degli eredi ed alle volontà del testatore, procede sempre penso io a quanto sopra esposto in termini di quote, che poi Acacerulen dimostra che itestamento è un falso allora li si aprono altri scenari prettamente legali a cui non so dare risposta.
    Qesto è quanto ho capito in riferimento alle spiegazioni scritte da Acacerulen ed alle relative risposte.
    Ciao salves
     
  18. Acacerulen

    Acacerulen Membro Ordinario

    Esatto io sono in disaccordo con gli altri fratelli non per l'eredità ma per il comportamento tenuto da mio fratello nonchè AdS di mia madre che non è stata interdetta ma ha due ictus e presumo non possa agire, infatti io non conosco il suo stato di salute perchè i miei fratelli mi impediscono di vederla, malgrado a suo tempo il Giudice Tutelare abbia disposto un decreto che m lo consentiva. Ma questa è altra cosa.
    Ecco perchè loro mi corrisponderebbero la parte in denaro maggiore ovviamente dopo la vendita così che io recuperassi la parte mancante a causa della diminuzione della mia quota e anche della loro. Ovviamente con quale garanzia avrei quanto promesso.
    Io credo e da parte mia non ci sarebbe stato alcun problema avrebbero dovuto consultarmi prima dell'apertura della successione non dopo a cose avvenute e con falsa dichiarazione. Io non avrei avuto nulla da eccepire ora invece ... Ma guardiamo il caso specifico all'AdE e al Catasto esistono beni immobili intestati anche a mia madre che invece col testamento di mio padre non ne ha diritto perchè dovrebbe impugnare il testamento, ma come fa ad impugnarlo se all'AdE e al Catasto mia madre ha già intestato quello che sarebbe stato l'esito positivo dell'impugnazione ?
    E' evidente che mio fratello ha comesso un falso ideologico in atto pubblico e per questo perseguibile legalmente. Proprio la querela contro di lui potrebbe districae la materia perchè annullerebbe, ovviamente dopo indagini e processo, la dichiarazione di successione che sarebbe poi riproposta secondo la volontà testamentaria di mio padre e così mia madre potrebbe impugnare il testamente e vedere riconosciuta legalmente la sua quota ereditaria.
    Aggiungo che il pagamento IRPEF che devo sostenere alla dichiarazione dei redditi per me sarà minore per minore quota e così teoricamente sto eludendo, in parte, il Fisco.
    Io sono del parere che potete entrare nel merito e farmi qualsiasi domanda perchè credo che quanto da me evidenziato sia molto diffuso come problematica e quindi utile a molti. Grazie e scusate degli errori di battitura.
     
  19. Acacerulen

    Acacerulen Membro Ordinario

    aggiungo, dopo la presentazione della querela di falso di mio fratello dovrei chiedere la modifica della dichiarazione della successione all'AdE e al Catasto, accludendo agli atti il testamento e la querela. Cioè dovrei richiedere una modifica della dichiarazione. Solo così mia madre può impugnare il testamento. O no ?
     
  20. Gugli

    Gugli Membro Attivo

    guarda che la dichiarazione di successione (semplice dichiarazione di scienza) ha un valore eminentemente fiscale e NON è qualificabile come titolo di acquisto (per tutte Cass. 2 agosto 1986 n 5275) Neanche il pagamento dell'imposta di successione fa acquisire la qualità di erede, oltre al fatto che il catasto non è probatorio e serve solo per pagare le tasse...
    quindi la partita va giocata altrove ma niente vieta che tu possa a ragion veduta presentare una dichiarazione modificativa o sostitutiva se pensi che sia la cosa migliore, la cosa importante è che devi dimostrare le tue ragioni anche all'ufficio dell'ADE cioè dovresti presetarti con il testamento pubblicato dal notaio e la visura catastale al momento dell'apertura della successione
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina