1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Gagarin

    Gagarin Membro Attivo

    Professionista
    E' interessante prendere atto di come questo Stato ladro da una parte concede (poco) e dall'altra prende (molto).
    La circolare in oggetto è altamente esplicativa.
    Viene tanto sbandierata la necessità/opportunità di scegliere energie alternative per un risparmio energetico nazionale e per ridurre l'inquinamento, ma, quando una cittadino decide di installare un impianto fotovoltaico ad uso domestico personale:
    1 - Le pratiche da effettuare sono estenuanti per tipo e numero (vedere un mio precedente forum) e, soprattutto, molto ma molto costose (circa 2.500,00 euro, che, per un impianto di 3 Kw hanno un rapporto di oltre il 60% rispetto al costo dell'impianto, cioè, per un impianto da 4.300,00 euro bisogna spendere circa 2.500,00 euro di pratiche).

    2 - Poi, così, come se niente fosse e senza che il cittadino fosse preavvisato, ecco la pubblicazione di una circolare cosiddetta "esplicativa" dell'AdE, che, poi, tanto esplicativa non è, in quanto, in realtà, stabilisce dei paletti e dei parametri prima inesistenti (per esempio che un impianto non determina incremento catastale fino a 3 Kw, poi sì: in quale legge precedente sta scritto? In nessuna: se l'è inventato Befera e non è una "spiegazione". Se ho una villa con già un allaccio di 5Kw all'ENEL e installo un fotovoltaico da 4 Kw, perchè si incrementa la rendita catastale, dato che è una potenza inferiore al mio consumo abituale? Quindi, in sostanza, si tratta di una vera e propria nuova tassa su tutti gli impianti superiori a 3 Kw; potenza che, oggi, è veramente poca, con utti gli apparecchi elettrici che ci sono in una casa. Ma a Befera, con lo stipendio che prende da noi, cosa importa che il parametro "popolare" dei 3 Kw, stabilito oltre 30 anni or sono, sia abbondantemente obsoleto?).
    Peccato che le cosiddette "spiegazioni" siano pure tardive e molti abbiano già installato un impianto fotovoltaico senza sapere che sarebbero andati incontro ad un accatastamento autonomo della parete o del tetto (con impianto) della propria abitazione o, nel migliore dei casi, ad una rivalutazione della rendita catastale del proprio immobile, vanificando (anzi, rimettendoci, perchè la nuova rendita durerà per almeno 20-30 anni e, allo smontaggio dell'impianto, sarà necessario produrre altra documentazione per riabbassarla e chissà se i nostri ladri ce lo permetteranno) abbondantemente ogni possibilità di risparmio, nel senso che sicuramente più di quello che non pagherò più all'ENEL, lo dovrò pagare allo Stato, alle Province ed ai Comuni sotto forma di tasse e balzelli con aliquote sempre maggiori, in considerazione del loro appetito insaziabile, non controllabile e sicuramente non destinato ad autoridursi, anzi....
    Scusatemi dello sfogo, ma proprio non se ne può più di uno Stato che vive alla giornata, inventandosi tasse e balzelli ogni giorno (a quando il ripristino della tassa sul sale?) per grattare sempre di più il fondo e le pareti di quel barile che lui stesso ha completamente svuotato per ingordigia, incompetenza, scarsa lungimiranza e quant'altro di male si possa dire. Solo il Governo vede la luce in fondo al tunnel: peccato che lui (ottimista?) la veda da almeno 4-5 anni e nessun altro (pessimista?) la veda o l'abbia veduta. D'altra parte, come si usa dire, l'ottimista è quello che vede la luce in fondo al tunnel, il pessimista è quello che non la vede, il realista è quello che dice che la luce è il faro di un treno e il macchinista vede tre imbecilli sulle rotaie...
     
    A Daniele 78 e essezeta67 piace questo messaggio.
  2. oliveri tomaso

    oliveri tomaso Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Grazie per l'informazione dato che è mia intenzione di installare il fotovoltaico e ignoravo a cosa andavo incontro ,concordo con tutto , non possono complicare la vita ai cittadini rendendo tutto complicato cosi siamo costretti a rivolgersi a dei professionisti ,con aggravio di spese , per pratiche che dovrebbero essere alla portata di tutti .
     
  3. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    per quanto riguarda il costo delle pratiche per l'istallazione di un impianto fotovoltaico, deve essere compreso nel presso come pure tutte le pratiche burocratiche, per il resto è una novità che mi riservo di controllare personalmente
     
  4. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    A mio avviso l'offerta di installazione di un impianto fotovoltaico ha il sapore di una Bleffera. Io non ci cascherò mai.
    Invece affitto all'ENEL a un prezzo imperdibile il mio lastrico (io non ci sto): 20 euro al mq al mese, da aggiornare annualmente con il 200% dell'indice Istat.
     
  5. Gagarin

    Gagarin Membro Attivo

    Professionista
    Quello che dici non è esatto. Ho avuto modo di avere preventivi da 5 ditte diverse e ognuna propone il prezzo per l'impianto e, per quanto riguarda le pratiche, o il committente se le fa da solo (su indicazione della ditta, che fornisce quanto a suo carico, come, per esempio, il progetto dell'impianto) o le fa la ditta addebitando le spese oppure, modificando il contratto standard, le fa la ditta comprese nel prezzo (che, però, sarà più elevato in rapporto alle spese per il tecnico, il Comune, eventualmente anche il Ministero dell'ambiente, etc.. che dovrà sostenere).
    Per quanto riguarda l'affitto all'ENEL del lastrico (o anche del tetto?) non ne so niente: è uno scherzo?
     
  6. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    No, non è uno scherzo, è una proposta che io faccio all'ENEL (sono tra l'altro un fautore della nazionalizzazione della fornitura di energia elettrica, basta con i cartelli tra le società private). Se l'azienda non accetta va bene lo stesso: uso il lastrico (stavolta STO sul lastrico) per prendere il sole, magari aiutandomi con gli specchi, del tipo non-ustorio, di Archimede.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina