• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

kromosomo

Membro Attivo
Proprietario Casa
salve,mi farebbe piacere sapere se un condominio è obbligato a costruire scivoli o quant'altro per permettere ad un suo condomino di poter superare tre rampette di scale da 3/5 scalini per poter accedere al vano ascensore e viceversa.Si è comunque soggetti al volere dell'assemblea o l'amministratore può agire a prescindere dietro richiesta del diretto interessato o dei parenti?grazie
 

Franci63

Membro Senior
Proprietario Casa
Qui trovi spiegato bene cosa fare: il problema è lo stesso, sia che la necessità sia di tanti condomini, o di uno solo.
 

kromosomo

Membro Attivo
Proprietario Casa
Qui trovi spiegato bene cosa fare: il problema è lo stesso, sia che la necessità sia di tanti condomini, o di uno solo.
grazie esauriente ed istruttivo...si evince che non vi è obbligo alcuno da parte del condominio di abbattere le barriere architettoniche e poter cosi facilitare la vita ad un portatore di handicap motorio...poi tutti a messa!!!
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Ma si evince anche che il condominio non può più vietare alla minoranza la esecuzione di lavori che abbattano le barriere architettoniche; il che è il rovescio della medaglia.

allora l’articolo 2, comma 2, della legge n. 13 del 1989 stabilisce che i portatori di handicap possono installare, a proprie spese, servoscala o strutture mobili e facilmente rimovibili e possono anche modificare l’ampiezza delle porte di’accesso, per rendere più agevole l’accesso agli edifici, agli ascensori e alle rampe dei garages.
 

queenalexa

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Buongiorno, il disabile illustra al condominio la sua necessità di installare dispositivi (dall'ascensore alla piccola rampa) per rendersi più facile la vita.
Il condominio può opporsi se le opere porteranno problemi alla stabilità del palazzo e al suo decoro e se daranno ulteriori problemi ad altri condomini. Es. non si possono tagliare colonne portanti o far passare l'ascensore in case altrui o occupare le scale in modo da renderle inservibili.
In quanto agli altri condomini non hanno obbligo di partecipare alla spesa. Nessuna legge finora obbliga a fare beneficenza. Sui verbali quindi si scrive che il condominio rifiuta/accetta con/senza partecipazione alla spesa.
 

moralista

Membro Senior
Professionista
Necessita di fare uno studio sul posto per non arrecare tutti i problemi da te elencati, i condomini non possono vietare di togliere le barriere architettoniche, non sono obbligati a partecipare alle spese, ma possono opporsi se stravolgi tutto il locale ascensore
 

queenalexa

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
In sostanza è così. Ma cosa significa stravolgere l'ascensore? allargarne uno esistente, se non incide sugli appartamenti adiacenti o sui muri portanti, ok va bene.
Ma installarne uno nuovo e pretendere che tutti i condomini dell'ala del palazzo sacrifichino parte della loro abitazione no. Installarlo fuori del palazzo e pretendere di passare davanti le finestre dei condomini, assolutamente no.
Per locale ascensore si intende la cabina di "pilotaggio" dove ci sono le funi dei contrappesi o l'albero motore. Se si cambia l'ascensore è ovvio che i dispositivi contenuti nel locale vanno cambiati, pena la stabilità dell'ascensore e anche del palazzo.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

buonasera,
desidero sapere in quale posto del testamento viene collocata la sottoscrizione del testatore. Sembrerebbe, a seguito della sent. Cass. n.14119 del 20.01.2014, che la firma possa essere posta, se dovesse mancare lo spazio alla fine delle disposizioni, lateralmente o in altro posto del foglio. SEmbra vero?
Alto