1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. StLegaleDeValeriRoma

    StLegaleDeValeriRoma Membro Assiduo

    Professionista
    Capita talvolta si sentirsi chiedere questo da chi vorrebbe trarre vantaggio dalla latitanza del proprietario che ha concesso un bene immobile in comodato prevedendo anche un semplice rimborso spese dal comodatario.
    Ebbene va premesso che l'usucapione è un modo di acquisto a titolo originario della proprietà di un bene immobile e che l'art. 1158 del codice civile richiede il possesso continuato ventennale, ridotti a quindici per la piccola proprietà rurale, mentre l'art. 1164 vieta la possibilità di usucapire il bene per chi lo detenga in virtù di un diritto reale su cosa altrui se il titolo del possesso non muta per causa proveniente da un terzo o in forza della sua opposizione contro il diritto del proprietario.
    Questo è il punto decisivo per cui se possiedo un bene immobile, ad esempio un box, in virtù di un contratto di comodato, non potrò mai usucapirlo.
    La validità ed efficacia del contratto di comodato conosciuta dalle parti e da costoro pacificamente accettata impedisce il maturarsi dell'usucapione a favore del comodatario e a scapito del comodante proprietario.
    La Cassazione, sentenza n. 5551 del 2005 ha ribadito questo principio precisando che il possesso utile ad usucapire ex art. 1141 non opera quando la relazione derivi non da un atto volontario di apprensione ma da un atto o fatto del proprietario possessore, quindi ad esempio la concessione di comodato, poichè l'attività del soggetto che dispone del bene non è svolta in opposizione al proprietario.
    Se il godimento del bene è cominciato in base ad un comodato precario per ragioni di servizio non è sufficiente, rilevano i giudici di legittimità, a farne desumere la trasformazione in possesso utile per l'usucapione la semplice mancata restituzione delle chiavi.
    Il detentore, per semplificare, dovrà comunicare formalmente al proprietario l'intento di continuare a tenere il bene non riconoscendo il possesso del comodatario ma il proprio mentre costui farà bene ad opporsi ribadendo l'esistenza di una concessione di comodato.

    Il riconoscimento dell'avvenuta usucapione del bene richiede da parte dell'interessato l'avvio mediante il patrocinio di un avvocato di un procedimento ordinario ex art. 1158 dinanzi il Tribunale competente per territorio che si concluderà, se vi sono i presupposti di legge, con una sentenza che accerta e dichiara l'acquisto della proprietà del bene costituendo un titolo che andrà trascritto presso la conservatoria dei registri immobiliari.
    Avv. Luigi De Valeri:daccordo:
     
    A mariafuga e possessore piace questo messaggio.
  2. cautandero

    cautandero Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Mi diceva un vecchio Avvocato, che l'usucapione è un furto legalizzato. Sarà vero? Non lo sò.
     
  3. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    non è un furto legalizzato se non ti sei interessato della proprietà per tanto tempo e non hai mai fatto manutenzione cosa pretendi di trovare dopo 20 0 30 anni, se altri non si fossero accupati a mantenere in efficienza la cosa?
     
    A beppebre piace questo elemento.
  4. cautandero

    cautandero Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Bene. Adesso sò che non è un "furto legalizzato". Grazie.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina