1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Micaela

    Micaela Membro Junior

    Ciao!

    Ho una campagna in Umbria e un boscaiolo mi ha proposto di tagliare e acquisire la legna del mio bosco di circa 2,7 ettari per 3000 euro. E' una somma proporzionata? Anche per il futuro, potete suggerirmi dove reperire stime più precise sulle proprietà di campagna?

    Grazie in anticipo :fiore:
     
  2. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Molto dipende dalle essenze che si trovano sui tuoi 2,7 ettari, 27.000 mq, se ti rendono meglio la superficie. In Umbria si trovano querce e altri legni duri. Darti un consiglio è difficile, ma in quelle campagne vi sono spesso degli intermediari che forse potrebbero esserti utile. Altra ipotesi interpellare un paio di segherie o commercianti, stando attenta a come te la raccontano. Ora che ci pendo, informati con il Corpo della forestale, sicuramente loro conoscono i regolamenti locali e qualche professionista da indicarti.
     
    A Micaela piace questo elemento.
  3. nuoviorizzonti

    nuoviorizzonti Membro Attivo

    Professionista
    - a me sembra poco, dalle mie parti generalemnte il rapporto è 35/40% del tagliatto al proprietario e 60/65% al boscaiolo
    - l'interesse del boscaiolo al taglio dipende principalmente da questi fattori:
    1 - accessibilità dell'area (vicina o lontana da strade consortili e/o comunali)
    2 - volume del tagliato (resa)
    3 - varietà di piante (più il legno è pregiato meglio è ...)

    i consigli poterbbero essere:
    consultare altri boscaioli e valurtare le offerte ma....... (fai attenzione, i boscaioli "locali" hanno un "cartello" per applicare prezzi simili)
    conoscere (chiedendo con furbizia al boscaiolo) la quantità di legna che produrrebbe il taglio (in quintali o tonnellate), oppure cercare le tabelle regionali e/o provinciali stimate dalla guardia forestale ed applicare il prezzo medio (35 a te 65 a lui);
    in ultimo e non meno importante, bisogna sapere se ci sono delle prescizioni da parte della forestale (in caso di tagli) su come lasciare il terreno, se con o senza ceppaie se con o semza la ripiantumazione (giusto per non vedersi recapitare un verbale a casa).
     
    A Micaela piace questo elemento.
  4. proprietariocasa

    proprietariocasa Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Cara Micaela, io se avessi un bosco come il tuo, in qualunque parte del mondo, non lo farei tagliare neanche per tutto l'oro del mondo. Vedi tu ciao Pinotto
     
  5. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Caro Pinotto, un bosco ceduo, nasce con il preciso scopo di farsi rinnovare di quando in quando, rigenerando/si e producendo "ricchezza sana, non inquinabile. Carta, celluloide, materiale di coibentazione, trucciolati.
    Quindi i boschi sono una filiera di produzione naturale.
     
    A rita dedè piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina