• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

CarloT

Nuovo Iscritto
Professionista
Buongiorno a tutti, mi trovo in una situazione che non so risolvere.
Ho una partita IVA in regime forfettario, ed un cliente italiano residente in Francia ma con codice fiscale italiano, mi ha chiesto una prestazione. Ha anche un indirizzo italiano, ma non è ivi residente.
Non so come comportarmi con la fattura. Cosa devo fare esattamente?
Grazie a chiunque mi risponderà
 

griz

Membro Storico
Professionista
quale è il problema? Emetti la fattura col codice fiscale del cliente, l'indirizzo non mi sembra importante
 

CarloT

Nuovo Iscritto
Professionista
quale è il problema? Emetti la fattura col codice fiscale del cliente, l'indirizzo non mi sembra importante
Inizio con il ringraziare per la risposta.
Mi chiedevo semplicemente se non essendo l'utente del servizio residente in Italia, io dovessi poi compilare il modello intrastat o adempiere ad obblighi per poter operare"fuori" dal contesto italiano. Peraltro, la mia prestazione si svolge tramite consulenze in videocoferenza, nelle quali io sono in Italia, ma il cliente può essere all'estero.
 

griz

Membro Storico
Professionista
credo che col CF italiano risolvi e non ti poni il problema, il fatto che sia residente all'estero non è rilevante, quanto meno non credo che all'Agenzia delle Entrate importi o facciano controlli
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno, con un contratto di locazione con cedolare secca e a canone concordato è possibile inserire la possibilità di sublocazione per avere poi la possibilità di aprire un'unità ufficio amministrativo?
Ed inoltre, è possibile ridurre le motivazione e il tempo di recesso? L'articolo 8 "recesso del conduttore" parla di gravi motivi e 6 mesi di preavviso. Grazie per una Vostra gentile risposta.
Alto