• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Andrea Francini

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
#1
volevo chiedere agli esperti del forum quanto è la garanzia sull'impermeabilizzazione di un lastrico solare perchè mi arrivano pareri molto discordanti. Premetto che l'edificio non è di recente costruzione e che il rifacimento del lastrico in oggetto (che ora rifà nuovamente acqua ) fu dato in appalto dall'amministratote ad una ditta edile ( dopo opportuna assemblea) seguita da un direttore dei lavori (geometra per la precisione) di nostra fiducia. In caso su chi dobbiamo rifarci ?
 

Andrea Francini

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
#3
rifatto a maggio/ giugno 2015, nel febbraio 2016 la ditta ci rimise le mani perchè già dava problemi. Si il lastrico è pavimentato ed usato (calpestato) ad uso dell'appartamento all'ultimo piano(un solo appartamento)
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
#4
Anche volendo prendere l'ultimo intervento i 2 anni di Legge sono trascorsi.
A volte i materiali godono di garanzie più lunghe ...ma con tutta una serie di clausole

Se il lastrico viene utilizzato (calpestato) bisogna che l'impermeabilizzazione non sia sottoposta a usura diretta e comunque preferibile nemmeno esposto agli effetti del Sole.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
#5
Si il lastrico è pavimentato ed usato (calpestato)
I problemi sono sorti prima della pavimentazione o dopo? Nel primo caso, probabilmente sono stati causati da un'opera errata o difettosa, quindi se nei termini, imputabile all'impresa che ha eseguito l'impermeabilizzazione. Nel secondo, dovreste interpellare chi ha eseguito il successivo intervento.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
#8
Grazie a Dimaraz della risposta : mi immaginavo che tanto era da rifare tutto di nuovo e vedrai che marasma è un lavoro da 50000 euro!!!!!
I lastrici piani sono fonte certa di infiltrazione, prima o poi l'acqua trova sempre un "passaggio" (e non per colpa di chi esegue il lavoro... un "edificio" è soggetto a movimento).

Non hai spiegato il tipo di pavimentazione e se l'impermeabilizzazione sia stata fatta con la classica vecchia guaina bituminosa o con qualche più innovativo sistema (guaina liquida+fibra)... magari orima di rifare tutto potreste provare con gli impermeabilizzanti ad impregnazione.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
#9
Se non sono stati fatti interventi che abbiano potuto influire sul lavoro iniziale, il difetto dovrebbe essere imputabile al primo intervento, tanto più se ha dato problemi già contestati.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
#11
i lavori di impermeabilizzazione non sono soggetti a garanzia decennale?
Sì, l'art. 1669 c.c. è applicabile anche alle opere di ristrutturazione edilizia e, in genere, agli interventi manutentivi o modificativi di lunga durata su immobili preesistenti che (rovinino o) presentino (evidente pericolo di rovina o) gravi difetti incidenti sul godimento e sulla normale utilizzazione del bene, secondo la destinazione propria di quest’ultimo.
Con rilascio di fideiussione?
Il costruttore è obbligato a contrarre una polizza assicurativa indennitaria decennale, a beneficio dell'acquirente, a copertura dei danni materiali e diretti all’immobile, compresi i danni a terzi, cui sia tenuto ex art. 1669 c.c., derivanti da rovina totale o parziale oppure da gravi difetti costruttivi delle opere, per vizio del suolo o per difetto della costruzione e comunque manifestatasi successivamente alla stipula del contratto definitivo di compravendita o di assegnazione.
Sempre il costruttore è obbligato a procurare il rilascio e a consegnare all'acquirente una fideiussione, di importo corrispondente alle somme e al valore di ogni altro eventuale corrispettivo che il costruttore ha riscosso e, secondo i termini e le modalità stabilite nel contratto, deve ancora riscuotere dall'acquirente prima del trasferimento della proprietà o di altro diritto reale di godimento.
Nella fattispecie in discussione non v'è però un contratto di compravendita.
 
Ultima modifica:

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
#15
sono più di 24 mesi mi dicono gli esperti sopra...
Sono 10 anni, se ricorrono le condizioni per l'applicazione dell'art. 1669 c.c. (se vi sono gravi difetti incidenti sul godimento e sulla normale utilizzazione del bene, secondo la destinazione propria di quest’ultimo). Il diritto del committente si prescrive in un anno dalla denunzia.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Buonasera, volevo dirvi che è in dirittura di arrivo l'acquisto dell'appartamentino attiguo a quello in cui abita mia figlia. dovendo procedere alla fusione mi chiedevo se fosse possibile aprire una porta tra i due balconi piuttosto che all'interno degli appartamenti. Grazie a chi mi darà una risposta circostanziata.
moralista ha scritto sul profilo di Tiziano71.
Avete steso un verbale della situazione dell'immobile, cosa avete concordato al momento della consegna?
Alto