1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. bubina

    bubina Nuovo Iscritto

    Buongiorno sono un nuovo utente del forum e spero di procedere correttamente nella discussione. Ho frazionato in due unità immobiliari un appartamento con regolare DIA, nuovo accatastamento, modifica abitabilità. Per i millesimi procederei a comunicare all'Amministratore del condominio i nuovi millesimi derivanti da parametrizzazione dei .. vecchi .. millesimi in base ai mq dei due appartamenti. Questa procedura che credo sia corretta è supportata da legislazione, al fine di evitare da subito qualche condomino che vuole fare ... la guerra ...?
    Grazie delle risposte
     
  2. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Immagino che hai effettuato tutto in maniera regolare con l'assistenza di un Tecnico abilitato.
    In pratica i tuoi millesimi iniziali rimarranno sempre quelli, ovvero se prima ne avevi 100 potrai dividere in due U.I. p.es. da 50 mlm ciascuna, oppure una da 40 e l'altra da 60 ecc ecc, insomma il totale rimarrà sempre quello iniziale, perchè non hai effettuato nessuna modifica di vasta portata tale da modificare il rapporto con tutte le altre U.I.
     
  3. AvvocatoDauriaMichele

    AvvocatoDauriaMichele Membro Attivo

    Professionista
    La procedura è giusta, in quanto Lei non ha aumentato ne' diminuito la superficie o il volume dell'originario appartamento. Legislazione particolare non c'è, valgono le normali procedure in materia di redazione delle tabelle millesimali. Saluti.
     
  4. Jrogin

    Jrogin Fondatore Membro dello Staff

    Professionista
    Salvo che ritengo corretto quanto indicato nei precedenti post, in un caso simile che mi ha visto coinvolto personalmente, per andare incontro agli altri condomini ed evitare contenziosi, ho proposto di aumentare di un 10% i millesimi dei due appartamenti frazionati.
    Nell'esempio citato quindi anzichè 100 millesimi sarebbero diventati 110 da dividere nelle due unità.
    Nel mio caso la proposta è stata accettata e tutto si è risolto con un piccolo aggravio per me. In fondo in fondo un aumento del carico urbanistico c'è stato, avendo due cucine anzichè una e potendo accogliere due famiglie separate al posto di una .
     
  5. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    cos' si dovrà dividere x 1.010 anzichè x 1.000 nei riparti annuali:daccordo:
     
  6. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Immagino che i 10 mlm in più a cui fa riferimento Jrogin, saranno stati tolti in proporzione agli altri condomini, così da parificare tutto a 1000/1000, come vuole la norma ;)
    Ovvero lui si è trovato, p.es. con 110 (invece dei 100 iniziali) e gli altri un po meno dei precedenti mlm che avevano.
     
  7. bubina

    bubina Nuovo Iscritto

    Grazie delle risposte. Jrogin ha optato per la strada più tranquilla e lo comprendo. Comunque è vero che sono due famiglie ma è pur vero che sono due famiglie più piccole di quelle che possono vivere in un unico appartamento evidentemente più o meno doppio. Io personalmente opterò per la divisione parametrica in base ai mq rinvenienti. Se incontrerò difficoltà procederò con la proposta di Jrogin. Grazie ancora
     
    A Jrogin piace questo elemento.
  8. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    famiglie piccole o grandi nulla cambia in un condominio, dove si divide in base hai consumi, chi più consuma più paga
     
  9. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Salvo altri accordi, in condominio si paga in base all'art. 1123 cc e seguenti, non in base ai consumi ;)
    Un caso particolare, dove una parte si paga per il consumo il resto a mlm o altri parametri, potrebbe essere il riscaldamento dove ci sono i conta calorie, oppure il consumo dell'acqua avendo i sottocontatori, ma altre spese dove si paga in base al consumo non mi vengono in mente.
     
  10. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    ti lo dico subito, l'acqua la paghi in base hai consumi, il riscaldamento se con valvole termostatiche la paghi in base hai consumi e potrei continuare
     
  11. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    L'acqua alle volte non è spesa condominiale perchè ci sono i contatori dell'ente di fornitura (uno per U.I.).
    In mancanza, infatti è quello che avevo scritto, acqua e riscaldamento se dotati di contacalorie e/o sottocontatori), ma altre spese condominiali a consumo non mi vengono in mente, al parte l'ascensore (remember dell'ultimo minuto) con la vecchia gettoniera (oramai difficile da trovare), e potrebbe essere sostituita da una card prepagata (tipo tessera telefonica), ma anche questa non credo si usi spesso, visto che i costi per l'installazione non sono pochi, ovvero sarà da mettere in conto anche l'eventuale vantaggio se e quando ci sarà.
    Per tutto il resto, salo accordi all'unanimità, viene pagato con i criteri dell'art 1123 cc e seguenti.
     
  12. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    CONDOBIP SE CERCHI DI FARE POLEMICA non vado oltre ciao;):idea:
     
  13. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Nessuna polemica, era solo per rimarcare che le spese condominiali (a parte qualche rara eccezione o diverse convenzioni), vanno ripartite con i criteri legali (quindi per mlm nei casi indicati dall'art. 1123 cc e seguenti), e non come tu avevi detto;
    nulla di più.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina