1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Roby72

    Roby72 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Ho affittato un appartamento arredato e privo di giardino ad una famiglia di 4 persone. Da circa un mese gli inquilini che vivono nel mio appartamento sono diventati 7, più due cani. Posto che, il contratto di affitto da noi sottoscritto e regolarmente registrato, contiene delle clausole secondo le quali "l'immobile dovrà essere destinato esclusivamente ad uso di civile abitazione del conduttore e delle persone con lui attualmente conviventi (quindi al momento della firma del contratto, ovvero 2 mesi prima, erano solo 4)" e ancora "il conduttore non può sublocare cedere o dare in comodato l'immobile... pena la risoluzione di diritto del contratto", ci sono i presupposti per recedere dal contratto e chiedere il rilascio dell'immobile?
     
  2. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    E' già scorretto che non te l'abbia detto...e se non te l'ha detto è segno che sapeva già di commettere un abuso. Quindi è portato alla disonestà...Fai attenzione che il passo è breve ad attivare l'inadempienza dei canoni. Non perdere tempo...diffidilo solo per telefono e poi corri dall'avvocato...Quiproquo.
     
  3. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Certamente l'inquilino può ospitare chi vuole a casa sua, ma deve essere un ospite non un componente del nucleo, salvo che non sia un nuovo arrivato in conseguenza di un parto. Ti consiglierei di richiedere un suo stato di famiglia, credo che possa essere rilasciato. Così potrai capire se sono di passaggio o residenti. Ovviamente i cani non appaiono in detto certificato. Ma probabilmente, se prima non c'erano, sono arrivati al loro seguito. Se nel contratto non è previsto un divieto esplicito ed il condominio è tollerante, non credo che possa pretendere il loro allontanamento.
     
    A pesco piace questo elemento.
  4. Franz

    Franz Membro Attivo

    Impresa
    tenere presente la regola che ci devono essere 14 mq per ogni occupante, quindi la casa deve essere di almeno 98 mq
     
  5. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Franz, il parametro da te richiamato è indicativo per la progettazione ed è difficilmente applicabile nella realtà. Esistono tante case popolari che ospitano famiglie numerose, andando ben al di sotto di detto limite, senza che nessuno sia mai intervenuto per farlo rispettare..
     
    A pesco piace questo elemento.
  6. Franz

    Franz Membro Attivo

    Impresa
    è vero, ma ad un mio conoscente che si era portato altre 3 persone ad abitare nella casa in affitto, è stata fatta dai vigili una multa per troppe persone in casa

    ritengo che questa norma di solito non viene fatta rispettare, a meno che qualcuno chiama l'autorità
     
  7. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
  8. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
  9. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Se non esiste contratto di sublocazione nessun abuso è stato commesso...anzi...qualche perplessità (clausola vessatoria) mi sorge in merito ad un obbligo all'uso, come civile abitazione, solo per i componenti del nucleo al momento della firma...inteso come numero di persone.

    Questi sono gli unici "argomenti" validi eventualmente per contestare.

    Riguardo i cani (o animali domestici in genere) nemmeno la presenza di un divieto in regolamento avrebbe valore perchè di fatto è diventata norma "nulla" con la modifica alle leggi di condominio.
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  10. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Nel mio caso l'inquilino ha "confessato" che i suoi parenti/amici (in realtà erano estranei al suo nucleo familiare) lo aiutavano a pagare affitto e spese. Praticamente era una sublocazione, espressamente vietata dal contratto, in nero. Dopo le rimostranze mie e dei condòmini, disturbati dal rumore e da altri comportamenti poco civili di costoro, gli ospiti se ne sono andati.
     
    A quiproquo piace questo elemento.
  11. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Potrebbe essere una sublocazione in nero. E quindi una violazione del contratto di locazione che la vieta.
     
  12. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Accusa che va dimostrata. Nemmeno una compartecipazione volontaria alle spese equivale a "contratto di sublocazione in nero".
     
  13. sergio gattinara

    sergio gattinara Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Scusate ma c'è aqualcosa che mi sfugge.
    Se il contratto dice
    "l'immobile dovrà essere destinato esclusivamente ad uso di civile abitazione del conduttore e delle persone con lui attualmente conviventi (quindi al momento della firma del contratto, ovvero 2 mesi prima, erano solo 4)"
    non basta ? C'è scritto da qualche parte quanti erano?
     
  14. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Già spiegato che una siffatta limitazione sarebbe quantomeno "vessatoria".
    Quanod noleggi/affitti qualcosa lo fai nei limiti d'uso che la Legge consente di quel determinato bene.
    Come si potrebbe anche lontanamente pensare di contestare la presenza di nuovi componenti il nucleo famigliare?
    Che fai..se nasce un figlio prentendi che l'inquilino lasci l'abitazione?

    Parimenti anche per gli altri eventuali...visto che per fare un nucleo non serve necessariamente un rapporto di sangue o un contratto matrimoniale (vedasi convivenza).
     
    Ultima modifica: 19 Settembre 2015
  15. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Nella discussione precedente io avevo precisato che sono ovviamente ammessi nuovi componenti del nucleo familiare del conduttore (nuovi figli nati e/o adottati, ricongiungimenti familiari previsti dalla legge).

    Ma quando si tratta di altre persone, vi pare lecito che possano soggiornare nell'appartamento a tempo indeterminato? Ossia: il locatore ha stipulato un contratto di locazione di 4 + 4 anni con una famiglia di 4 persone. E' lecito che vi possano abitare altre 3 persone, potenzialmente per tutta la durata del contratto (8 anni), senza neppure avvisare il proprietario?
     
  16. Roby72

    Roby72 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    probabilmente si potrà evin
    credo si possa evincere il numero degli inquilini iniziali da un certificato di residenza...
    Per quanto riguarda invece i cani, non essendoci un regolamento condominiale (poichè l'immobile fa parte di una palazzina di soli due appartamenti entrambi di mia proprietà), come si fa a stabilire se gli animali sono ammessi? Nel contratto gli animali non sono menzionati.
     
  17. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
  18. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Certamente lecito...se le citate "norme" di Legge riportate da Franz sono rispettate.
    Non mi risulta obbligo di segnalare al locatore i "nuovi nati"...parimenti per gli eventuali nuovi componenti il nucleo famigliare (esiste specifica "prassi" di Legge per tale qualificazione).
     
    A pesco piace questo elemento.
  19. sergio gattinara

    sergio gattinara Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    e allora chi ha messo la clausola n0n ne ha tenuto conto di tutti queste puntulizzazioni ? se è un ecnico è molto strano
     
  20. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Forse non si riesce a capire la differenza tra "persone appartenenti ad un nucleo familiare" (nucleo familiare del conduttore) e "persone estranee" a quel nucleo familiare, quindi ospiti.

    Nei condomìni (e qui a Torino sono tanti) dove esiste un solo contatore dell'acqua per tutto il palazzo, è obbligatorio segnalare all'amministratore quante persone vi abitano. Perché la spesa per consumo di acqua viene addebitata in base al numero di occupanti di ogni unità immobiliare.
    Il proprietario che affitta a terzi è soggetto a questo obbligo, quindi deve sapere quanti inquilini ci sono nel suo appartamento. Il nucleo familiare del conduttore può variare durante il periodo di locazione: nuove nascite, figli adulti che se ne vanno, decessi, separazioni, ecc.
     
    A pesco piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina