1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. sverza

    sverza Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Buongiorno,
    in una situazione come quella descritta di seguito, come verrebbe gestito il patrimonio?

    Maria è sposata civilmente e religiosamente con Tizio. Dal matrimonio nascono 2 figli.
    Tizio è il fratello di Caio.
    Purtroppo Tizio muore.
    A seguire Maria sposa Caio, solo religiosamente.
    La vita va avanti e per vecchiaia anche Caio muore.
    Caio ha 3 fratelli (ancora in vita) e nessun altro legame.
    Caio era proprietario di una casa con terreno ed eventuali altri averi in denaro.

    Bene, indipendetemente dalla presenza di un testamento e quindi di legge, come dovrebbero essere spartiti gli averi?
    Se non capisco male, in una situazione "semplice" il patrimonio dovrebbe essere spartito tra moglie e figli in percentuali stabilite per legge ed il residuo secondo eventuale testamento, ma penso che il caso da me descritto non sia proprio la stessa cosa.

    Se mancano altri elementi da riportare, sono disponibile
    Grazie
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se manca un testamento, saranno chiamati a succedergli Maria e i loro due figli.
    Se manca un testamento, saranno chiamati a succedergli solamente i suoi tre fratelli. Maria, e i due figli di Maria, non sono eredi legittimi di Caio.
    Se invece facesse testamento, potrebbe destinare liberamente tutto il suo patrimonio a chiunque, anche escludendo i suoi tre fratelli, che non sono eredi legittimari.
     
    Ultima modifica: 2 Settembre 2016
  3. sverza

    sverza Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Quindi anche in presenza di familiari "stretti" (diciamo) in presenza di testamento la parentela non vale.
    Curiosità, c'è un riferimento da cui estrapolare tale affermazione?
    Grazie
     
  4. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Vale, ma solamente per alcuni parenti.
    Art. 536 c.c.
     
  5. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Forse è più chiaro aggiungere che il matrimonio "religioso" tra Maria e Caio, non produce effetti "civili"? (
    p.s.: solitamente usava questo espediente proprio per non perdere i pregressi diritti civili, tipo pensioni di reversibilità da Tizio ecc. ma tutte le medaglie presentano anche il loro rovescio.
     
  6. sverza

    sverza Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Scusate, ora sono in confusione.
    Cosa intendi che il matrimonio "religioso" tra Maria e Caio, non produce effetti "civili"?
     
  7. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    A meno che tu abbia usato termini sbagliati (avevi scritto: "Maria sposa Caio solo religiosamente") il matrimonio religioso (con un ministro del culto cattolico, ma non preceduto dalle pubblicazioni civili) (*) non produce effetti civili. Quindi lo sposo/sposa di quel sacramento per la legge dello Stato non è "coniuge", e pertanto non è un erede legittimo. Può vantare diritti ereditari solamente in caso di vocazione testamentaria.
    (*) Per il codice di diritto canonico (can. 1108), i cattolici che intendono contrarre matrimonio in Italia sono tenuti a celebrarlo unicamente secondo la forma canonica, con l’obbligo di avvalersi del riconoscimento agli effetti civili assicurato dal Concordato.
    L’Ordinario del luogo può dispensare dall’obbligo di avvalersi del riconoscimento agli effetti civili assicurato dal Concordato soltanto per gravi motivi pastorali, stabilendo se nel caso l’atto civile, che per i cattolici non ha valore costitutivo del vincolo matrimoniale, debba precedere o seguire la celebrazione del sacramento e richiedendo l’impegno dei nubendi di non iniziare la convivenza coniugale se non dopo la celebrazione canonica.
     
    Ultima modifica: 2 Settembre 2016
  8. sverza

    sverza Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Ok, infatti poniamo proprio che Maria e Caio si sono sposati solo in chiesa e Maria si "tiene" vedova civilmente appunto per "servizi accessori" (chiamiamoli così) tipo reversibilità, come accennato da @basty .
    Detto questo, vale ancora il fatto che "Se invece facesse testamento, potrebbe destinare liberamente tutto il suo patrimonio a chiunque, anche escludendo i suoi tre fratelli, che non sono eredi legittimari."?
     
  9. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Sì, come avresti dovuto già intendere.
     
  10. sverza

    sverza Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Nemesis, scusami se ho voluto accertarmi di aver capito...
     
  11. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    francamente non puoi scrivere così. Quando una persona muore si apre una successione questa può essere "legittima" se non c'è un testamento redatto dal morto quando era ancora in vita, oppure può essere "testamentaria" se c'é un testamento redatto quando il decuius era ancora in vita.
    Quindi o legittima o testamentaria; lo spezzattino si può fare solo se il testamento non riguarda tutti i beni di proprietà del decuius: in questo caso i bene dei quali non è stata data disposizione verranno suddivisi secondo la successione legittima.
    Se c'é un testamento prima si cerca di mettere in pratica le disposizioni in esso riportate con un occhio ai diritti dei legittimari.
     
  12. sverza

    sverza Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Quello che volevo dire era come il patrimonio sarebbe dovuto essere gestito in caso di presenza di testamento ed in caso lo stesso non fosse stato redatto
     
  13. fausto manca

    fausto manca Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Vorrei fare una precisazione: alla morte di Caio succedono i tre fratelli sopravissuti e per rappresentazione, anche i due figli del fratello Tizio.
     
  14. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Questo in caso di successione legittima. In presenza di testamento può succedere ... di tutto.
     
  15. fausto manca

    fausto manca Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    la mia puntualizzazione era rivolta al primo intervento di Nemesi (Se manca un testamento, saranno chiamati a succedergli solamente i suoi tre fratelli. Maria, e i due figli di Maria, non sono eredi legittimi di Caio.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina