1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. RomanoRomano

    RomanoRomano Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Prima di tutto, un saluto a tutta la community.

    Questo è il mio primo messaggio e, purtroppo, mi sono iscritto perché ho bisogno di aiuto in una questione che mi ha colto completamente impreparato e che non so come risolvere.
    Mi scuserete quindi se vado subito al punto, augurandomi di ricevere presto un consiglio da parte vostra.

    Alla morte di mia madre, sono diventato comproprietario dell'appartamento in cui ora vive solo mio padre (a me il 25%, a mio padre il 75%).
    Lo scorso anno, di comune accordo, io e mio padre abbiamo deciso di mettere in vendita l'appartamento senza far ricorso a servizi di intermediazione di alcun genere. Quando però, con il passare dei mesi, la vendita si è rivelata difficoltosa, abbiamo accettato l'aiuto saltuario di qualche intermediatore che ha agito esclusivamente in affiancamento, senza alcuna esclusiva. Io e mio padre ci siamo sempre riservati il diritto (avendone l'occasione) di vendere per nostro conto, anche contemporaneamente all'operato dell'intermediario.

    Ora ho appena scoperto che da due mesi un agente immobiliare, evidentemente più scaltro di altri, ha convinto mio padre a sottoscrivergli un mandato per la vendita del nostro appartamento.
    Si tratta di un mandato di esclusiva con clausole capestro che prevede una provvigione che sfiora il 4% e che, soprattutto, ha scadenza il 15/12/2014... quindi è della durata di quasi un anno.

    L'agente immobiliare è una piattola con cui ho avuto a che fare più volte telefonicamente e al quale avevo ben chiarito che non avrei MAI firmato alcunché e che non gli avrei MAI concesso un'esclusiva e tantomeno una provvigione (questo anche per scoraggiarlo definitivamente).
    Allora il "signore", a mia insaputa, si è rivolto a mio padre, presentando il mandato con le caratteristiche che ho appena esposto e strappandogli la firma.

    La ciliegina sulla torta, che forse è anche l'unica arma che ho in mio possesso, è che per sopperire alla mancanza della mia firma (che non avrebbero avuto MAI), accanto alla firma di mio padre è stato scritto "In nome e per conto di Tizio Caio" (che sarei io).
    Quindi mio padre e il "signore", a mia totale insaputa, hanno in qualche modo falsificato la mia firma o, comunque, la mia volontà di sottoscrivere quel mandato che non c'è MAI stata.

    In finale, volevo sapere se in virtù di questa falsificazione posso ritenere il contratto nullo (per mancanza dei requisiti essenziali - la mia firma) e andarlo a strappare in faccia al "signore" o se sono comunque vincolato in qualsiasi modo.
    Vi sarei grato, in sostanza, per qualsiasi suggerimento.
    Sono pronto ad arrivare anche alla querela contro mio padre per aver firmato "in nome e per mio conto", ma non disdegnerei poter mettere nei guai direttamente l'agente e la sua agenzia e magari rivalermi su di loro per quella che non esito a definire una (tentata, ma finora anche riuscita) truffa.

    Qualcuno mi aiuta, per cortesia?

    Grazie infinite.
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Il contratto non è nullo. Tuo padre però si è reso implicitamente garante del tua volontà a vendere. Tu ovviamente non sei vincolato e per te non si profila neppure l’esigenza di adempiere a un futuro contratto preliminare di vendita.
    Ciò determinerà la responsabilità di tuo padre nei confronti del promissario acquirente. Questi non potrà invocare il disposto dell'art. 2932 c.c. (cioè non potrà ottenere la sentenza ai sensi di detta norma), ma potrà agire per ottenere il risarcimento dei danni subiti in conseguenza dell’inadempimento del promittente venditore.
     
  3. StLegaleDeValeriRoma

    StLegaleDeValeriRoma Membro Assiduo

    Professionista
    Salvo verificare quanto riferito per tabulas ovvero cosa è stato firmato ed il contenuto del contratto il che è sempre opportuno e non è possibile sul forum....se suo padre ha sottoscritto anche per conto suo e questo è avvenuto contro la sua volontà o comunque senza averne il potere, lei dovrà attivarsi formalmente nei confronti di chi ha carpito la buona fede del suo anziano genitore....in questa sede devo solo darle un input il resto la farà il suo avvocato .... cui farà bene a rivolgersi immediatamente.
     
    A rita dedè e Luigi Criscuolo piace questo messaggio.
  4. RomanoRomano

    RomanoRomano Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Grazie dei commenti e dei suggerimenti.

    Ma non capisco una cosa: perché il contratto non è nullo?!?

    Voglio dire, Tizio appone arbitrariamente una firma "in nome e per conto" di Caio... Caio non solo è contrario, ma non viene neanche avvertito di quello che succede (io l'ho scoperto casualmente 4 giorni fa, dopo 2 mesi).
    E Caio non può opporsi e invalidare tutto?

    Nemesis... non faccio un discorso di "essere vincolato" o meno. Dico semplicemente che un contratto, per essere valido, ha bisogno di alcuni requisiti "essenziali" come, appunto, la firma (autentica e volontaria) dei contraenti e quel contratto MANCA di questi requisiti. Quindi dovrebbe essere nullo. O no?

    Insomma, se fosse tutto così facile, allora potrei anche scrivermi da solo una "rinuncia al mandato" da parte dell'agenzia immobiliare e firmarla "in nome e per conto" dell'agenzia stessa. Avrei risolto facilmente, no?
    Che cos'è che mi sfugge o che non ho capito?

    Anche a lei, avvocato, in qualche modo giro la stessa osservazione: siamo d'accordissimo sul fatto che debba "attivarmi" e lo sto facendo ma, ripeto, un contratto con firma apocrifa o addirittura mancante non è di per se' nullo?
    Certo, in caso di contenzioso bisognerà dimostrare che la firma è apocrifa o quant'altro (e non sarà difficile)... ma se il Codice Civile stabilisce dei requisiti per la validità di un contratto e questi requisiti mancano, il contratto perché non dovrebbe essere nullo?

    E cosa più importante:
    in questo momento quello che più mi preme è vendere l'appartamento. In caso di contenzioso, posso procedere tranquillamente a vendere il mio appartamento in modo autonomo e slegato da questa agenzia senza dovermi poi aspettare altre complicazioni, quali che siano, collegate a questa brutta faccenda?
     
  5. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ma in virtù di cosa??? Padre e figlio sono entrambi maggiorenni, entrambi capaci di intendere e di volere, e non esiste una procura del figlio a favore del padre. Non mi risulta proprio che il padre possa rendersi garante del figlio. Non mi sembra formalmente corretto. Se ragioni così, allora mio padre domattina potrebbe disporre il mandato di vendita di casa mia, rendendosi implicitamente garante della mia volontà di vendere, naturalmente senza avvisarmi né verbalmente né in forma scritta? Non ho capito questo passaggio, Nemesis.
     
  6. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    No. E' valido, pur non essendo efficace nei tuoi confronti. Tuo padre, come già scritto, potrà essere chiamato a rispondere dei danni causati al promissario acquirente.
    Non c'è nessuna firma apocrifa. Su quel contratto non c'è la tua firma.
     
  7. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Su questo sono perfettamente d'accordo, ormai solo un legale può dirimere la questione mettendo in chiaro che il padre non aveva alcun titolo per farsi garante e pertanto la garanzia è nulla e anche il contratto lo è. O al massimo, è valido solo per la parte firmata dal padre.[DOUBLEPOST=1397475304,1397475269][/DOUBLEPOST]
    Il padre però ha dichiarato una cosa non vera, ossia che il figlio era d'accordo a concedere il mandato. Su questo come si procede??
     
  8. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Del contratto che ha sottoscritto anche in nome e per conto del figlio.
     
  9. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Sono d'accordo con te sul fatto che solo il padre è responsabile per la sua quota parte, ma un legale dovrà chiarire che il figlio non può essere chiamato a rispondere. Poi il padre potrà essere denunciato per aver dichiarato il falso, ossia ha dichiarato che il figlio era d'accordo a concedere il mandato e se ne è pure fatto garante, e potrà essere chiamato a rispondere degli eventuali danni fatti patire all'agenzia immobiliare.
    Un bel pasticcio, non c'è che dire.[DOUBLEPOST=1397475524,1397475403][/DOUBLEPOST]Una volta che un legale avrà stabilito che il figlio non ha concesso alcuna delega al padre per conferire mandato all'agenzia immobiliare, il risultato sarà che l'agenzia immobiliare potrebbe trovare un acquirente solo pro quota, ossia per la parte afferente al padre, e ben pochi comprerebbero un immobile a metà o comunque una frazione di immobile. Ciò si traduce in un danno per l'agenzia, e il padre potrà essere chiamato a risponderne.[DOUBLEPOST=1397475675][/DOUBLEPOST]Comunque è sbagliato il titolo del thread, non c'è nessuna firma falsa.

    Il padre Mario Rossi ha firmato pressappoco così:

    Firma: Mario Rossi
    In nome e per conto di mio figlio Luigi Rossi: Mario Rossi

    Non ci sono firme false, come già sottolineato da Nemesis. L'agenzia immobiliare sa giocare bene le sue carte.
     
  10. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Non direi.
     
  11. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Perché non diresti? Il 75% della casa, appartenente al padre, è stato messo in mano all'agenzia. E serve un legale per dimostrare che il restante 25% non è conferito in mandato all'agenzia. Mi pare che l'agenzia abbia giocato bene le sue carte.
    Al figlio non conviene querelare il padre perché alla provvigione dovuta all'agenzia aggiungerebbe anche i soldi per il legale.
    Fantastico, in un colpo secco, padre e figlio a novanta gradi.
     
  12. RomanoRomano

    RomanoRomano Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Dunque... grazie a tutti e andiamo avanti...

    A questo punto la mia posizione è proprio quella di andare dai Carabinieri e sporgere querela contro mio padre (se e come la querela andrà avanti, lo vedremo poi). Alle forze dell'ordine chiederò anche se sia il caso di chiamare in causa anche l'agenzia per aver abusato della buona fede di mio padre e averlo spinto a firmare anche facendosi garante per me.

    Quindi con la querela in mano, andare dall'agenzia e far presente che qualunque cosa facciano, quell'appartamento non lo venderanno mai e che, comunque, a torto o a ragione, comincerò a rendere pubblica questa faccenda facendo nomi e cognomi di tutte le persone coinvolte - raccontando la pura e semplice verità, senza dare colpe a qualcuno e limitandomi a un resoconto obiettivo e documentato dei fatti.

    Che abbiano torto o ragione, non credo che gli faccia piacere questo genere di pubblicità.

    Esatto, Possessore.
    Il mio punto - che ancora non capisco - è proprio questo.
    Per questo stesso identico ragionamento, ovvero due persone completamente slegate tra loro, entrambe maggiorenni, entrambe capaci di intendere e volere e senza alcuna procura dell'uno a favore dell'altro... ho in mente di scrivere io stesso una dichiarazione di rinuncia al mandato da parte dell'agenzia e di firmarla io, in nome e per conto dell'agenzia.

    Ovviamente l'agenzia mi dirà che non posso farlo, che si tratta di una sciocchezza e mi riderà in faccia... e lo stesso farò io con loro. I requisiti sono identici.

    Ecco... Questo è un altro punto interessante.
    Mio padre NON HA APPOSTO una doppia firma.
    Ovvero, non ha firmato come tu hai scritto, ma ha apposto un'unica firma - la sua - con accanto la dicitura "in nome e per conto di Luigi Rossi".

    Questo, paradossalmente, potrebbe significare che mio padre non ha mai firmato per proprio conto ma solamente in mia vece.
    Altro casino, immagino.
    Ma in tal caso, su quel mandato c'è un'unica firma, fatta a mio nome e senza nessuna delega o autorizzazione di altro genere. Quindi, si torna al mio discorso: firma nulla, mandato nullo.

    Comunque sì... scusate per l'imprecisione sul titolo del thread.. ma vedete quanto è incasinata la faccenda... non sapevo in che modo poter rendere al meglio la questione.
    Forse sarebbe stato meglio scrivere "firma irregolare" o qualcosa del genere.
     
  13. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Non direi proprio che l'agenzia ha giocato bene le sue carte. Sta solo facendo perdere tempo a questa famiglia. Non venderà mai l'appartamento e sarebbe meglio attendere dicembre per vedere finita questa storia. Tanto con avvocato e spese varie ci rimetterete solo soldi e entro dicembre non ne sareste ancora venuti a capo. Se poi, come non penso proprio, riuscisse a vendere, di questi tempi entro dicembre!!, ha ragione Nemesis il papà sarebbe chiamato a rispondere della mancata vendita. (ci sarebbero delle penali, vai a vedere quali sono)
     
  14. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Tuo padre ha forzato te e ne potrebbe rispondere. Tu non puoi sottoscrivere in vece di una società totalmente esterna. Per pagare le conseguenze?
    A proposito: tuo padre ha firmato solo per te? ovvero lui non ha firmato? che guazzabuglio è?
     
    A RomanoRomano piace questo elemento.
  15. pippopeppe

    pippopeppe Membro Attivo

    Impresa
    qualunque sia il madato all'agenzia, di solito tra le condizioni contrattuali c'è ne una che dice che il promittente può rifiutarsi di vendere perchè magari il prezzo non è conveniente ed altri ammenicoli del genere e tirare a lungo su questioni ed inezie fino alla scadenza del mandato (i ns politici docet). l'agente và punito con la sua stessa arma, l'inganno.
    ricordo che qualche tempo fa, in una puntata di forum fu sollevata una questione simile, un padre pretendeva che il figlio vendesse la sua quota insieme a lui.
    il giudice dette ragione al figlio. la proprietà indivisa (credo sia questo il caso) non poteva essere venduta se uno dei due si rifiutava.
    se la proprietà è invece disiva in quote certe allora ognuno può cedere la propria e non obbligare la parte che rifiuta.
     
  16. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    qui però, @pippopeppe pare che con l'inganno c'è una agenzia che ha un mandato controfirmato anche per l'altro proprietario. C'è una vera truffa da provare, se non ci fosse di mezzo il padre capace di intendere. Il quale se ha firmato potrebbe rispondere all'agenzia del rifiuto della vendita.
     
    A possessore piace questo elemento.
  17. RomanoRomano

    RomanoRomano Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Esatto. Un guazzabuglio nel guazzabuglio.
    Come ha scritto giustamente Possessore, mio padre avrebbe dovuto firmare più o meno così:

    "Firma: Mario Rossi
    In nome e per conto di mio figlio Luigi Rossi: Mario Rossi"


    Invece, tutto quello che si legge sul contratto è:
    In nome e per conto di Luigi Rossi: Mario Rossi

    In sostanza, mio padre che ha operato in prima persona alle mie spalle, consapevole o meno di farlo, ha apposto soltanto la "sua" firma in nome e per conto "mio".

    Se dovessi fare il puntiglioso, dovrei dire che quel mandato è firmato soltanto da me... e che la mia firma è stata apposta da terzi, senza che essi ne avessero l'autorizzazione.

    E quindi, torno al discorso iniziale: firma non valida, oppure firma assente, oppure firma irregolare... chiamatela come vi pare, ma continuo ad augurarmi che 'sto benedetto mandato sia nullo.
     
  18. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    A questo punto, forte della discussione, recati all'agenzia e fagli strappare l'esclusiva. Credo che con scuse lo faranno. Sempre con cortesia, che non guasta. Digli che tuo padre si è sbagliato.
     
  19. RomanoRomano

    RomanoRomano Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Arciera...
    Ho già chiesto a mio padre di parlare lui stesso con l'agenzia e cercare di risolvere la questione "bonariamente". Dovrebbe farmi sapere qualcosa in serata.

    Non credo tuttavia che otterrà qualcosa, perché sono ragionevolmente sicuro della malafede dell'agenzia.
    Spero nel meglio, ma mi sto preparando al peggio.
     
  20. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    doivresti andarci tu. dicendo solo che tuo padre si è sbagliato a fornire la tua disponibilità. E vedi che cosa rispondono. Poi c'è il fatto che lui non ha firmato...
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina