• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Francesco Patea

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
#1
Buongiorno.
nel 2016 ho acquistato appartamento sopra il mio in piccola unità 4 appartamenti, idea era fare fusione catastale, a tal fine ho fatto atto separazione dei beni per avere le stesse titolarità dell'appartamento già in mio possesso. Fatto ristrutturazione ( zona notte piano 1, zona giorno piano 2), non ho potuto collegare fisicamente appartamenti x problemi soletta, ho però unito tutti gli impianti (acqua,gas, energia, riscaldamento) e ho una sola utenza per questi. Lavori ultimati marzo/apr 2017
Settimana scorsa mi trovo rigettata pratica di fusione, ( notare ultimo giorno utile x la notifica) x "presenza autonomia funzionale / reddituale".
Al catasto il titolare mi ha detto che o li collego fisicamente o non posso fare fusione catastale.
Secondo voi posso accedere alla Fusione Fiscale? A mio avviso l'autonomia funzionale non sussiste perché se fermo un qualsiasi impianto del piano primo automaticamente fermo anche impianto del piano secondo, quindi avendo la titolarità a posto non dovrebbero eccepire, corretto?
grazie in anticipo a chi saprà darmi info in merito.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
#2
Ler unità immobiliari catastali devono essere autonome ed in grado di dare reddito proprio. Ovviamente solo se i due piani sono collegati possono costituire un'unità.
 

Francesco Patea

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
#3
Perfetto questo lo posso capire, ma se li tengo separati secondo Lei posso attivare la pratica di FUSIONE ai fini fiscali? unita di fatto ai fini fiscali (porzione di u.i.u.).
GR
 

Francesco Patea

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
#5
Due appartamenti confinanti non possono essere accatastati in uno unico

" Tuttavia, se a seguito di interventi edilizi vengono meno i menzionati requisiti di autonomia dei due immobili (ad esempio, con un abbattimento di pareti, unione di tubature, ecc., uno dei due appartamenti perda l’autonomia funzionale e dipenda dall’altro), l’unica strada percorribile è quella di un’apposita annotazione negli atti catastali come unita di fatto ai fini fiscali (porzione di u.i.u.)."

Io Avendo unito le tubature ho reso funzionalmente un appartamento dipendente dall'altro, non é corretto?

gr
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
#6
La porzione di unità immobiliare di fatto unita si dichiara quando l'immobile è composto da due porzioni di diversa proprietà: l'immobile deve essere funzionale.
Comunque le due porzioni devono essere unite o dal cortile della stessa proprietà o contigue, non possono essere separate da una scala condominiale.
 

Francesco Patea

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
#7
Grazie 1000 Gianco x le risposte. Secondo la tua esperienza la possibilità di unire i 2 appartamenti con una scala creata all'esterno sulla facciata di mia proprietà é percorribile e accettabile poi da catasto? Ho finito i lavori da 1 anno, trovare ora il posto dove aprire un buco nella soletta e fare il passaggio é veramente un grossissimo problema! buona giornata.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
#8
In attesa di un parere in merito alla efficacia di una scala esterna per lo scopo voluto (ma da quando esistono proprietà esclusive di porzioni di facciata condominiale?) , vorrei ritornare al contenuto dell'articolo postato.
La domanda diventa: è dsufficiente la comunione degli impianti termoidraulici per sostenere la "dipendenza funzionale" ai fini catastali?
Io temo di no; salvo trovare impiegato catastale compiacente. Esistono delibere in merito? Sarebbe strano che l'articolista si fosse sbilanciato , senza avere elementi in proposito.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
#11
Gianco, non si sta parlando di proprietà: ma di definizione di autonomia funzionale. I tubi in comune sono sufficienti a negare la autonomia?
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
#12
Il collegamento degli impianti, che rendono le due parti vivibili, è un'operazione che non è soggetta ad alcuna autorizzazione, relativamente all'opera. Gli enti fornitori dei servizi, Enel ed acquedotto, non permettono che un immobile estenda il servizio ad un'altra unità immobiliare: ogni unità deve avere un proprio allaccio.
Il titolo dell'annuncio è: Fusione catastale - fusione fiscale .
Quello catastale è ammesso alle condizioni che ho indicato, conseguentemente lo è anche quello fiscale.
 

Francesco Patea

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
#13
Scusi Gianco, ma il divieto dei fornitori all'estensione dei servizi é da considerarsi nel caso in cui i proprietari siano diversi? Qui la proprietà é la stessa io sto utilizzando a pieno l'intero piano primo e piano secondo e sono proprietario di entrambi.
Cmq penso che l'unica soluzione sia riaprire il cantiere e fare la scala interna! :risata::risata::risata:

Vi ringrazio per cortesia e i chiarimenti.. se avete dei consigli sono ben accetti.
GR
 

Daniele 78

Membro Storico
Professionista
#15
Scusa un attimo @Francesco Patea , ma il tuo tecnico prima di fare tutti i lavori non ha controllato questa evenienza? Poi quando c'è di mezzo l'esecuzione di un opera strutturale c'è di mezzo il lavoro dello strutturista per valutare che l'intervento non arrechi danno alla palazzina condominiale esistente.
Ovviamente ciò è fondamentale perché ti avrebbe permesso di realizzare la scala interna, fare la fusione catastale e sopratutto alla fine avere la corrispondenza tra stato di fatto catasto e disegni comunali.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Brigantes83 ha scritto sul profilo di Gianco.
Salve Gianco, sono nuovo del forum, desideravo esporle una questione, io ho ricevuto un testamento universale olografo da un'amica, quest'ultima era vedova e non aveva figli, ma esiste una cugina (figlia della sorella di sua madre) e una nipote (figlia del fratello del marito defunto)
essendo il testamento universale a mio favore questi ultimi due persone rientrano comunque nell'asse ereditario? grazie
Salve a tutti vorrei sapere come faccio a regolarizzare la mia cantina alta 2,78 e lunga mt 8 e larga mt 6 seminterrata la quale è stata accatastata risulta sulle planimetrie insieme alla casa.La casa era abusiva ed è stata condonata ma la cantina non risulta il condono non capisco il perché dato che risulta sulle planimetrie.Ora dovrei vendere il tutto ma non vorrei avere problemi in futuro o davanti al notaio.
Alto