1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Fifo84

    Fifo84 Membro Attivo

    Mi è arrivato un accertamento di ICI non pagata per l'anno 2009-2010-2011.
    Questa casa è intestata al 25% a me e al 25% a mio fratello e 50% allo stato ( impicci).
    Ora, su tale accertamento, risulta che sono secondo loro, son proprietario al 50% di questo immobile ( quando, sul catasto,e sulla dichiarazione di successione c'è scritto il 25% ).
    E già credo sia un errore. Il secondo è, che dentro ci abita mio fratello, pertanto, anche se io in quegli anni ero residente altrove, l'ho lasciata a lui come USO GRATUITO.
    Ma questa cosa, andava scritta da qualche parte? Essendo x lui prima casa, quell'ICI li non sarebbe da pagare nè per lui, nè per me, visto che all'epoca, se c'era un famigliare l'ICI non era dovuta.
    Giusto? sbaglio qualcosa?
     
  2. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Se tuo fratello nei tre anni indicati aveva la residenza nella casa non deve pagare la sua quota del 25%.
    Tu avresti dovuto registrare un contratto di comodato gratuito con lui per usufruire delle agevolazioni ICI (non so quali) previste dal regolamento del tuo comune sul tuo 25% e comunicarlo al comune stesso.
    Sul restante 50% dvee pagare l'ICI l'altro proprietario.
    Recati all'ufficio tributi del comune con la dichiarazione di successione e altre carte che dimostrino la residenza di tuo fratello e fai presente la cosa.
     
  3. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Ciò, solamente se il regolamento comunale prevedeva che la cessione in uso gratuito risultasse da un formale contratto scritto di comodato.
     
  4. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Di solito era così, bisogna vedere cosa diceva il regolamento ICI comunale di Roma negli anni indicati.
     
  5. Fifo84

    Fifo84 Membro Attivo

    salve
    E' del comune di Pescia in realtà,ma non trovo sul sito che si richiedesse per iscritto.
    Mentre, per il fatto che mi hanno fatto un conteggio sul 50% ? quando a me spetta solo il 25% ??
     
  6. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    La maggior parte dei comuni (ma non tutti) prevedeva l'esenzione ICI per il comodato gratuito ai familiari: bisogna comunque leggere bene il regolamento ICI comunale in quanto spesso venivano indicati i familiari in linea retta (genitori - figli )e talvolta ascendenti (nonni) e discendenti (nipoti). La maggior parte dei comuni non ha mai menzionato i familiari in linea collaterale (fratelli - sorelle - zii). Se invece il tuo comune accettava anche i familiari in linea collaterale era necessario presentare una dichiarazione sostitutiva di atto notorio in cui veniva indicato il comodato gratuito al fratello. La maggior parte dei comuni lo predisponeva nella modulistica del sito. Se il tuo comune non accettava il comodato gratuito ai parenti in linea collaterale, non ti resta che pagare per il tuo 25% in quanto, non avendo la residenza, per te era seconda casa. Saluti.
     
  7. Fifo84

    Fifo84 Membro Attivo

    ART. 16 – Aliquote ridotte e detrazione d’imposta 6 7
    1. Ai fini dell’aliquota ridotta e della detrazione d’imposta è equiparata all’abitazione principale
    così come definita dall’art.8 del D.lgs. 504/92:
    - l’ unità immobiliare e le relative pertinenze posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da anziani
    disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari in modo permanente, a
    condizione che la stessa non risulti locata o di fatto occupata;
    - L’abitazione e le relative pertinenze concesse dal possessore in uso gratuito ai parenti in linea retta
    entro il primo grado sia ascendente che discendente, a condizione che gli stessi vi dimorino
    abitualmente e ciò risulti dall’iscrizione anagrafica.
    6 Modificato con Delibera C.C. nr. 18 del 27/03/2009
    Al comma 1) dell’art.16 si aggiunge il seguente capoverso –“L’abitazione e le relative pertinenze concesse dal
    possessore in uso gratuito ai parenti in linea retta entro il primo grado sia ascendente che discendente, a condizione che
    gli stessi vi dimorino abitualmente e ciò risulti dall’iscrizione anagrafica”
    Il comma 2) dell’art.16 è sostituito dal seguente. “ 2. Sono soggette alla sola aliquota ridotta nella misura del 4,8 per
    mille con esclusione della detrazione di imposta le unità immobiliari e le relative pertinenze da chiunque possedute,
    locate con contratto registrato, così come stabilito dai commi 3 e 4 art.2 della L. 431/98, ad un soggetto che le utilizzi
    come abitazione principale;
    7 Modificato con C.C. nr. 15 del 31/03/2010
    Al comma 3) si sostituisce “di cui al comma 2” con “di cui ai commi 1 e 2 “
    7
    2. Sono soggette alla sola aliquota ridotta nella misura del 4,8 per mille con esclusione della
    detrazione di imposta le unità immobiliari e le relative pertinenze da chiunque possedute, locate
    con contratto registrato, così come stabilito dai commi 3 e 4 art.2 della L. 431/98, ad un soggetto
    che le utilizzi come abitazione principale a condizione che copia del contratto di locazione sia
    allegata all’autocertificazione di cui al comma 3 del presente articolo.8
    3. Per beneficiare dell’aliquota ridotta di cui ai commi 1 e 2 del presente articolo, il contribuente
    presenta idonea autocertificazione, ai sensi del DPR 28 dicembre 2000 nr.445, entro i termini
    previsti per il versamento in acconto ICI. Tale certificazione si intende tacitamente rinnovata fino a
    quando ne sussistano le condizioni 9.
    4. L’Amministrazione si riserva la facoltà di controllare e richiedere, in qualsiasi


    ECCO IL REGOLAMENTO..SECONDO VOI, ANDAVA REGISTRATO PER ISCRITTO?
     
  8. Fifo84

    Fifo84 Membro Attivo

    ciao, grazie per la risposta.
    E questo OK, ma dai conti fatti, loro vogliono da me, dei soldi conteggiati sul 50%..ma non è mia proprietà!
     
  9. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Purtroppo ho ragione io, non occorre registrare alcun contratto di comodato in quanto non puoi godere di esenzione. Saluti.
     
  10. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Bisogna vedere a chi è intestato il 50% della casa.
    In alcuni casi l'ICI e adesso l'IMU lo deve pagare per intero anche chi non è intestatario al 100% dell'immobile, è il caso di chi acquista un fabbricato in leasing: il proprietario è la società di leasing ma l'IMU lo deve pagare l'utilizzatore, oppure il coniuge superstite che gode del diritto di abitazione sull'intera casa di abitazione ma magari al castasto risulta erede solo di un terzo... anche in questo caso il vedovo/a si ritrova l'IMU a carico per l'intero. Saluti.
     
  11. Fifo84

    Fifo84 Membro Attivo

    CIao Essezeta.
    SUl catasto e sulla dichiarazione di successione la cosa è cosi : 25% io, 25% mio fratello, 50% eredità rifiutata di mio padre.
    Quest'anno l'IMU ad esempio, io l'ho pagata calcolando il mio 25%..non ho capito il tuo ragionamento sull'immobile
     
  12. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Devi provare a spiegare la situazione all'ufficio ICI del tuo comune.
    Saluti.
     
  13. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    L'accertamento fatto dal comune potrebbe non essere conforme, recati con tutti i documenti in tuo possesso e vedrai che tutto si acclarerà ciao
     
  14. Solaria

    Solaria Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Se tuo padre ha rifiutato l'eredità tu e tuo fratello siete diventati eredi della sua quota e quindi ora siete comproprietari dell'immobile al 50%, quindi è giusto che tu paghi l'ICI sul 50% dell'immobile.
     
  15. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Forse però voleva dire che il 50% residuo era la proprietà del padre, deceduto, e che i figli hanno rifiutato la eredità.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina